Diritto e Fisco | Articoli

Vendita della prima casa: quali tasse?

5 Maggio 2018
Vendita della prima casa: quali tasse?

Quali costi o imposte dovrò sostenere se dovessi vendere una prima casa con più di 5 anni di proprietà senza però acquistarne un’altra?

Occorre dire innanzitutto che la cessione a titolo oneroso (cioè la vendita) da parte di una persona fisica di un immobile acquistato da più di 5 anni non prevede alcuna tassazione.

In dettaglio:

– le agevolazioni per l’acquisto della cosiddetta “prima casa” non si perdono se si vende o si dona l’abitazione dopo il decorso di 5 anni dalla data di acquisto (in sostanza la decadenza dalla agevolazioni fiscali per l’acquisto della prima casa si verifica solo se l’abitazione viene rivenduta entro i 5 anni dall’acquisto e se non si proceda entro un anno al riacquisto di altro immobile da adibire a propria abitazione principale; ma se dall’acquisto della “prima casa”sono già passati oltre cinque anni, le agevolazioni non si perdono comunque anche se non si riacquista nessuna nuova “prima casa”);

– il venditore di un immobile acquistato da più di 5 anni non è soggetto nemmeno al pagamento dell’Irpef sulla plusvalenza (articoli 67 e 68 del testo unico sulle imposte sui redditi) generata dalla differenza tra il corrispettivo complessivo ottenuto dalla vendita dell’immobile ed il valore di acquisto dello stesso;

– in ogni caso, poi, sono escluse dalla tassazione Irpef sulla plusvalenza le vendite di immobili anche se avvenute prima dei 5 anni dalla data del loro acquisto a condizione che per la maggior parte del periodo intercorso tra l’acquisto e la vendita sono stati adibiti ad abitazione principale del venditore oppure dei suoi familiari (cioè il venditore o i suoi familiari vi abbiano avuto la loro residenza).

Perciò il lettore, in base agli elementi forniti nel suo quesito:

– non perderà le agevolazioni sulla “prima casa”;

– non è soggetto nemmeno al pagamento dell’Irpef sulla plusvalenza da rivendita.

Si noti, infine, che le spese per l’onorario dovuto al notaio per il rogito e le attività connesse sono a carico dell’acquirente, a meno che l’acquirente ed il venditore non si accordino diversamente (così stabilisce l’articolo 1475 del codice civile).

A carico del venditore sono invece le spese che fossero necessarie per presentare eventuali richiestedi sanatorie edilizie o di correzione di mappe catastali errate o per presentare volture catastalimancanti.

Restano, infine, a carico di chi le avesse già sostenute le spese erogate a favore di professionisti per leconsulenze nella fase precedente alla stipula del rogito e l’eventuale provvigione corrisposta almediatore.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Angelo Forte



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube