Diritto e Fisco | Articoli

Nuovi limiti di iscrizione ipotecaria per Equitalia

19 Dicembre 2012 | Autore:
Nuovi limiti di iscrizione ipotecaria per Equitalia

Ecco il limiti che Equitalia deve rispettare nell’iscrivere ipoteca sugli immobili.

Equitalia (o qualsiasi altro agente di riscossione dei tributi) deve rispettare dei limiti ben precisi se intende iscrivere ipoteche su immobili.

Si tratta di una novità in vigore dallo scorso 29 aprile [1].

La legge stabilisce infatti che l’Agente della riscossione non può iscrivere ipoteca se l’importo complessivo del  credito per cui si procede è inferiore a 20 mila euro.

Esso, inoltre, non può iscrivere ipoteca nei confronti del contribuente che ha ottenuto la rateazione. L’ipoteca è iscrivibile solo se l’istanza di rateazione è respinta o se il debitore decade dal beneficio della rateazione.

Tali nuovi limiti alle iscrizioni ipotecarie sono validi però solo per i procedimenti in corso da marzo 2012 (data di entrata in vigore della legge).

La nuova legge ha cambiato anche le regole per quanto riguarda gli interessi di mora. Essi dovranno essere calcolati non più sull’intero debito iscritto a ruolo ma solo sul credito originario (al netto di sanzioni e interessi).

La misura degli interessi fiscali applicabili al versamento, alla riscossione e al rimborso dei tributi può essere stabilita esclusivamente dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e comunque non oltre un solo punto percentuale rispetto al tasso legale (in precedenza erano tre punti percentuali).

Se Equitalia non rispetta questi limiti, il debitore potrà proporre opposizione all’esecuzione.

Articolo a cura dell’avv. FLORIANA BALDINO del foro di Trani (BT) esperta in diritto civile e tributario Per contatti scrivere a: florianabaldino@gmail.com oppure telefonare a 3491996463


note

[1] D.L. n. 16/2012, convertito in legge n. 44/2012, art. 3.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube