Diritto e Fisco | Editoriale

Sport bambini sotto i 6 anni: certificato medico obbligatorio?

16 giugno 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 16 giugno 2018



Tuo figlio deve iniziare a svolgere la sua prima attività sportiva. Puoi fare a meno dell’attestazione di idoneità?

Che sia palestra, nuoto, ginnastica artistica o qualsiasi altro sport, ogni volta che noi o i nostri figli contattiamo un’associazione sportiva per iscriverci e metterci in moto, ci viene richiesto il classico certificato medico di sana e robusta costituzione. Perché fare sport è molto importante per la crescita e la socializzazione di bambini e ragazzi (e perché no, anche degli adulti). Ma è ancora più importante farlo in modo sano e senza rischi per la propria salute. Le associazioni e le società sportive pretendono quindi la consegna del certificato di idoneità a svolgere attività. Il tema dei certificati medici sportivi però è molto cambiato nel corso degli anni. Mettiamo che noi quest’anno dobbiamo iscrivere nostro figlio o nostra figlia a nuoto, a ginnastica, a danza. Ognuno il suo. Vogliamo che inizi fin dai primi anni di vita ad essere in salute, abituandosi all’attività fisica. A questa età non possiamo parlare di attività sportiva vera e propria, ma è un inizio. Ci chiediamo quindi, visto la tenera età del nostro cucciolo, che non ha nemmeno 6 anni, se siamo comunque costretti ad andare dal medico per il rilascio di questo certificato, visto che non costa poco e sappiamo che è sano come un pesce. La domanda è: negli sport, per i bambini sotto i 6 anni il certificato medico è obbligatorio?  Rispondiamo in questo articolo.

Certificato medico sportivo obbligatorio: cos’è?

Il certificato medico sportivo è una certificazione di idoneità che viene richiesta a tutti coloro che devono iniziare a svolgere una particolare attività sportiva. In pratica, chiunque (o quasi) voglia iniziare uno sport deve sottoporsi a una visita medica, per assicurarsi (e rassicurare la società presso cui andrà a svolgerlo) di essere in condizioni di salute e di idoneità fisica.

Il medico sottopone la persona ad alcuni esami clinici e, se è tutto ok, rilascia il certificato di idoneità, valido un anno.

Di norma vengono richiesti due tipi di certificato: quello per l’attività agonistica e quello per l’attività non agonistica.

Certificato medico per sport agonistico

Chi decide di iniziare a fare sul serio, con un’attività sportiva agonistica deve consegnare alla società sportiva a cui si iscrive il certificato di idoneità. Ma quando uno sport diventa agonistico?

Si definisce attività agonistica uno sport praticato con continuità, sistematicamente ed esclusivamente, in forma organizzata dalle Federazioni nazionali sportive, dagli enti di promozione sportiva riconosciuti dal Coni e, per quanto riguarda i famosi Giochi della gioventù a livello nazionale, quando riconosciuti dal Ministero dell’istruzione.

In realtà quando comincia l’agonismo lo decidono le singole Federazioni sportive [1]: ad esempio nel calcio si comincia a parlare di agonismo a 12 anni, nel nuoto invece a 8 anni.

Ribadiamo quindi, che per praticare attività agonistica è obbligatorio il certificato medico. In questo caso può però essere rilasciato solo da un medico specializzato in medicina dello sport.

Certificato medico per sport non agonistico

Quando invece si parla di attività non agonistica? Rientrano in questa categoria tutte quelle attività [2]:

  • che gli alunni praticano come attività para-scolastiche (cioè organizzate dalla scuola ma al di fuori delle ore di educazione fisica);
  • organizzate dal Coni e altre società sportive nazionali o enti di promozione sportiva, praticate però da atleti considerati non agonisti;
  • corrispondenti ai giochi sportivi studenteschi, quando non rientrano tra quelli di rilevanza nazionale.

Anche per queste attività serve il certificato medio obbligatorio. In questo caso può però essere rilasciato dal normale medico generale o dal pediatra.

Certificato medico per sport amatoriale

L’attività sportiva ludico-amatoriale è qualcosa di molto tranquillo. Chi la pratica non è tesserato con le Federazioni sportive o con Enti di promozione sportiva e ha il solo scopo di mantenere la persona in salute, divertendosi. È orientata al benessere psico-fisico, senza particolari scopi di raggiungimento di risultati sportivi e competitivi [3].

Per l’attività fisica amatoriale il certificato medico è stato abolito [4]. Non è quindi obbligatorio.

Un tipico esempio di sport amatoriale può essere l’attività praticata in palestra. Ma solo se questa palestra non è affiliata a nessun ente di promozione sportiva o a nessuna Federazione. In caso contrario, se quando ti iscrivi, vieni tesserato alla Federazione, allora diventa obbligatorio il certificato medico per attività non agonistica.

Certificato medico sportivo: quando è obbligatorio?

Ribadiamo quanto abbiamo detto sopra. Il certificato medico è obbligatorio:

  • quando svolgi attività sportiva non agonistica. Per questa attività il certificato di idoneità può essere rilasciato dal medico generale o dal pediatra;
  • quando svolgi attività sportiva agonistica. In questo caso deve essere rilasciato dal medico specialista in medicina dello sport.

Bambini sotto i 6 anni: certificato medico obbligatorio?

E veniamo a noi e alla domanda se fare sport per i bambini sotto i 6 anni preveda il certificato medico obbligatorio.

La risposta che ti diamo è una vera e propria novità del 2018, introdotta da un decreto ministeriale [5] (congiunto tra ministero della Salute e dello Sport). È stato infatti ufficialmente abolito il certificato medico obbligatorio per i bambini da 0 a 6 anni che cominciano a fare sport e che saranno da oggi liberi di scorazzare e muoversi senza alcun obbligo di certificazione medica. Unica eccezione riguarda l’eventuale segnalazione di casi specifici da parte del pediatra.

Sarà lui infatti a dover fare uno sforzo in più per capire se il bambino che segue necessita di ulteriori accertamenti a riguardo.

La decisione è stata presa, anche su sollecito della Federazione dei medici pediatrici, e allo scopo di:

  • favorire la pratica sportiva per i bambini in età prescolare e fin dai primi anni di vita, eliminando la brutta abitudine alla sedentarietà;
  • alleggerire un po’ il peso di esami e accertamenti a carico del sistema sanitario nazionale (oltre che il costo del certificato a carico delle famiglie).

In pratica per fare sport i bambini sotto i 6 anni non dovranno più presentare il certificato medico obbligatorio.

Certificato medico sport: si paga?

Una misura quella dell’abolizione del certificato medico obbligatorio per i bimbi di età prescolare che aiuta anche le famiglie, che fino ad oggi si dovevano sobbarcare il costo del certificato o comunque di visite ed esami. Si perché non è affatto gratuito.

Possono ottenere il certificato gratuito però i minorenni che svolgono attività sportiva agonistica e lo richiedono in strutture convenzionate. Ormai lo passano gratuitamente molte Regioni. È gratuito anche se a richiederlo è la Scuola e se l’alunno partecipa ai Giochi sportivi studenteschi. Negli altri casi invece si devono tirar fuori cifre variabili, che si aggirano però attorno ai 35-40 euro, ma possono sfiorare anche i 50 euro.

Certificato medico sportivo: quanto tempo vale?

E questi soldi si devono sborsare ogni anno, perché il certificato medico sportivo obbligatorio vale solo per un anno. Scaduti i 365 giorni va rifatto, se si vuole continuare l’attività sportiva. Ma questo non è più un problema dei genitori di bambini sotto i 6 anni, che sono esonerati da quest’obbligo.

note

[1] DM del 18 febbraio 1982.

[2] Art. 3 DM del 24 aprile 2013.

[3] Art. 2 DM del 24 aprile 2013.

[4] Art. 42-bis L. n. 98/13 del 9 agosto 2013.

[5] DM del 28 febbraio 2018.

Autore immagine: Pixabay 


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI