Diritto e Fisco | Articoli

Stalking: quando la persecuzione usa la tecnologia

28 Dicembre 2012
Stalking: quando la persecuzione usa la tecnologia

Contatti telefonici ripetuti, sgraditi, intrusivi che ingenerano stati di soggezione psicologica, timore, ansia, paura: si tratta del tanto temuto stalking!

Telefonate, sms, messaggi in chat, e-mail: condotte tutte che possono integrare il reato di stalking quando siano reiterate, indesiderate e tali da turbare la vittima, pregiudicarne le abitudini di vita, far sorgere il timore per la propria incolumità o per quella delle persone a lei care.

 

Stalking” letteralmente significa “fare la posta”. È un reato [1] che punisce con la reclusione chiunque pone comportamenti [2] tali da ledere la libertà, la privacy, la serenità, l’equilibrio psicologico altrui.

I comportamenti persecutori

Le condotte che integrano lo stalking sono varie: appostamento, minacce, molestie, ricatti, sorveglianza intrusiva [3]; ma possono anche prescindere da comportamenti di tipo fisico [4] e consistere in ripetuti contatti telefonici o per il tramite di e-mail, chat, social network [5] o altri indesiderati e continui tentativi di comunicazione e di contatto; oppure possono esplicarsi tacitamente con sguardi ossessivi e/o intimidatori ed espressioni astiose varie.

Caratteristiche ed effetti sulla vittima

Tali condotte, per considerarsi atti persecutori, devono essere reiterate (almeno più di due episodi) [6] e devono avere delle fondate ripercussioni negative sulla vittima.

Nello specifico, devono procurare:

1. timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto: devono cagionare trepidazione per la propria incolumità e quella delle persone care, oppure turbare le normali condizioni di vita della persona offesa, generare in essa uno stato di soggezione e di disagio emotivo al punto da costringerla a modificare le sue intenzioni o le sue abitudini [7];

2. un grave stato di ansia o di paura: provocare una condizione emotiva spiacevole grave e non passeggera [8], accompagnata da un senso di oppressione, produrre, cioè, un effetto destabilizzante della serenità e dell’equilibrio psicologico [9].

Chi è lo stalker

Solitamente si è portati a pensare che lo stalker sia l’ex partner. Ma, se è vero che è così nella maggior parte dei casi, è altrettanto vero che il persecutore può essere anche uno sconosciuto o un collega di lavoro, un vicino di casa, ecc.


La vittima di comportamenti persecutori (telefonate, sms, pedinamenti, molestie, ecc.) può, entro sei mesi, sporgere querela [10], oppure, in un primo momento, limitarsi ad esporre i fatti all’autorità di pubblica sicurezza, avanzando richiesta al Questore di “ammonimento” nei confronti dell’autore della condotta [11].

note

[1] Art. 612 bis cod. pen., introdotto con il d.l. n. 11 del 23 febbraio 2009 (Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonché in tema di atti persecutori), convertito in legge n. 38/2009.

[2] Lo stalking è un reato comune e a forma libera, cioè può essere commesso da chiunque e con qualsiasi comportamento. In tal senso: Tribunale di Napoli, IV Sezione Penale, 30 giugno 2009.

[3] Sezione del Riesame del Tribunale di Bari, sent. del 6 aprile del 2009.

[4] Corte di Cassazione Pen. sent. n. 14997 del 18 aprile 2012.

[5] cd. Cyber-stalking, Corte di Cassazione Pen. sent. n. 32404 del 2010; Corte di Cassazione Pen. sent. n. 42146 del 16 novembre 2011.

[6] Corte di Cassazione Pen. sent. n. 6417 del 2010.

[7] Corte d’Appello Milano, Sez. V Penale, sent. n. 5123 del 13 gennaio 2012.

[8] Corte di Cassazione. Pen. sent. n. 49253 del 21 novembre 2011.

[9] Non necessariamente deve tradursi in uno stato patologico e/o  in precise sindromi canonizzate dalla scienza medico-psicologica.

[10] Si procede d’ufficio quando la vittima è un minore o una persona disabile, oppure quando il reato è connesso con altro delitto procedibile d’ufficio e quando lo stalker è già stato ammonito precedentemente dal questore.

[11] Art. 8 del decreto legge n. 11/2009, convertito in legge n. 38/2009.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube