Diritto e Fisco | Articoli

Avere un bastone in macchina è legale?

24 maggio 2018


Avere un bastone in macchina è legale?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 24 maggio 2018



Esiste il reato di porto abusivo di bastone di legno? Bisogna avere un’autorizzazione della Questura per trasportare con se un’arma impropria?

Mentre stai guidando, ti ferma la polizia e trova nel tuo bagagliaio un lungo bastone di legno. Pur non essendo presenti lame o punte acuminate, l’agente ti chiede spiegazioni circa la presenza dell’oggetto all’interno dell’auto. Cosa puoi dirgli? Sei tenuto a rispondere e a giustificarti o no? In altri termini, avere un bastone in macchina è legale? La questione è stata analizzata da una sentenza della Cassazione pubblicata ieri [1]. Ti sembrerà forse strano, ma anche il bastone può essere considerato un’arma, almeno quando è tale, per dimensioni e circonferenza, da poter fare male alle persone. Non ci sono dubbi che a spaccare un pezzo di legno in testa a qualcuno si rischia di andare in carcere, ma ciò significa anche dover avere il “porto d’arma”? Il semplice fatto di portare in giro un bastone di legno è vietato dalla legge? La risposta al tuo dubbio legale è contenuta proprio in questa pronuncia. Quindi ti consiglio di prenderti un minuto di tempo e di leggere attentamente quello che i giudici supremi hanno detto.

Per il diritto, esistono due tipi di armi: le armi proprie, che sono quelle che tutti conosciamo e definiamo tali, come fucili, pistole, coltelli, mazze, ecc., e le armi improprie che sono invece gli oggetti che nascono per finalità diverse da quelle di far male alla gente, ma che possono – in determinate occasioni – essere usati anche per tale scopo; sicuramente il bastone di legno, la mazza da baseball, una catena, il remo di una barca e persino un lungo tubo di plastica sono ottimi esempi di armi improprie.

L’utilizzo di un’arma impropria per ferire le persone è un reato: non c’è bisogno di un avvocato per spiegarlo. Così, chi utilizza una scopa per rompere un braccio a un’altra persona sicuramente dovrà rispondere delle lesioni aggravate. Non solo. Anche il semplice ostentare il bastone davanti al proprio rivale può essere considerato un comportamento vietato. A tal proposito immagina di avere una lite con un vicino di casa. D’un tratto questi si assenta e ricompare con una mazza di legno in mano. Senza dirti nulla, fa ondeggiare l’oggetto davanti a tuoi occhi con un chiaro intento intimidatorio. Non avrai difficoltà a farlo condannare per il reato di minaccia.

Se indiscutibilmente l’uso dell’arma (propria o impropria) è vietato, vediamo invece che succede per il semplice “porto”. Anche qui è nozione comune che per pistole, sciabole, coltelli lunghi, katane, mitragliatrici, spade (anche d’epoca) ci vuole il porto d’armi. Non puoi andartene in giro con un fucile, anche scarico, se non hai chiesto l’autorizzazione alla Questura.

I bastoni sono armi? Dipende dall’uso

Come la mettiamo invece con le armi improprie? Bisogna avere anche il porto d’armi per una mazza da baseball? Se così fosse, sarebbe quasi impossibile giocare a questo sport nel nostro Paese; sarebbe impossibile acquistare una scopa al supermercato per portarla a casa; sarebbe scomodo comprare una catena per chiudere il cancello del cane. La soluzione allora è a metà. Per comprendere cosa bisogna fare, e quindi se avere un bastone in macchina è legale, ricorriamo a un altro esempio. Chi viene trovato in prossimità di uno stadio con uno zaino pieno di pietre, pronto a entrare oltre i cancelli, dovrà quantomeno dare una spiegazione delle ragioni per cui si porta dietro questa zavorra. Se una persona viene fermata dalla polizia con una serie di mannaie nel portabagagli e questi sostiene che sono “ad uso culinario” e di averle semplicemente portate dall’arrotino per affilarle dovrà mostrare uno scontrino o qualche altra prova volta a confermare le sue dichiarazioni. Insomma, se per le armi proprie il porto d’armi è necessario per non incorrere nel reato, per quelle improprie invece è fondamentale dare plausibili spiegazioni del fatto di averle con sé. Se le motivazioni offerte non sono convincenti o sono del tutto assenti, allora anche per l’arma impropria si risponde penalmente.

Così può scattare il reato di porto abusivo di bastone di legno per chi viene trovato con questo oggetto nel portabagagli dell’auto senza che sappia dire a cosa gli serve o perché lo ha con sé. È chiaro che se stai portando il bastone per delimitare un campo, ti dovrai trovare nella giusta direzione di strada, dovrai spiegare per quale esigenza devi delimitarlo e, soprattutto, dovrai dimostrare che hai un terreno! Se però lo volevi portare al bar per regolare una vecchia questione con un conoscente, allora sarà molto più difficile salvarti da una bella incriminazione.

Come fare allora a stabilire una regola precisa sulla differenza tra il porto illegale e il semplice trasporto legale del bastone? Secondo la Cassazione, il criterio che distingue le due ipotesi sta proprio nell’immediata disponibilità dell’arma in capo al reo ed, in particolare «l’essere questa riposta, durante il tragitto, nel bagagliaio dell’autovettura, senza alcun accorgimento particolare che ne impedisca l’immediata apprensione»:  è questo, in assenza di valide giustificazioni, a indurre a qualificare tale condotta come porto illegale e non già come trasporto.

note

[1] Cass. sent. n. 23160/18 del 23.05.2018.

Corte di Cassazione, sez. I Penale, sentenza 1 marzo – 23 maggio 2018, n. 23160

Presidente Boni – Relatore Santalucia

Ritenuto in fatto

La Corte di appello di Milano, in parziale riforma della sentenza emessa dal Tribunale di Lecco, ha irrogato a C.S. , imputato del reato di porto abusivo di un bastone di legno, la pena, corrispondente al minimo edittale ridotto di un terzo per il rito abbreviato, di mesi 4 di arresto ed Euro 1000,00 di ammenda.

Affermata la ricorrenza del reato di porto abusivo, dato che l’imputato aveva l’immediata disponibilità del bastone custodito nel vano bagagli dell’autovettura da lui condotta, e l’idoneità ad offendere del bastone medesimo, per dimensioni in lunghezza e circonferenza, la Corte territoriale ha negato la sussistenza dell’attenuante della lieve entità in ragione dei precedenti penali dell’imputato.

Avverso la sentenza ha proposto ricorso per cassazione il difensore dell’imputato, che articola più motivi.

Con il primo deduce il difetto di motivazione in relazione alla qualificazione del fatto come porto di arma anziché come trasporto della stessa. Il bastone di cui all’imputazione era, infatti, risposto nel vano bagagli dell’autovettura con cui viaggiava l’imputato che, quindi, non ne aveva l’immediata disponibilità. Il vizio di motivazione ricorre anche per la parte in cui si afferma che il bastone trasportato, della lunghezza di oltre un metro e del diametro di 3,5 cm, sia un oggetto atto ad offendere, trascurandone così le caratteristiche strutturali, le ridotte dimensioni e la consistenza, per l’assenza di punte o altre parti acuminate; oltre che le circostanze di tempo e di luogo che non denotano alcuna finalità offensiva.

Con il secondo motivo deduce difetto di motivazione relativamente al diniego della circostanza attenuante della lieve entità del fatto, proprio per l’assenza di dati che possano far ritenere la finalità offensiva del trasporto del bastone.

Con il terzo motivo deduce la mancanza assoluta di motivazione circa il diniego della concessione delle circostanze attenuanti generiche e della sospensione condizionale della pena. La Corte territoriale ha completamente omesso l’esame del motivo articolato sui temi appena indicati, limitandosi ad applicare, in riforma della sentenza di primo grado, il minimo della pena.

Considerato in diritto

Il ricorso è infondato, per le ragioni di seguito esposte.

Siè precisato nella giurisprudenza di questa Corte che “in tema di porto d’arma in luogo pubblico, sebbene ai fini della consumazione del reato non sia richiesto che il soggetto agente tenga l’arma sulla sua persona, è necessario che questi possa acquisirne facilmente la disponibilità materiale per farne un uso immediato – Sez. VI, 1 dicembre 2015, n. 4970/16, P., C.E.D. Cass., n. 266171 -. Sulla base di questo principio di diritto, la Corte territoriale ha adeguatamente motivato circa le ragioni di fatto che inducono alla qualificazione in termini di porto illegale, in luogo del mero trasporto, del bastone di cui all’imputazione. Se il criterio discretivo tra le due ipotesi è quello dell’immediata disponibilità dell’arma in capo all’agente, l’essere questa riposta, durante il tragitto, nel bagagliaio dell’autovettura, senza alcun accorgimento particolare che ne impedisca l’immediata apprensione, induce alla qualificazione come porto illegale e non già come trasporto. La Corte territoriale, ancora, ha dato adeguata motivazione circa l’idoneità offensiva del bastone oggetto di porto illegale, per lunghezza e diametro, considerevoli entrambi e tali da renderlo pericoloso pur se privo di punta acuminata. Ha poi opportunamente valorizzato il dato dell’assenza di giustificazioni, al momento del controllo di polizia, in merito all’invocato trasporto. Ha quindi negato, con motivazione non censurabile, che il fatto possa essere considerato di lieve entità. Ed infatti, il riferimento ai precedenti penali dell’imputato ben può essere utilizzato per dare conto dell’assenza dei caratteri della lieve entità, come affermato da questa Corte, secondo cui al riconoscimento della circostanza attenuante “può essere ostativo il giudizio negativo sulla personalità del reo o sulle modalità del fatto” -Sez. I, 8 giugno 2016, n. 40207, P., C.E.D. Cass., n. 268102 -.

Circa poi il diniego delle circostanze attenuanti generiche e della sospensione condizionale della pena, va messo in evidenza che l’assenza di una motivazione esplicita non è indice di omesso esame del relativo motivo, dal momento che la Corte di appello ha implicitamente ma inequivocamente dato risposta adeguata sul punto. Ha infatti incentrato l’esame sulla personalità dell’imputato, rilevando la presenza di precedenti penali, specificando che sono tutti connotati da aggressività e tendenza alla violenza alle persone. Ha poi aggiunto che manifesta una propensione alla violenza, giudizio questo che si porrebbe in rapporto di logica incompatibilità con la concessione della sospensione condizionale della pena e delle circostanze attenuanti generiche. Si consideri a tal proposito quanto affermato da Sez. 2, n. 3896 del 20/1/2016, De Cotiis, Rv. 265826, secondo cui “in tema di diniego della concessione delle attenuanti generiche, la “ratio” della disposizione di cui all’art. 62-bis c.p. non impone al giudice di merito di esprimere una valutazione circa ogni singola deduzione difensiva, essendo, invece, sufficiente l’indicazione degli elementi di preponderante rilevanza ritenuti ostativi alla concessione delle attenuanti; ne deriva che queste ultime possono essere negate anche soltanto in base ai precedenti penali dell’imputato, perché in tal modo viene formulato comunque, sia pure implicitamente, un giudizio di disvalore sulla sua personalità”.

Alla ritenuta infondatezza del ricorso non segue però il rigetto e conseguente conferma della sentenza impugnata, perché questa Corte, nell’esercizio dei poteri officiosi di cui all’articolo 129 c.p.p., rileva che il reato è estinto per prescrizione. Il fatto è stato commesso il 6 novembre 2012, sicché alla data del 6 novembre 2017, computato l’aumento massimo per interruzione del termine ad opera della sentenza di appello ed in assenza di periodi di sospensione, il termine di prescrizione è interamente decorso. La sentenza impugnata deve, pertanto, esse annullata senza rinvio.

P.Q.M.

Annulla senza rinvio la sentenza impugnata per essere il reato estinto per prescrizione.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI