Diritto e Fisco | Editoriale

Unica auto di famiglia: può essere sequestrata dalla polizia?

6 maggio 2018


Unica auto di famiglia: può essere sequestrata dalla polizia?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 6 maggio 2018



L’auto indispensabile per lavorare o per portare i figli a scuola o all’università può essere sequestrata, confiscata, pignorata o sottoposta a fermo amministrativo?

Ti è stato ufficialmente comunicato il sequestro dell’auto dalla polizia per aver circolato privo di assicurazione. Senza macchina, però, non potrai andare a lavorare. Il danno si ripercuoterà anche su tua moglie e sui ragazzi, trattandosi dell’unica auto di famiglia. I tuoi figli, in particolare, non potranno più frequentare i corsi universitari ove si recavano appunto con la tua auto, essendo l’ateneo fuori città. Insomma, un intero nucleo familiare resterà pregiudicato da una sanzione che invece dovrebbe colpire solo a te, effettivo e unico responsabile per non aver rinnovato la polizza rca. Così ti chiedi se l’unica auto di famiglia può essere sequestrata dalla polizia. Cercheremo di fornirti una risposta nell’articolo che segue. Ma prima dobbiamo comprendere bene cosa si intende quando si parla di «sequestro».

Si fa spesso molta confusione tra sequestro, confisca, pignoramento e fermo amministrativo dell’auto. Le prime due misure sono due misure sanzionatorie per chi commette violazioni del codice della strada particolarmente gravi (ad esempio la guida senza patente o senza assicurazione). Di solito prima si procede al sequestro, con lo spossessamento del bene al suo proprietario, e poi eventualmente si dispone la confisca che, al contrario del sequestro, è una misura definitiva. Una volta confiscata, l’auto non appartiene più al suo proprietario ma allo Stato che la mette in vendita.

Il pignoramento è invece una misura che mette in atto il privato titolare di un credito non riscosso. Questi, tramite il suo avvocato, agisce prima con una causa o un ricorso per decreto ingiuntivo e, successivamente, attraverso l’ufficiale giudiziario, procede al pignoramento dell’auto. Nel momento in cui viene pignorato il veicolo – che continua ad essere di proprietà del debitore – viene messo all’asta. Se non si fanno avanti eventuali offerenti, torna al suo titolare.

Il fermo amministrativo, meglio conosciuto come «fermo auto» o ganasce fiscali è una misura che può attuare solo l’Agente della Riscossione esattoriale in caso di cartelle di pagamento non onorate. Il fermo amministrativo dura finché il debito non viene integralmente pagato. Presentando una richiesta di dilazione (o meglio detta “rateazione”) e versando la prima rata si può tornare a circolare.

Fatte le dovute differenze, possiamo verificare se l’unica auto di famiglia può essere sequestrata dalla polizia. Ad oggi non esiste alcuna norma che vieti il sequestro del mezzo anche se questo è utilizzato per andare a lavorare o per accompagnare i figli a scuola. Insomma le esigenze familiari non consentono di sottrarsi alla sanzione.

Secondo inoltre la giurisprudenza della Cassazione [1], anche se l’auto è cointestata il sequestro e la confisca sono ugualmente possibili. Non rileva il fatto che la violazione sia stata commessa solo da uno dei due proprietari. Viceversa, se l’auto dovesse essere di proprietà di un soggetto diverso da quello che ha commesso la violazione (si pensi alla macchina intestata al padre, ma usata dal figlio senza patente) la confisca non è possibile.

Delle limitazioni sono previste per il fermo amministrativo e per il pignoramento.

Per quanto riguarda il fermo auto, questo è impossibile per professionisti e imprenditori che dimostrino che il mezzo è utilizzato per l’esercizio della propria attività lavorativa. Il caso tipico è quello dell’agente di commercio. Molti giudici hanno escluso un’estensione della norma al lavoratore dipendente, benché per questi il mezzo sia necessario per arrivare in azienda. Secondo alcune sentenze [2], non si può imporre il fermo amministrativo su un’auto cointestata poiché la misura andrebbe a colpire anche chi non è debitore dell’Agente della riscossione. Pertanto, in tali casi, chi non ha pagato il bollo auto o qualche multa e teme le ganasce fiscali, cointestando l’auto anche a un parente o un amico eviterà di rimanere a piedi.

Ultima situazione da verificare è quella del pignoramento: si può pignorare un mezzo che serve per lavorare e che, quindi, è indispensabile alla famiglia? La legge, anche in questo caso, non corre in soccorso dell’automobilista. Tutto ciò che dice il codice di procedura civile è che «Gli strumenti, gli oggetti e i libri indispensabili per l’esercizio della professione, dell’arte o del mestiere del debitore possono essere pignorati nei limiti di un quinto, quando il presumibile valore di realizzo degli altri beni rinvenuti dall’ufficiale giudiziario o indicati dal debitore non appare sufficiente per la soddisfazione del credito». In pratica, l’ufficiale giudiziario dovrà prima verificare se il debitore ha altri beni intestati da pignorare e, qualora non trovasse nulla, potrebbe pignorare l’auto solo nei limiti di un quinto del suo valore (i restanti quattro quinti ricavati dalla vendita all’asta vanno restituiti al titolare). Ancora una volta la misura non si estende al lavoratore dipendente ma riguarda solo i professionisti, gli artigiani e gli imprenditori (purché non si tratti di società).

note

[1] Cass. sent. n. 47024/2014, n. 47480/2013.

[2] CTP Macerata, sent. n. 181/2007.

[3] Art. 515 cod. proc. civ.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. l’auto mi è stata sequestrata dalla polizia di reggio emilia, mancando la prova del rinnovo, perchè l’assicurazione non me l’aveva emessa, ma l’avevo pagata 5 giorni prima.
    Ora ho tutto ma la polizia continua nel sequestro perchè vuole che sia l’assicurazione a darne prova dell’avvenuto pagamento, il mio bonifico non basta. L’assicurazione dice che ha fatto tutto ciò che gli compete, e così sono senza auto all’infinito…. cosa posso fare? veramente assurdo.!!! l’auto la uso per lavoro tra l’altro e ne ho bisogno subito, pago anche un deposito …
    pietro valli : info@ethicaimmobiliare.it
    392 3707135 grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI