HOME Articoli

Miscellanea Italia come Lituania nell’uso di Internet

Miscellanea Pubblicato il 27 dicembre 2012

Articolo di




> Miscellanea Pubblicato il 27 dicembre 2012

A quanto sembra, i nostri conterranei non hanno particolare familiarità con internet e le nuove tecnologie.

Banda larga, agenda digitale, carta dei diritti dell’internauta e domicilio PEC: tutte misure volte a ridurre il digital divide. Ma, fatta l’Italia, bisogna fare gli italiani; perché, a quanto sembra, i nostri conterranei non hanno particolare familiarità con le tecnologie.

Nel 2011, infatti, l’Italia si è piazzata al 22mo posto, all’interno della classifica internazionale, nell’uso del web.

L’indagine viene fuori dagli ultimi dati pubblicati dall’Istat: se nel resto dell’Europa la media di persone che utilizzano Internet si attesta al 73% [1], in Italia la soglia scende addirittura al 62%.

Se poi si guarda all’arrivo della banda larga nei pc di casa, la percentuale arriva addirittura al 52%: peggio di noi c’è solo la Grecia, la Bulgaria e la Romania.

L’Italia, peraltro, è uno dei Paesi con più alta soglia di incidenza dei crimini informatici: naturale conseguenza, forse, di questa scarsa attitudine alle nuove tecnologie.

note

[1] Dati calcolati su famiglie che hanno, all’interno del proprio nucleo, almeno un componente tra i 16 e i 74 anni di età.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI