Diritto e Fisco | Articoli

Divieto retribuzione in contanti

15 Giugno 2018 | Autore:
Divieto retribuzione in contanti

Se il datore di lavoro paga la retribuzione con bonifico ma non va a buon fine: quali sanzioni?

Il tuo datore di lavoro si è adeguato alle nuove norme che prevedono il divieto di corresponsione della retribuzione in contanti. Dato che la retribuzione deve essere tracciabile, ha disposto il bonifico a tuo favore ma, credendosi astuto, ha revocato l’ordine di bonifico prima che la banca lo autorizzasse; di fatto, dunque, anche se ha esibito la contabile del pagamento, nessuna somma è mai pervenuta sul tuo conto corrente. E’ legittima una condotta simile? A quali sanzioni va incontro il datore di lavoro?

La risposta è contenuta in un recente parere dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro [1]. Vediamo come funziona il divieto di retribuzione in contanti e cosa succede se il bonifico del datore di lavoro non va a buon fine.

Divieto contanti: come deve essere pagata la retribuzione

A partire dal 1° luglio 2018 i datori di lavoro o committenti non possono più corrispondere ai lavoratori la retribuzione, né ogni anticipo di essa, in denaro contante. La retribuzione deve essere obbligatoriamente versata attraverso una banca o un ufficio postale con una delle seguenti modalità tracciabili:

  1. bonifico sul conto identificato dal codice Iban indicato dal lavoratore;
  2.  strumenti di pagamento elettronico;
  3. pagamento in contanti presso lo sportello bancario o postale dove il datore di lavoro abbia aperto un conto corrente di tesoreria con mandato di pagamento;
  4. emissione di un assegno consegnato direttamente al lavoratore o, in caso di suo comprovato impedimento, a un suo delegato. L’impedimento s’intende comprovato quando il delegato a ricevere il pagamento è il coniuge, il convivente o un familiare, in linea retta o collaterale, del lavoratore, purché di età non inferiore a sedici anni.

Divieto di retribuzione in contanti: a chi si applica

Il divieto di retribuzione in denaro contante si applica ad ogni rapporto di lavoro subordinato, indipendentemente dalle modalità di svolgimento della prestazione e dalla durata del rapporto, nonché ogni rapporto di lavoro originato da contratti di collaborazione coordinata e continuativa e dai contratti di lavoro instaurati in qualsiasi forma dalle cooperative con i propri soci.

La firma apposta dal lavoratore sulla busta paga non costituisce prova dell’avvenuto pagamento della retribuzione.

Il divieto dei contanti non si applica:

  • ai rapporti di lavoro instaurati con le pubbliche amministrazioni;
  • ai rapporti di lavoro domestico;
  • ai compensi derivanti da borse di studio, tirocini, rapporti autonomi di natura occasionale

Divieto di retribuzione in contanti: sanzioni

Al datore di lavoro o committente che viola il divieto di retribuzione in contanti si applica la sanzione amministrativa pecuniaria consistente nel pagamento di una somma da 1.000 euro a 5.000 euro.

Il divieto si intende violato quando:

  • la corresponsione delle somme avviene con modalità diverse da quelle indicate dal legislatore;
  • nonostante l’utilizzo dei predetti sistemi di pagamento, il versamento delle somme dovute non sia realmente effettuato.

La contestazione dell’illecito avviene secondo la legge sulle sanzioni amministrative [2]. La sanzione sarà determinata nella misura ridotta e, in caso di mancato versamento delle somme sul cod. tributo 741T, l’autorità competente a ricevere il rapporto, è da individuare nell’Ispettorato territoriale del lavoro.

Il verbale di contestazione e notificazione adottato dagli organi di vigilanza può essere impugnato con ricorso amministrativo al direttore della sede territoriale dell’Ispettorato nazionale del lavoro entro trenta giorni dalla notifica.

Retribuzione non pagata: bonifico revocato

Secondo l’Ispettorato Nazionale del Lavoro, il divieto di contanti e l’obbligo di pagamento mediante sistemi tracciabili, si intendono violati anche nel caso in cui il bonifico bancario in favore del lavoratore venga successivamente revocato o l’assegno emesso venga annullato prima dell’incasso. In questi casi è infatti evidente uno scopo elusivo del datore di lavoro.

Dunque, è necessario verificare non soltanto che il datore di lavoro abbia disposto il pagamento utilizzando gli strumenti previsti dalla legge ma che lo stesso sia andato a buon fine. Se il bonifico è stato revocato o l’assegno annullato, al datore di lavoro si applica la sanzione amministrativa da 1.000 euro a 5.000 euro.


note

[1] Nota n. 4538 del 22.05.2018.

[2] L. 689/1981.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube