Diritto e Fisco | Editoriale

Contributi IVS

12 Maggio 2018 | Autore:
Contributi IVS

Che cosa sono i contributi IVS? A cosa servono? Chi deve versarli? A quanto ammontano? Ecco tutto quello che c’è da sapere sui contributi IVS 2018

Hai mai sentito parlare di contributi IVS? Ti sei mai chiesto cosa sono e a che cosa servono? La risposta è molto semplice. I contributi IVS (acronimo di invalidità, vecchiaia e superstiti) altro non sono che una contribuzione obbligatoria da versare all’Inps (Istituto nazionale della previdenza sociale), o ad altre gestioni speciali, a carico del lavoratore autonomo, ovvero del lavoratore subordinato, mediante trattenuta in busta paga. Il fine, come è possibile intuire dalle parole stesse, è quello di garantire una tutela assicurativa in caso di invalidità, vecchiaia o morte del lavoratore. Quindi, mediante il versamento mensile di una determinata somma, l’Inps è in grado di tutelare il lavoratore contro l’interruzione dell’attività lavorativa per ragioni legate all’invalidità o all’anzianità, ma anche i superstiti nei casi di morte dei titolari. Ma la quota da versare a titolo di IVS è uguale per tutti? La risposta è negativa. Il contributo IVS è soggettivo, in quanto è strettamente legato alla categoria di lavoratori e al reddito da questi ultimi prodotti. Ma dipende anche da alcuni parametri stabiliti direttamente dall’Inps annualmente. Andiamo quindi in ordine e vediamo innanzitutto chi sono i lavoratori obbligati a versare tale contributi, come si versa e soprattutto a quanto ammonta l’esborso annuale per garantire le predette tutele.

Chi è tenuto a pagare i contributi IVS?

Ma chi sono i lavoratori obbligati a pagare ogni mese i contributi IVS? Ebbene, a titolo meramente esemplificativo, si tratta di:

  • lavoratori dipendenti del settore privato, nonché gli apprendisti iscritti all’Ago (Assicurazione generale obbligatoria);
  • collaboratori e le figure assimilate, nonché i professionisti dotati di partita Iva iscritti alla gestione separata Inps;
  • artigiani ed esercenti attività commerciali;
  • lavoratori dello spettacolo e degli sportivi professionisti iscritti alla gestione ex-Enpals istituita presso l’Inps. Stiamo parlando, in particolare, del Fondo pensione lavoratori dello spettacolo (Fpls) e del Fondo Pensione Sportivi Professionisti (Fpsp).
  • giornalisti iscritti all’Inpgi (Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani);
  • mezzadri, i coloni, gli Iap (Imprenditori agricoli professionali) e i coltivatori diretti.

Più in generale, si tratta dunque di tutti i lavoratori, tranne quelli della pubblica amministrazione. Per i lavoratori dipendenti è il datore di lavoro a occuparsi del versamento del contributo attraverso la trattenuta della quota dalla busta paga del lavoratore.

Come si determinano i contributi IVS?

Come già accennato, l’importo del contributo da versare non è uguale per tutti le sua determinazione dipende da diversi criteri, quali: categoria di lavoratore, aliquota contributiva, reddito prodotto, fascia di retribuzione minima e massima. Alcuni parametri sono fissati direttamente dall’Inps, che con Circolare stabilisce annualmente quanto i lavoratori soggetti a contribuzione IVS sono tenuti a versare.

Come si pagano i contributi IVS?

Anche qui possiamo dire che le modalità di versamento si diversificano in relazione al lavoratore preso in considerazione. Infatti:

  • per i lavoratori dipendenti, la quota viene trattenuta in busta paga da datore di lavoro;
  • per i lavoratori autonomi, invece, la quota va versata entro i termini stabiliti, utilizzando il modello F24.

Contributi IVS: quanto pagano i lavoratori dipendenti?

Come appena detto, il contributo IVS va pagato anche dai lavoratori dipendenti, sia a tempo determinato che indeterminato. In via generale, l’aliquota contributiva non supera il 33%, di cui 9,19% sono a carico del lavoratore. Il calcolo dei contributi IVS a carico del lavoratore e del datore di lavoro sono stabiliti in base al minimale giornaliero calcolato ogni anno dall’INPS: per il 2018 è pari a 48,20 euro. Per i dipendenti che hanno invece un’aliquota IVS a proprio carico inferiore al 10% è previsto il versamento di un contributo aggiuntivo IVS dell’1%, una maggiorazione dovuta a partire dalla retribuzione che supera la prima fascia: per il 2018 è pari a 46.630,00 euro annui, vale a dire 3.866,00 euro al mese. In tali casi, è il datore di lavoro a provvedere al versamento dell’intera contribuzione, anche della parte a carico del lavoratore.

Contributi IVS: quanto pagano i lavoratori iscritti alla gestione separata Inps?

I contributi IVS dovuti alla gestione separata Inps si differenziano in base all’inquadramento dei soggetti iscritti. In particolare:

  • i liberi professionisti, i quali non sono assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie avranno l’obbligo di versare una contribuzione pari al 25,72% così composto: 25% come IVS, e 0,72% come aliquota aggiuntiva;
  • i liberi professionisti i quali siano invece titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria, saranno soggetti al versamento dell’aliquota prevista per l’anno 2018, pari al 24%;
    • i collaboratori e figure assimilate:
  • non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie per i quali è prevista la contribuzione aggiuntiva DIS-COLL, saranno tenuti al versamento di un’aliquota contributiva pari al 34,23%%, così composto: 33% come IVS, 0,72% come aliquota aggiuntiva e 0,51% a titolo di DIS-COLL;
  • non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie per i quali non è prevista la contribuzione aggiuntiva DIS-COLL, saranno tenuti al versamento di un’aliquota contributiva pari al 33,72%, così composto: 33% come IVS e 0,72% come aliquota aggiuntiva.
    • con riferimento invece ai collaboratori e figure assimilate i quali siano titolari di pensione o provvisti di un’altra tutela pensionistica obbligatoria, avranno l’obbligo di versare un’aliquota pari al 24% per l’anno 2018.

ALIQUOTE CONTRIBUTIVE 2018

Categoria di lavoratore

Aliquote
Liberi professionistiNon assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie25,72%
Titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria24%
Collaboratori e figure assimilateSoggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie per i quali è prevista la contribuzione aggiuntiva DIS-COLL34,23%
Soggetti non assicurati presso altre forme pensionistiche obbligatorie per i quali non è prevista la contribuzione aggiuntiva DIS-COLL33,72%

Per quanto concerne la ripartizione dell’onere contributivo, essa è diversa in base alle particolari caratteristiche del lavoratore stesso, quindi:

  • per i soggetti collaboratori e figure assimilate, l’onere contributivo è ripartito tra collaboratore e committente, rispettivamente nella misura di un terzo (collaboratore) e due terzi (committente).
  • per quanto riguarda invece i soggetti liberi professionisti, in quanto iscritti alla Gestione Separata INPS, l’onere contributivo è totalmente a carico degli stessi, con la facoltà di applicare in fattura una rivalsa del 4%.

Contributi IVS: quanto pagano gli artigiani e commercianti?

I contributi IVS dovuti dagli iscritti alle gestioni artigiani ed esercenti attività commerciali dell’INPS, hanno raggiunto – per l’anno 2018 – la quota massima del 24% (si applica uno 0,09% in più per i commercianti).

 Artigiani Commercianti
Titolari di qualunque età e coadiuvanti/coadiutori maggiori di 21 anni.24% 24,09%
Coadiuvanti/coadiutori di età non superiore ai 21 anni (*).21% 21,09%
(*) La riduzione contributiva al 21% (artigiani) e 21,09% (commercianti) è applicabile fino a tutto il mese in cui il collaboratore interessato compie i 21 anni.

Si applica un ulteriore punto percentuale per i redditi compresi tra 46.630,01 euro e 77.717 euro, fino a concorrenza del massimale di reddito annuo, oltre il quale decade l’onere previdenziale, che per il 2018 è pari ad € 77.717, equivalenti a due terzi in più del limite stesso (€ 46.630 + € 31.087). A tal proposito, si ricorda che i contributi IVS si versano:

  • in misura fissa trimestralmente, se il reddito dello stesso è inferiore al minimale annuo (15.710,00 euro;
  • con il sistema degli acconti e saldo (stesso meccanismo dell’Irpef), per la parte eccedente al minimale annuo.

Contributi IVS: quanto pagano i lavoratori dello spettacolo e sportivi professionisti?

Per quanto concerne i lavoratori dello spettacolo e per gli sportivi professionisti indipendentemente dalla natura del rapporto, sia esso subordinato o autonomo, l’aliquota contributiva IVS è, generalmente, pari al 33% della retribuzione minima giornaliera, di cui un terzo a carico del lavoratore.

Contributi IVS: quanto pagano i giornalisti Inpgi?

I giornalisti, pubblicisti e praticanti iscritti alla gestione previdenziale separata presso l’Inpgi, sono tenuti al versamento della contribuzione al predetto istituto nelle seguenti misure:

  • 10% del reddito professionale netto nei limiti del massimale imponibile, per il contributo soggettivo;
  • 2% a carico del committente, per il contributo integrativo.

Per i soggetti che svolgono collaborazioni coordinate e continuative l’iscrizione alla predetta Gestione separata comporta l\’assoggettamento alla contribuzione nella misura del 26% (oppure del 17% se il collaboratore è titolare contestualmente di altra posizione assicurativa o pensionato), di cui un terzo a carico del collaboratore. Il versamento della contribuzione è effettuato interamente dal committente. In presenza di rapporto di lavoro subordinato intercorrente tra un’impresa e un giornalista o pubblicista, la contribuzione obbligatoria IVS è pari al 33% della retribuzione imponibile determinata secondo i criteri vigenti per la generalità dei lavoratori dipendenti [1]. Il versamento è effettuato dal datore di lavoro anche per la quota (un terzo) a carico del lavoratore.

Contributi IVS: quanto pagano i coltivatori diretti, mezzadri, coloni e Iap?

Il contributo Ivs per coltivatori diretti, coloni, mezzadri e Iap, si distingue in base a 3 fattori:

  1. ubicazione geografica dell’impresa: se è allocata in zone svantaggiate il contributo è minore;
  2. fascia di reddito dell’azienda: nella prima fascia rientrano quelle  con reddito agrario fino a 232,40 euro; nella seconda fascia quelle tra 232,41 e 1.032,91 euro; nella terza fascia quelle tra 1.032,92 e 2.324,05; nella fascia quarta tutti gli altri redditi.
  3. età del contribuente: il contributo differisce se il contribuente ha un’età maggiore o minore di 21 anni.

L’aliquota per le aziende agricole è fissata attualmente al 28,90% a carico del datore di lavoro e all’8,84% a carico del lavoratore. I contributi IVS per coltivatori diretti, coloni, mezzadri e imprenditori agricoli professionali sono determinati moltiplicando il reddito medio convenzionale – fissato per l’anno 2018 nella misura di 56,83 euro – per il numero di giornate indicate nella “Tabella D” prevista dalla norma [2], in corrispondenza della fascia di reddito convenzionale in cui è inserita l’azienda [3].


note

[1] Inpgi, Circolare n. 1 del 18.1.2018. [2] Legge 2 agosto 1990, n. 233. [3] Inps, Circolare n. 96 del 31.5.2017.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube