Business | Articoli

Facebook assume 3mila persone

5 Maggio 2017


Facebook assume 3mila persone

> Business Pubblicato il 5 Maggio 2017



Mark Zuckerberg ha annunciato di rafforzare il team mondiale per rispondere meglio alle segnalazioni sulle fake news.

Il Ceo di Facebook Mark Zuckerberg mette al centro della sua piattaforma la sicurezza. Con 3mila assunzioni, il famoso social network vuole evitare i casi di violenza in diretta e i tanti post di fake news (leggi Come riconoscere le bufale su Facebook) che proprio in questo ultimo periodo hanno scosso tanti utenti.  In un post pubblicato sul suo profilo, Zuckerberg, ha parlato di fatti «strazianti». E ha detto di aver riflettuto a lungo «su come possiamo fare meglio per la nostra comunità».

La decisione arriva per provare a migliorare un sistema che necessita di qualcosa in più di un software automatizzato per monitorare i post. Sin dal suo lancio, Facebook Live è stato utilizzato da alcune persone per trasmettere in diretta atti di violenza: bisogna lavorare per rendere più facile la segnalazione di questi video in modo da intraprendere subito le giuste azioni.

Rafforzare il Team Community Operations Facebook

Per rispondere in modo celere alle segnalazioni, Facebook è pronta a rafforzare notevolmente il team di Community Operations in tutto il mondo. Infatti si prevede per il prossimo anno di  aggiunge, oltre alle 4.500 persone  già operative,  altre 3mila in tutto il mondo per verificare e controllare le milioni di segnalazioni che arrivano ogni settimana e soprattutto per rendere il processo più veloce.

Quindi i 3mila lavoratori verranno inquadrati in una nuova posizione e monitoreranno tutti i contenuti pubblicati su Facebook, non solo i video live come rimozione dei contenuti con discorsi d’odio e lo sfruttamento di minori. Inoltre si continuerà a lavorare con le comunità locali e le forze dell’ordine per garantire aiuto a coloro che ne hanno bisogno.

Novità ulteriori per Facebook

Oltre all’investimento in nuove risorse umane, il social sta lavorando a strumenti destinati a far segnalare più facilmente i video e i post di violenza, in modo da poter prendere le giuste misure subito sia per rispondere velocemente alle richieste di assistenza che per eliminare i contenuti segnalati. Facebook finora faceva affidamento sui suoi utenti per segnalare il materiale considerato problematico, ricevendo milioni di report ogni settimana.

Quindi una nuova reazione importante, insomma, di fronte ad un movimento d’opinione che sempre di più ha messo all’angolo Facebook, investendolo di responsabilità anche superiori a quelle che dovrebbe avere una semplice piattaforma di comunicazione.

note

Autore immagint: Google Immagini


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI