HOME Articoli

Lo sai che? Il corso in palestra non piace più: si può non pagare?

Lo sai che? Pubblicato il 19 maggio 2018

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 19 maggio 2018

Sono iscritta ad un’associazione per frequentare un corso di yoga posturale della durata di 11 weekend. Nel modulo da me firmato, unico, all’atto dell’iscrizione ho versato 290 euro (il resto lo avrei pagato dilazionando).Dopo i primi due incontri mi sono accorta che il corso è di bassissimo livello e vorrei rinunciare. Secondo quanto ho firmato non compare nessun diritto di recesso, nè di rinuncia al corso. Posso non pagare?In nessuna mail e neanche nel foglio che ho firmato si fa riferimento all’importo del corso.

La legge (il cosiddetto codice dei consumatori) prevede il diritto di recesso del consumatoresolamente nel caso di contratti stipulati a distanza (ad esempio per telefono o via internet) o fuori dailocali commerciali (cioè fuori dalla sede di chi, come nel caso di specie, ha organizzato un corso).

Quindi solo se un contratto come quello della lettrice è stato stipulato a distanza o fuori dai locali commerciali èpossibile per il consumatore recedere senza alcun costo entro il termine di quattordici giorni dallastipula (ed anche se nel contratto non fosse stato indicato in alcun modo il diritto di recesso).

Se, invece, il contratto è stato stipulato nella sede di chi vende un prodotto o eroga un servizio, alconsumatore non spetta per legge il diritto di recesso.

E se nel contratto non è stato nemmeno previsto per nessuna delle parti un qualsiasi altro tipo didiritto al recesso, questa possibilità non è esercitabile da parte del consumatore.

Chiaramente, però, il consumatore (come qualsiasi altro contraente) è comunque protetto dalle legge(nel modo che si sta per illustrare) nel caso in cui l’altro contraente non adempia agli obblighi che si èassunto nel contratto.

Si deve tener conto innanzitutto del fatto che la legge (l’articolo 1460 del codice civile) riconosce, adeterminate condizioni, il diritto di sospendere la propria obbligazione (che nel caso specifico è quella dipagare alle scadenze pattuite) se l’altra parte del contratto non adempie o non offre di adempierecontemporaneamente la propria.

Ciò premesso, qualora la lettrice non pagasse il saldo per il corso di yoga, potrebbe succedere che:

– l’organizzatore del corso agisca in giudizio per ottenere dal giudice un provvedimento che la condanni a pagare il saldo (un decreto ingiuntivo o una sentenza) anche se, in assenza dielementi chiari che stabiliscano quanto è ancora effettivamente dovuto dalla stessa, ilprocedimento sarà per l’associazione organizzatrice più complesso, lungo e costoso;

– durante l’eventuale causa, ed è qui che la legge tutela la lettrice, la stessa potrà difendersi non soloribadendo che ha sospeso il pagamento a causa dell’inadempimento dell’associazione ai suoiobblighi, ma anche e soprattutto chiedendo che il contratto che la legava a questaassociazione venga dichiarato dal giudice risolto a causa dell’inadempimentodell’associazione (la lettrice potrebbe in questa causa chiedere anche un risarcimento dei danni se

dimostrasse che ne ha subìti); toccherà alla stessa, però, in ogni caso dimostrare questoinadempimento e, cioè, che l’associazione non ha rispettato il contenuto del modulo (cioèdel contratto) fornendo materiale scadente o impartendo lezioni di livello noncorrispondente a quanto dichiarato nel modulo stesso.

In alternativa, la lettrice potrebbe anche decidere di precedere l’associazione e contestarle fin da adesso, con una raccomandata a.r., l’inadempimento, cioè lo scadente livello dell’insegnamento impartito rispetto a quello che era stato indicato nel modulo e chiedendo, quindi, di provvedere in modo tale da adempiere secondo contratto e, quindi, di offrire lezioni all’altezza di quanto stabilito nel modulo(modulo che andrebbe comunque attentamente visionato in ogni sua parte).

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Angelo Forte


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI