Business | Articoli

Contributo formazione per agenti di commercio: come fare domanda

16 Maggio 2017
Contributo formazione per agenti di commercio: come fare domanda

Le agevolazioni della Fondazione Enasarco per incentivare la formazione professionale degli agenti di commercio.

La Fondazione Enasarco ha annunciato che gli agenti iscritti in regola con i requisiti, possono inviare la domanda di contributo per i corsi di aggiornamento professionale da loro scelti, a patto che l’Ente sia accreditato al momento dell’iscrizione.

Requisiti per fare domanda

Il particolare il contributo viene erogato solo in presenza dei seguenti requisiti:

  • iscritti in attività che alla data di presentazione della richiesta del contributo abbiano maturato un’anzianità contributiva complessiva di almeno 12 trimestri (3 anni), di cui 4 trimestri negli anni 2015 e 2016;
  • corsi di formazione che prevedano almeno 14 ore di formazione frontale, riguardino l’attività di agenzia (comunicazione ed empowerment personale, politiche di vendita, marketing, certificazione di qualità dell’agenzia, Programmazione Neuro-Linguistica, utilizzo di strumenti informatici inerenti le attività di ufficio e/o vendita, lingue straniere);
  • frequenza del corso da parte dell’agente per almeno il 75% delle ore di formazione in aula;
  • corsi di formazione tenuti da enti formatori, ovvero da aziende che si occupano di formazione, organismi di istruzione pubblica o parificata, già accreditati presso la Fondazione Enasarco.

Contributo per agevolazione

Nota importante è che dal momento della prenotazione del contributo a quello dell’iscrizione al corso non dovranno passare più di 60 giorni, pena decadenza della domanda.

L’agevolazione si concretizza in un contributo pari al 50 percento della spesa sostenuta, tenuto conto del costo massimo per un’ora di formazione di 50 euro, fino ad un limite massimo di 1.000 euro l’anno per partecipante. Le risorse totali sono pari a un milione e 500mila euro, ripartiti su base regionale tenendo conto del numero degli agenti attivi iscritti alla Fondazione e residenti in ciascuna Regione.

Come effettuare domanda per i contributi agenti di commercio

Per effettuare la domanda è necessario registrarsi all’area riservata in.enasarco.it, dalla quale gli iscritti potranno inviare la richiesta esclusivamente online, non sono accettate domande presentate con altre modalità, ad esempio con raccomandata, o consegnate presso le nostre sedi o presso i patronati.

Comunque sul portale della Fondazione Enasarco sono disponibili tutte le informazioni in merito, Bando e allegati vari nonchè l’elenco degli enti accreditati.


note

Autore Immagini: Google Immagini


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Sono un agente di commercio, ho da poco avuto un pignoramento presso terzi presso la mia mandante che ha risposto che non devo nulla alla medesima. Il debito è alto e non posso pagarlo neanche a rate. La rateizzazione è una strada già tentata invano perché la rata era enorme.
    Posso continuare a lavorare con l’azienda? Cosa posso fare? L’efficacia del pignoramento è terminata con effetto immediato o vale per sempre? Come posso impugnare l’importo pignorabile entro i limiti di un quinto?

    1. Con riguardo all’efficacia del pignoramento notificato al lettore, potrebbero palesarsi due scenari:il creditore procedente, stante la dichiarazione negativa della mandante del lettore, ha creduto alle parole di quest’ultima e, pertanto, il pignoramento è stato dichiarato estinto;il creditore procedente non ha dato per veritiere le dichiarazioni della mandante; in questo caso, si apre un sub-procedimento all’interno del quale il creditore cercherà di provare che la mandante è debitrice del lettore e, quindi, debitor debitoris (debitrice del debitore) della creditrice.Nel primo caso, il pignoramento cessa di avere qualunque effetto e, pertanto, il lettore potrà continuare ad avere un rapporto commerciale con la mandante. Ovviamente, ciò non vieta al creditore che nel mentre è venuto a conoscenza del ripreso rapporto di lavoro, di rinotificare un nuovo atto di pignoramento; tuttavia, per fare ciò, dovrà prima notificare un nuovo atto di precetto. In questo modo, il lettore sarà messo nelle condizioni di valutare l’interruzione dei rapporti con la mandante prima che la stessa, con la notifica del nuovo pignoramento, sia costretta a dover effettuare una dichiarazione positiva al creditore. Nel secondo caso, invece, il lettore sarà costretto ad aspettare la fine del sub-procedimento (detto “accertamento dell’obbligo del terzo”) poiché, in caso contrario, il creditore con le sue indagini potrebbe scoprire i rapporti nuovamente intrapresi con la mandante e dimostrare in giudizio il debito della stessa nei confronti del lettore. Con riguardo alla somma pignorabile del quinto, questa opera automaticamente (per legge). Ciò significa che nel momento in cui il creditore dovesse ottenere la dichiarazione positiva da parte della mandante, allora chiederebbe al giudice dell’esecuzione di emettere il provvedimento di assegnazione delle somme dichiarate (e pignorate), a titolo di stipendio, dal terzo pignorato nei limiti di un quinto. In questo caso, il giudice emetterà un’ordinanza con la quale assegnerà il quinto dello stipendio che spetterebbe al lettore dalla mandante. Pertanto, se il lettore dovesse ricevere una somma mensile di € 1.000,00 netti, gli andrebbero decurtati mensilmente € 200,00 dalla busta paga, fino all’estinzione del debito in oggetto. Ebbene, nel pignoramento eseguito nei confronti del datore di lavoro non potrà essere pignorata una somma ulteriore a quella stabilita dalla legge. Differentemente, se il pignoramento notificato al lettore dovesse contenere la richiesta di assegnazione per una somma superiore ad un quinto, lo stesso avrebbe il diritto di opporsi rilevando una violazione di legge e, conseguentemente, ottenendo l’estinzione di quella procedura esecutiva.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube