Business | Articoli

Accedere alla precompilata tramite smartphone

10 Maggio 2017 | Autore:
Accedere alla precompilata tramite smartphone

In arrivo l’app che consente di modificare la dichiarazione precompilata anche tramite smartphone. Ecco come funziona.

A breve la dichiarazione precompilata potrà essere accettata o modificata tramite smartphone. L’idea del direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, infatti, è proprio quella di rilanciare un’apposita app allo scopo di rendere la dichiarazione il più possibile “precompilata” ed estenderla a tutti i modelli disponibili. Questo, naturalmente, richiede uno sviluppo tecnologico e una corretta acquisizione dei dati.

I canali di accesso alla precompilata

L’innovazione dell’app è stato uno dei temi trattati a margine del convegno «Le leve fiscali per lo sviluppo delle imprese: l’esempio del patent box».

Durante l’evento sono state anche ricordate le diverse modalità per accedere alla precompilata:

  • tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate (se si è utenti abilitati Fisconline, utilizzando le proprie credenziali di accesso; si può accedere anche se si possiede l’identità digitale unica Spid o la Cns, la carta nazionale dei servizi);
  • tramite il sito ufficiale dell’Inps;
  • tramite il sito NoiPa, per i dipendenti pubblici;
  • tramite Caf o professionisti abilitati rilasciando apposita delega e consentendo all’intermediario di modificare e inviare la dichiarazione.

Leggi anche Come richiedere il Pin per la dichiarazione precompilata.

Segui La Legge per Tutti Business

Se credi che La Legge per Tutti Business possa essere la pagina che fa per te ecco come fare in pochi passi per averla sempre al top della tua timeline di Facebook: clicca qui, ti si aprirà la pagina nella nuova scheda.

Clicca su mi piace e poi nella sezione «seguici»  clicca su «mostra sempre per primi». Non perderai neanche uno dei nostri pezzi e sarai sempre aggiornato. Ti aspettiamo.


note

Autore immagine: Google Immagini


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube