Diritto e Fisco | Editoriale

È obbligatorio il nome sulla cassetta della posta?

23 Maggio 2018


È obbligatorio il nome sulla cassetta della posta?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 23 Maggio 2018



Quali sanzioni per chi si rende irreperibile togliendo dalla buca delle lettere il proprio nome? La raccomandata o la notifica immessa nella cassetta senza nome è valida?

Non è perché ti piace fare lo struzzo e mettere la testa sotto terra, ma proprio non ne puoi più delle continue cartelle esattoriali e degli atti ingiuntivi che arrivano dal tribunale. Solo questo mese hai collezionato ben dieci raccomandate con diffide di pagamento. Così hai preso una decisione drastica, anche se apparentemente irrazionale. Hai deciso di togliere il tuo nome dalla cassetta delle lettere. In condominio nessuno se ne accorgerà, anche perché molti appartamenti sono sfitti. In questo modo, non trovandoti, il postino dovrà necessariamente riportare le raccomandate all’ufficio postale e l’ufficiale giudiziario invece le dovrà depositare in Comune. Sai bene che questo “folle” gesto è insensato perché le comunicazioni si considerano ugualmente avvenute ed efficaci, ma almeno tornerai a vivere – chissà per quanto – un po’ più tranquillo. Proprio per questo ti chiedi se è obbligatorio il nome sulla cassetta della posta. Non vorresti infatti che l’amministratore si adoperi per ripristinare le targhette con i tuoi estremi e così vanificare lo sforzo di renderti irreperibile.

Alla tua domanda c’è una risposta. E questa risposta trova espressione nella legge. Tuttavia, per come a breve scoprirai, le conseguenze di chi toglie il nome dalla cassetta delle lettere non sono così scontate come si può immaginare. Ti consiglio allora di leggere attentamente questo articolo in modo da sapere quali sono i tuoi obblighi, i rischi e anche i tuoi diritti.

La legge, a volte, è imprevedibile. Va a disciplinare dei settori della vita quotidiana che, a volte, non ci si aspetterebbe mai. È proprio il caso delle cassette della posta. Sapevi che esiste un decreto ministeriale che regola il posizionamento e l’utilizzo delle cosiddette “buche delle lettere”? Si tratta, in particolare di un decreto ministeriale del 9 aprile 2001, successivamente modificato nel 2008. In esso troviamo una serie di disposizioni relative alle cosiddette cassette domiciliari. Ecco cosa viene stabilito.

Dove devono essere messe le cassette delle lettere?

Le cassette delle lettere private devono essere posizionate in un luogo accessibile al postino. Se si tratta di una casa privata – come una villa o una bifamiliare – la cassetta deve essere posizionata sulla pubblica via, al limite della proprietà, o comunque in un luogo facilmente accessibile, salva la possibilità di un diverso accordo con l’ufficio postale di distribuzione. Così, ad esempio, sarebbe illegittimo mettere la buca delle lettere all’interno del giardino privato, obbligando il portalettere a bussare al citofono ed entrare all’interno.

Nel caso invece di un edificio condominiale, le cassette possono essere posizionate anche all’interno dell’edificio purché in un luogo facilmente accessibile (di solito l’androne). Inoltre le buche delle lettere devono essere raggruppate in un unico punto di accesso e non possono essere “sparpagliate” tra loro.

Come devono essere le cassette delle lettere?

Lo scomparto di deposito, la forma e le dimensioni dell’apertura delle cassette per le lettere devono essere tali da consentire di introdurvi le buste delle lettere di dimensioni ordinarie senza difficoltà particolari.

Le cassette delle lettere devono avere la targhetta con il nome e cognome del proprietario?

Il decreto ministeriale stabilisce testualmente che «Le cassette devono recare, ben visibile, l’indicazione del nome dell’intestatario e di chi ne fa uso».

Quindi, alla domanda se è obbligatorio il nome sulla cassetta della posta si deve dare risposta positiva. Tuttavia – è questa la particolarità – non è prevista alcuna sanzione in caso di violazione. Questo significa che chi toglie il proprio nome dalla buca delle lettere non rischia nulla. Nè rientra tra i compiti dell’amministratore di condominio far rispettare la legge o la normativa amministrativa: questo significa che se togli il tuo nome dalla cassetta, l’amministratore non può né multarti, né provvedere in tua sostituzione a rimettere la targhetta.

Che succede se il postino mette la raccomandata nella cassetta delle lettere senza il nome?

Immaginiamo ora che il postino, dopo tanti anni che ha sempre messo le lettere nella tua cassetta, pur non vedendo più il tuo nome, continui a farlo, presumendo che si tratti sempre della tua buca. Le notifiche così effettuate sono valide? Se dovesse immettere un avviso di giacenza nella cassetta delle lettere senza nominativo esso avrebbe valore? La risposta è stata data dalla Cassazione [2]. Secondo la Corte, è ugualmente «legittima la notifica di un atto effettuata nella cassetta della corrispondenza presso la sede legale di una società [e, per analogia, anche in quella di una persona fisica] anche se manca su tale cassetta l’espressa indicazione del nome della società stessa [o della persona fisica]». La Corte dice che non esiste per legge l’obbligo per le persone fisiche o giuridiche di indicare il loro nominativo sulle cassette postali dei luoghi di loro abitazione o sede; pertanto l’agente postale non può desumere, dalla sola mancanza di indicazione del nome del destinatario dell’unica cassetta di corrispondenza dello stabile, che questi abbia trasferito la propria residenza altrove. Probabilmente la Cassazione, nel dire che non è obbligatorio il nome sulla cassetta della posta si riferisce probabilmente al fatto che la disciplina ministeriale è priva di carattere coercitivo in assenza di sanzioni. In ogni caso, è lecito ritenere che la Corte abbia fatto salvi solo i casi in cui, nonostante l’assenza del nominativo dalla cassetta delle lettere, non vi siano dubbi sulla proprietà della stessa (come appunto nel caso di un immobile con un solo inquilino dentro). Diversa potrebbe essere la conclusione quando ci sono più cassette senza nome e non vi è certezza sulla relativa appartenenza.

note

[1] Decreto Ministeriale del 9.04.2001.

[2] Cass. sent. n. 9798/2013.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

2 Commenti

  1. Partendo dal presupposto che una volta il “Postino Giurava” prima dicominciare la sua carriera; Oggi che Poste Italiane è totalmenteuna SPA quindi privatizzata e/o il “Pony” della TNT o della SDA e via dicendo, che effettuano Consegne di Posta e Recapito Pacchi in Regime di Libera Concorrenza, si possono ancora definire “Agenti Postali”? Quali sono le garanzie che la consegna venga effettivamente effettuata, specie considerando che nelle sopracitate concorrenti di Poste Italiane SPA sono stranieri, per i quali è presumibile la scarsa conoscenza delle zone loro assegnate per le consegne di plichi, raccomandate e pacchi?
    Si tenga conto che l’obbligo di Giuramento del Postino e relativa verbalizzazione è decaduto ormai da decenni.
    Grazie

  2. Sinceramente non riesco a capire questa contraddizione legislativa.
    Perché la Cassazione non rende definitivamente nullo il decreto Ministeriale di Aprile 2001 visto che gli sentenzia contro?
    Quante leggi ci sono nel nostro ordinamento che non servono a nulla se non sono sanzionabili?
    Un’assurdità unica che ci costa una marea di soldi.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI