Diritto e Fisco | Articoli

Pensione di reversibilità: come si calcola?

19 maggio 2018


Pensione di reversibilità: come si calcola?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 19 maggio 2018



Ho una invalidità civile del 100% per malattia. Percepisco una pensione d’invalidità pari a euro 290,00. In Irpef sono a carico di mia mamma perché non percepisco alcun reddito e non lavoro. Mia mamma riceve gli assegni famigliari per me, ha 80 anni, è vedova e ha un’invalidità del 100% per malattia. Riceve un’indennità di accompagnamento insieme alla pensione di vecchiaia e reversibilità di mio papà. La pensione di mia mamma è al netto di euro 2.400. In caso di suo decesso, il caf mi ha detto che potrò percepire la reversibilità di mia mamma, purchè la mia invalidità sarà ancora del 100%. Quale sarà l’importo totale netto della mia pensione?

Presa visione del quesito sottoposto, appare opportuno fare in via preliminare un breve riepilogo della disciplina che riguarda la pensione di reversibilità. Innanzitutto, bisogna sapere che quando una persona muore è previsto che ai familiari sia attribuita una pensione (chiamata “pensione ai superstiti”), che può essere:

– di reversibilità, se il defunto percepiva già la pensione di vecchiaia o anticipata, la pensione di invalidità o di inabilità;

– indiretta, se invece non aveva ancora maturato il diritto alla pensione, ma aveva versato almeno 15 anni di contributi in tutta la vita assicurativa oppure, in alternativa, almeno 5, di cui 3 nei cinque anni precedenti al decesso.

Accertato nel caso di specie che si tratta di pensione di reversibilità, hanno diritto al trattamento pensionistico in quanto superstiti i seguenti soggetti:

1. il coniuge, anche se separato legalmente;

o il coniuge divorziato a condizione che sia titolare dell’assegno periodico divorzile, che non sia passato a nuove nozze e che la data di inizio del rapporto assicurativo del defunto sia anteriore alla data della sentenza che pronuncia lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio;

o il coniuge che passa a nuove nozze perde il diritto alla pensione ai superstiti, ma ha diritto a un assegno una-tantum pari a due annualità (articolo 3, decreto legislativo 18 gennaio 1945, n. 39) della quota di pensione in pagamento, compresa la tredicesima mensilità, nella misura spettante alla data del nuovo matrimonio. Nel caso in cui il dante causa abbia contratto nuovo matrimonio dopo il divorzio, le quote spettanti al coniuge superstite e al coniuge divorziato sono stabilite con sentenza dal Tribunale.

2. I figli ed equiparati che alla data di decesso dell’assicurato o del pensionato non abbiano superato il 18° anno di età o, indipendentemente dall’età, siano riconosciuti inabili al lavoro e a carico del genitore al momento del decesso di quest’ultimo (il lettore rientra in questa casistica). Sono considerati figli ed equiparati:

– i figli adottivi e affiliati del lavoratore deceduto;

-i figli del deceduto riconosciuti o giudizialmente dichiarati;

-i figli non riconoscibili dal deceduto per i quali questi era tenuto al mantenimento o agli alimenti in virtù di sentenza, nei casi previsti dall’articolo 279 del codice civile;

-i figli non riconoscibili dal deceduto che nella successione del genitore hanno ottenuto il riconoscimento del diritto all’assegno vitalizio, ai sensi degli articoli 580 e 594 del codice civile;

-i figli nati dal precedente matrimonio del coniuge del deceduto;

-i figli riconosciuti, o giudizialmente dichiarati, dal coniuge del deceduto;

-i minori regolarmente affidati dagli organi competenti a norme di legge;

-i nipoti minori, anche se non formalmente affidati, dei quali risulti provata la vivenza a carico degli ascendenti;

-i figli postumi, nati entro il 13° giorno dalla data di decesso del padre (in tale fattispecie la decorrenza della contitolarità è il primo giorno del mese successivo alla nascita del figlio postumo).

3. In assenza del coniuge e dei figli o se, pur esistendo essi non abbiano diritto alla pensione ai superstiti, il diritto al trattamento pensionistico è riconosciuto ai genitori dell’assicurato opensionato che al momento della morte di quest’ultimo abbiano compiuto il 65° anno di età, non siano titolari di pensione e risultino a carico del lavoratore deceduto.

4. In assenza del coniuge, dei figli o del genitore o se, pur esistendo essi non abbiano diritto alla pensione ai superstiti, il diritto al trattamento pensionistico è riconosciuto ai fratelli celibi e sorelle nubili dell’assicurato o pensionato che al momento della morte di quest’ultimo siano inabili al lavoro, non siano titolari di pensione, siano a carico del lavoratore deceduto.

Nel caso di specie, quindi, non essendoci il coniuge la pensione di reversibilità del padre del lettore passa automaticamente a quest’ultimo in quanto figlio, e indipendentemente dall’età, purché all’atto del decesso della madre il lettore mantenga:

–  il requisito dell’inabilità al 100%;

–  e che sia riconosciuto a carico della madre al momento del decesso di quest’ultima.

A tal proposito, è bene precisare che qualora il lettore inizia un’attività lavorativa potrebbe rischiare la sospensione della quota di pensione, qualunque sia il reddito percepito, a meno che questo non sia inferiore al trattamento minimo annuo di pensione, maggiorato del 30%: una soglia che per il 2018 è pari a 8.575,24 euro.

Venendo ora al calcolo della pensione di reversibilità, la legge prevede innanzitutto che essa decorre dal primo giorno del mese successivo a quello del decesso del pensionato o dell’assicurato e spetta in una quota percentuale della pensione già liquidata o che sarebbe spettata all’assicurato. Le aliquote di reversibilità sono stabilite nelle seguenti misure:

– 60% per il coniuge senza figli;

–  80% per il coniuge con un figlio;

– 100% per il coniuge con due o più figli.

Qualora abbiano diritto a pensione i figli (come nel caso specifico), ovvero i genitori o i fratelli o sorelle, le aliquote di reversibilità sono le seguenti:

Soggetti superstiti Percentuale
Un figlio 70%
Due figli 80%
Tre o più figli 100%
Un genitore 15%
Due genitori 30%
Un fratello o sorella 15%
Due fratelli o sorelle 30%
Tre fratelli o sorelle 45%
Quattro fratelli o sorelle 60%
Cinque fratelli o sorelle 75%
Sei fratelli o sorelle 90%
Sette fratelli o sorelle 100%

Se il lettore è l’unico figlio superstite rientra nel primo rigo della suddetta tabella.

Dal calcolo netto della sua pensione di reversibilità, questi deve decurtare l’accompagnamento in quanto non sono reversibili le provvidenze economiche assistenziali. Pertanto, la reversibilità deve essere calcolata sulle seguenti voci:

– euro 1.369,64 cat VO vecchiaia;

– euro 529,58 cat SO reversibilità.

In definitiva, la pensione di reversibilità del lettore – sulla base dei dati forniti – si aggirerà attorno a 1.329,45 euro, a quali si aggiungono quelli per invalidità civile che già percepisce, arrivando a un importo complessivo di 1.622,33 euro.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv.Daniele Bonaddio

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI