HOME Articoli

Lo sai che? Chi non può partecipare all’asta?

Lo sai che? Pubblicato il 8 maggio 2018

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 8 maggio 2018

Pignoramento: chi può presentare offerte di aggiudicazione della casa pignorata tra parenti, amici, figli, genitori e coniugi?

La tua casa è stata pignorata dai creditori e ora il tribunale la metterà in vendita all’asta. Il valore dell’immobile non è particolarmente elevato e, se non fosse per i ricordi e per l’indubbia utilità che ha per te (legata soprattutto al fatto che, all’interno, hai tutto il mobilio e le tue cose) non avresti problemi a farla vendere liberandoti così dal debito. È tua intenzione, quindi, cercare in qualsiasi modo di bloccare il pignoramento o di riacquistare l’appartamento alla stessa asta. Ma sai già che tu non potrai farlo, essendo il debitore. Potrebbero farlo tua moglie o i tuoi figli? E se non loro, un amico incaricato di partecipare per tuo conto? Alla ricerca di una soluzione che possa offrirti una scappatoia per restare dentro casa ti chiedi chi non può partecipare all’asta? Qui di seguito ti forniremo la soluzione che cerchi.

Il debitore può partecipare all’asta?

Come già avrai intuito, il debitore è sicuramente la prima persona che non può partecipare all’asta e che quindi non può presentare offerte [1]. Al di fuori di lui, in generale, chiunque è ammesso a partecipare all’asta. Come vedremo a breve, il debitore non può partecipare all’asta neanche per mezzo di “interposta persona” ossia delegando una persona (un amico, un familiare) a effettuare un’offerta per poi ritrasferirgli l’immobile.

Il creditore può partecipare all’asta?

In generale chiunque può fare un’offerta di acquisto, personalmente o a mezzo di procuratore legale ed anche per persona da nominare. Quindi, anche il creditore (che non abbia già fatto richiesta di assegnazione diretta dei beni pignorati) può partecipare all’asta e presentare un’offerta. Il fatto di essere creditore procedente non gli darà alcun diritto di prelazione o preferenza rispetto agli altri. La conseguenza è che il creditore può diventare proprietario del bene pignorato al debitore pagando, in buona sostanza, a sé stesso il prezzo dell’aggiudicazione e così soddisfacendo il proprio diritto di credito. Chiaramente, se il valore dell’immobile è superiore al credito e se, quindi, il prezzo corrisposto è maggiore rispetto all’importo per il quale si procede in esecuzione forzata, la differenza deve finire nelle mani del debitore.

Il titolare del bene, se non è il debitore, può partecipare all’asta?

Spesso succede che il bene pignorato non sia del debitore ma di un terzo come, ad esempio, nel caso del fideiussore o del terzo datore di ipoteca. Anche questi può partecipare all’asta così come il creditore.

Il coniuge del debitore può partecipare all’asta?

Secondo la Cassazione [2], il marito o la moglie del debitore può partecipare all’asta e all’aggiudicazione anche se tra i due vige la comunione legale dei beni (tanto più se vi è un regime di separazione dei beni). Non conta quindi il fatto che, con l’acquisto da parte dell’uno, la metà del bene finisca necessariamente e automaticamente in capo all’altro che è il debitore. Nonostante il divieto di partecipazione all’asta del debitore, questi potrebbe far sempre intervenire il proprio coniuge senza violare la legge.

I genitori possono partecipare all’asta?

Non possono partecipare all’asta dell’immobile del figlio minore che sia stato oggetto di pignoramento. Lo stesso dicasi per il tutore e il protutore riguardo ai beni e diritti del minore stesso.

I figli possono partecipare all’asta dei beni dei genitori?

Anche i figli possono presentare delle offerte nel caso di pignoramento dei beni immobili del padre o della madre. L’importante è che dietro ciò non vi sia un tacito accordo (fraudolento) volto a finalizzare tale partecipazione alla reintestazione del bene al debitore.  

Chi non può partecipare all’asta?

Altri soggetti cui è vietato partecipare all’asta sono:

  • amministratori dei beni dello Stato, dei comuni, delle province o degli altri enti pubblici, rispetto ai beni affidati alla loro cura;
  • ufficiali pubblici, rispetto ai beni che sono venduti per loro ministero;
  • coloro che per legge o per atto della pubblica autorità amministrano beni altrui, rispetto ai beni medesimi;
  • mandatari, rispetto ai beni che sono stati incaricati di vendere.

Un amico del debitore può partecipare all’asta?

L’amico del debitore può partecipare a condizione che non vi sia un accordo tra lui e il debitore volto a trasferire l’immobile a quest’ultimo. L’accordo tra il debitore esecutato e un terzo, che dal primo sia incaricato di acquistare per suo conto l’immobile, è nullo in quanto è un negozio diretto a eludere il divieto per il debitore di fare offerte all’incanto; è nullo anche l’eventuale patto con cui il terzo, prima dell’aggiudicazione, si obblighi a retrocedere l’immobile espropriato al debitore.

note

[1] Art. 571 cod. proc. civ.

[2] Cass. sent. n. 605/1982.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. È normale che la moglie di un Direttore Generale che mette all’asta dei beni pubblici partecipa all’asta per comprare un’appartamento ?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI