Diritto e Fisco | Editoriale

Netflix: cos’è e come funziona

2 maggio 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 2 maggio 2018



Streaming on demand: cos’è? Quali sono i vantaggi di Netflix? Quanto costa un abbonamento? Si può vedere Netflix offline?

C’era una volta la magia del grande schermo: nulla poteva essere paragonato alla visione di un film appena uscito al cinema. L’odore dei popcorn, il brusio prima dello spegnersi delle luci, i trailers e il maxischermo facevano parte di una magia che, forse, è tramontata. Ed infatti, la televisione sembra aver soppiantato il cinema in quanto a successo e qualità dell’intrattenimento. Ciò è dovuto non soltanto alla crisi economica, che ha spinto sempre più persone a rinunciare all’uscita al cinema per risparmiare il costo del biglietto, ma anche alla capacità del piccolo schermo di saper investire su prodotti di qualità sempre maggiore.

Una spinta ulteriore verso il nuovo successo della televisione deriva dall’incredibile popolarità di cui hanno goduto le serie televisive, oramai vero e proprio cavallo di battaglia delle reti. Il passo ulteriore è stato compiuto con il servizio on demand che consente all’utente di poter scegliere in qualunque momento cosa vedere.

È proprio in questo contesto che si inserisce Netflix. Cos’è Netflix? Come funziona? Quanto costa? Con il presente articolo risponderemo a tutte queste domande.

Netflix: cos’è?

Netflix è un servizio tv a pagamento che consente di vedere sul proprio televisore i programmi offerti ai clienti. Si tratta di un servizio streaming on demand: Netflix sfrutta la rete internet per trasmettere i propri contenuti.

In poche parole, Netflix offre un vero e proprio menu di programmi, film, serie tv e quant’altro, tutti fruibili quando il cliente decide di selezionarli e vederli. Si pensi a chi, dopo una dura giornata di lavoro, torni a casa e non desideri altro che godersi un paio di puntate della sua serie tv preferita riposando sul divano: con Netflix tutto ciò può accadere perché la programmazione non “scorre” come un fiume, cioè non è divisa in fasce orarie, ma è “statica”, in attesa di essere scelta dall’abbonato.

Netflix: quali vantaggi?

Poiché Netflix è un servizio streaming, i suoi prodotti potranno essere visionati anche da pc e da smartphone, in modo tale da poter essere utile anche a chi non si trovi in casa e abbia un po’ di tempo libero da passare con il suo cellulare.

La grande comodità di Netflix, dunque, è quella di essere a completa disposizione dell’abbonato, il quale decide quando e come vedere i contenuti che preferisce; tutto senza interruzioni pubblicitarie.

Inoltre, Netflix consente di scaricare legalmente film e serie tv preferite: il download permette di conservare sul proprio dispositivo (pc, tablet, ecc.) il contenuto prescelto, con il grande vantaggio di poterlo riprodurre anche senza connessione internet.

Netflix: quanto costa?

Abbiamo visto cos’è Netflix e quali sono i suoi vantaggi principali. Vi sono però alcuni aspetti che ne rappresentano il contraltare. Innanzitutto, come si è già potuto evincere da quanto sinora detto, Netflix è un servizio a pagamento: solo gli abbonati possono guardare Netflix in streaming.

Per allargare quanto più possibile la platea dei suoi spettatori, Netflix permette di scegliere tra diverse tariffe:

  • Abbonamento minimo da 7,99 euro al mese: consente di guardare Netflix a definizione standard (cioè, non in hd);
  • Abbonamento medio da 10,99 euro al mese: oltre all’alta definizione, Netflix consente di guardare i suoi programmi contemporaneamente su due dispositivi diversi (ad esempio, televisione e computer);
  • Abbonamento superiore da 13,99 euro al mese: include la visione in ultra hd e la possibilità di guardare i contenuti fino a quattro dispositivi in contemporanea.

Netflix: come abbonarsi?

Abbonarsi a Netflix è davvero semplice: è sufficiente visitare il sito internet ufficiale e cliccare sul pulsante Abbonati. Netflix offre la possibilità di provare gratuitamente per un mese i suoi servizi: per fare ciò basta cliccare sul bottone Abbonati gratis per un mese. Si tratta di una vera e propria prova gratuita, non vincolante per l’utente il quale, al termine del mese, può tranquillamente non rinnovare (a pagamento) il servizio. Addirittura è possibile disdire ancora prima della scadenza del periodo gratuito, senza alcun costo.

Netflix chiede, al momento della registrazione, di inserire un indirizzo email, la password e il numero di carta dove poter addebitare il costo del servizio.

Netflix: quali svantaggi?

Se il prezzo costituisce uno dei punti deboli di Netflix (sebbene, per onestà, si deve dire che l’abbonamento minimo costi davvero poco), esistono almeno un altro paio di svantaggi che derivano da questo servizio.

Innanzitutto, per godere appieno delle funzionalità di Netflix occorre avere una buona connessione ad internet. Pertanto, prima dell’acquisto, è consigliabile controllare la velocità della propria linea. Ciò soprattutto se si vuole godere dei spettacoli in hd o in ultra hd (cioè 4k). La banda larga minima richiesta da Netflix è 0,5 megabit al secondo fino ad arrivare a 25 megabit per la qualità ultra hd.

Altro elemento da valutare prima di abbonarsi è l’offerta di Netflix. Come detto, Netflix mette a disposizione del cliente un carnet di contenuti dal quale poter scegliere cosa, come e quando godersi la proiezione. Questo comporta che, da un lato, l’abbonato Netflix potrà accedere a contenuti esclusivi, impossibili da reperire altrove; dall’altro, però, dovrà accontentarsi di quello che c’è.

Quindi, un po’ come quando, in una fredda giornata d’inverno, ci incolliamo alla vetrina di una cioccolateria immaginando già di assaporare tutte le leccornie che può offrirci, alla stessa maniera occorrerà osservare attentamente la vetrina di Netflix per evitare, poi, di rimanere delusi.

È pur vero che Netflix aggiorna costantemente la propria programmazione e che, quindi, quello che oggi non c’è domani potrebbe essere acquisito e diventare uno dei nuovi contenuti.

Infine, va precisato che Netflix, quale società, finanzia la produzione di contenuti (serie tv e film) che, ovviamente, poi trasmetterà in esclusiva per i propri abbonati.

Netflix: il futuro è già qui?

Netflix ha senz’altro rappresentato una svolta nel nuovo approccio al mezzo televisivo. In un certo senso, ha comportato una specie di rivincita del piccolo schermo nei confronti del cinema. Netflix non è l’unico servizio streaming on demand su piazza; probabilmente, però, è quello più noto, in grado di offrire una vasta gamma di prodotti in esclusiva.

Netflix non si è fermato alla televisione: investendo sui film, ha prodotto pellicole che hanno partecipato ad importanti festival del cinema, ribadendo quindi l’importanza di essere presenti non solo a casa, ma anche in sala.

note

Autore immagine: Pixabay.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI