Diritto e Fisco | Articoli

8 per mille alla chiesa cattolica: pubblicità ingannevole?

4 gennaio 2013


8 per mille alla chiesa cattolica: pubblicità ingannevole?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 4 gennaio 2013



L’ADUC ha fatto ricorso all’Antitrust denunciando come ingannevole la pubblicità trasmessa dalla chiesa cattolica per incentivare la donazione dell’8xmille: questo perché, secondo i dati trasmessi dalla stessa CEI (Conferenza Episcopale Italiana), solo il 22% dei soldi degli italiani viene destinato a opere di carità, nonostante gli spot facciano pensare il contrario. Il restante 78% viene invece utilizzato per il sostentamento del clero, dei tribunali ecclesiastici, ecc.

L’Autorità Garante della concorrenza però (“al modo di Pilato”, sottolinea ironicamente il comunicato diffuso dall’ADUC) ha deciso di “non decidere”. Il procedimento, infatti, è stato archiviato perché, secondo l’Antitrust, gli spot dell’8xmille non sono considerabili pubblicità commerciale, mentre solo su tale tipo di spot l’Authority ha competenza.

“Insomma – prosegue il comunicato diffuso dall’associazione di tutela dei consumatori –  secondo l’Agcm, il consumatore ha diritto a non essere preso in giro da un imprenditore, mentre non può far nulla davanti se a raggirarlo è un ente spirituale. Amen!”

Quando si dice: “mentire a fin di bene…

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. l’antitrust ha ragione perchè altrimenti occorrerebbe denunciare tutti i partiti in caMPAGNA ELETTORALE

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI