HOME Articoli

Lo sai che? Minivoltura auto: come funziona e perché farla

Lo sai che? Pubblicato il 6 giugno 2018

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 6 giugno 2018

In che cosa consiste, come si effettua e quali vantaggi comporta la cosiddetta minivoltura di un autoveicolo

Sono sicuro che saprai bene come trasferire un’auto di seconda mano e fare il passaggio di proprietà. Ma probabilmente non hai mai sentito parlare della minivoltura. Si tratta di una procedura con cui, dopo aver consegnato l’autoveicolo ad un concessionario/rivenditore, viene cambiata l’intestazione del mezzo con la certezza per il venditore che da quel momento sarà esente da ogni responsabilità sul veicolo. Ma procediamo con ordine e vediamo come funziona la minivoltura auto e perché farla.

Cos’è la minivoltura auto e come si esegue?

Quando si decide di cambiare auto e ci si vuol disfare della vecchia, ci si trova di fronte a diverse possibilità. Fra queste diverse possibilità c’è quella che viene comunemente chiamata minivoltura che è quella che meglio garantisce il proprietario nei riguardi delle sue responsabilità sul vecchio veicolo. Infatti la minivoltura consiste nella vendita di un veicolo (e qui interessa soprattutto il caso della vendita degli autoveicoli, le cosiddette automobili) da un privato ad un concessionario/rivenditore di veicoli usati.

La procedura, in concreto, prevede che con l’ausilio della struttura del concessionario, venga presentata la registrazione del passaggio di proprietà allo Sportello Telematico dell’Automobilista (STA).

La documentazione da presentare è la stessa che va presentata nei casi classici di passaggi di proprietà (cioè atto unilaterale di vendita in bollo da euro sedici con firma autenticata del solo venditore oppure atto di vendita in bollo da euro sedici redatto in forma bilaterale con firme autenticate di venditore e acquirente, certificato di proprietà, nota di presentazione al Pubblico registro automobilistico, carta di circolazione o sua fotocopia, fotocopia di un documento di riconoscimento dell’acquirente, modulo TT2119 di richiesta di aggiornamento della carta di circolazione).

Il costo di questo tipo di operazione è inferiore all’ordinario passaggio di proprietà perché non è dovuta l’imposta provinciale di trascrizione e sono dimezzati gli importi dovuti all’ACI.

L’operazione si considera positivamente e regolarmente eseguita quando l’atto di vendita viene registrato sia nell’archivio del Pubblico registro automobilistico (PRA) che in quello della Motorizzazione civile (UMC).

La minivoltura auto si esegue con la richiesta di registrazione del passaggio di proprietà

Quali sono i vantaggi della minivoltura auto?

Nel precedente paragrafo si è detto che quando si decide di cambiare auto e ci si vuol disfare della vecchia, ci si trova di fronte a diverse possibilità e che fra queste diverse possibilità c’è quella che viene comunemente chiamata minivoltura che meglio garantisce il proprietario nei riguardi delle sue responsabilità sul vecchio veicolo.

Infatti la minivoltura regolarmente effettuata prevede il mutamento dell’intestazione del veicolo (con le relative registrazioni nei registri del PRA) e questo significa che il venditore non risponderà più, dalla data della registrazione, di ogni tipo di conseguenza collegata al possesso presunto del veicolo ed al suo uso.

Dalla data, cioè, della registrazione del passaggio di proprietà avvenuto cedendo l’autoveicolo al concessionario/rivenditore utilizzando la minivoltura, il vecchio proprietario del mezzo:

  • non sarà più responsabile dei danni provocati a cose o persone dall’uso di quello stesso veicolo;
  • né potrà più essere chiamato a pagare la tassa automobilistica (cioè il cosiddetto bollo auto) non versata successivamente alla minivoltura;
  • né potrà più essere chiamato a pagare le sanzioni per violazioni del Codice della strada commesse da chi usasse l’autoveicolo in data successiva alla registrazione al PRA del passaggio di proprietà collegato alla minivoltura.

Si consiglia quindi, soprattutto se la richiesta di passaggio di proprietà non è stata presentata attraverso uno Sportello automatico dell’automobilista, di verificare che il passaggio di proprietà risulti correttamente eseguito richiedendo all’ufficio provinciale dell’ACI (che gestisce il PRA) una visura indicando la targa del veicolo.

Con la registrazione al PRA della minivoltura il venditore non risponde più delle conseguenze dell’uso del veicolo


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI