Diritto e Fisco | Editoriale

Quanto costa un bonifico?

2 maggio 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 2 maggio 2018



Le commissioni per trasferire soldi da un conto all’altro cambiano a seconda delle banche, del tipo di operazione o del luogo in cui si trova il beneficiario.

Poche comodità sono gratuite. Trasferire dei soldi da un conto corrente all’altro senza muoversi di casa è, sicuramente, un agio a portata di tutti. Ma, naturalmente, ha un prezzo. Quanto costa un bonifico, bancario o postale che sia? Dipende dall’istituto di credito, dalle condizioni pattuite al momento di aprire il conto, dal luogo in cui si trova il destinatario (all’estero il costo è più elevato che all’interno del territorio nazionale). Si può, quindi, avere un’idea di quanto costa un bonifico conoscendo quali sono le variabili. Non bisogna trascurare nemmeno i tempi che ci vogliono per effettuare il pagamento telematico ed il giorno effettivo in cui si può disporre di quel denaro (se si è il beneficiario del bonifico) o il giorno effettivo in cui i soldi prendono il volo (se si è il pagatore). Vediamo tutti questi dettagli per arrivare a stabilire quanto costa un bonifico.

Bonifico: da che cosa dipende il costo?

Dicevamo che ci sono delle variabili che incidono sul costo di un bonifico, sempre a carico di chi lo ordina e non di chi li riceve. Per quanto riguarda quello bancario, le più importanti sono:

  • le condizioni imposte dalla banca (si possono trattare al momento dell’apertura del conto corrente o in un momento successivo);
  • il tipo di bonifico (se resta nel territorio nazionale oppure i soldi devono arrivare su un conto estero);
  • la cifra da trasferire;
  • la modalità con cui viene fatta l’operazione (online oppure allo sportello);
  • il destinatario del bonifico (se correntista della stessa banca, l’operazione è quasi sempre gratuita);
  • le caratteristiche del bonifico (se urgente, ha un costo più elevato rispetto a quello normale).

A titolo esemplificativo, e per citare i maggiori gruppi bancari italiani, ecco i costi dei bonifici:

Tipo bonifico

Intesa SanPaolo

Unicredit

Bnl

Sportello in contanti

9 euro

7,75 euro

4,50 euro

Addebito in conto

2 euro

5,25 euro

4,50 euro

Ricorrente

3 euro

3,75 euro

3 euro

Online

1 euro

2,25 euro

1euro

Come detto, il cliente può trattare queste commissioni con la banca per cercare di abbassare i costi.

Il costo di un bonifico all’estero

Anche nel caso di un bonifico bancario verso un conto estero può avere delle variabili: di norma, un bonifico verso una banca con sede all’interno dello Spazio economico europeo costa di meno rispetto a quello di una banca di un Paese extracomunitario. Si può partire da un costo di poco superiore ad 1 euro fino ad arrivare a commissioni pari a diverse decine di euro (anche 40 o 50 euro per Paesi come Cipro, Estonia, Ungheria o Repubblica Ceca).

Il costo di un bonifico istantaneo

Dal 21 novembre 2017 è possibile effettuare dei bonifici bancari istantanei (i cosiddetti instant payment), cioè un pagamento in un massimo di 10 secondi a qualsiasi ora ed in qualsiasi giorno della settimana, compresi domenica e festivi. Consente di trasferire fino a 15.000 euro per ogni operazione. In Italia ci sono tre banche presso le quali effettuare questo tipo di transazione. Si tratta di:

  • Unicredit: il costo di un bonifico istantaneo è di 1,60 euro;
  • Intesa SanPaolo: il costo è di 2,50 euro;
  • Banca gruppo Sella: il costo è di 2,30 euro.

Il costo di un bonifico postale

La principale differenza tra il bonifico bancario ed il bonifico postale è che chi effettua l’ordine deve avere un conto presso Poste italiane anziché in un istituto di credito. Il cliente lo può effettuare sia allo sportello sia online, collegandosi al sito delle Poste o scaricando l’app . Ci sono, comunque, due strumenti a disposizione per il trasferimento del denaro: il bonifico vero e proprio ed il Postagiro.

Il bonifico postale consente di trasferire denaro verso un conto bancario anche all’estero, sia verso Paesi dell’area Sepa sia verso gli altri Stati.

Il Postagiro consente, invece, di trasferire dei soldi da un conto corrente postale ad un altro, sempre presso lo sportello oppure online attraverso il servizio di home banking di Poste italiane. Non ci sono dei limiti di importo, purché questo non superi la disponibilità sul conto postale.

Ma quanto costa un bonifico postale? Il trasferimento online di denaro all’interno del territorio nazionale costa 1 euro. Come spiega Poste italiane, per le transazioni verso Stati che adottano l’euro non si applicano scarti di cambio, previsti invece all’1,5% per i Paesi europei non inseriti nell’Eurozona (Regno Unito, Svezia, Norvegia, ecc.) e al 2% per i Paesi extraeuropei. Per quanto riguarda, invece, il bonifico postale effettuato allo sportello, il costo è di 2,50 euro.

Bonifico: i tempi per l’accredito dei soldi

I tempi in cui vengono accreditati i bonifici possono cambiare a seconda della tipologia di operazione, cioè se si tratta di un bonifico all’interno della stessa banca oppure se il beneficiario si trova in Italia o all’estero. Di norma, in Italia si parla di 2/3 giorni lavorativi dalla data in cui è stato fatto l’ordine. Se il beneficiario si trova in un Paese dell’area Sepa, cioè all’interno dello Spazio economico europeo, i tempi vanno dai 4 ai 5 giorni lavorativi, mentre per un bonifico verso un Paese extracomunitario occorre attendere più o meno una settimana.

Gli stessi tempi di attesa occorrono per i bonifici postali.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI