HOME Articoli

Miscellanea Stop del Ministero della Sanità alle sigarette elettroniche

Miscellanea Pubblicato il 31 dicembre 2012

Articolo di




> Miscellanea Pubblicato il 31 dicembre 2012

Le sigarette elettroniche, palliativo sempre più diffuso contro il vizio da fumo, ha subito un brusco stop da parte del Ministero della Sanità: potrebbero essere pericolose per la salute e andrebbero prescritte come normali farmaci.

Ormai tutti le conoscono: le sigarette elettroniche o vaporizzatori sono dispositivi del tutto simili alla sigaretta tradizionale, con la differenza che emettono vapore aromatizzato.

L’innovazione sta nell’aver eliminato le sostanze tossiche prodotte dalla combustione del tabacco, lasciando solo la nicotina che è la causa della dipendenza. In base al tipo di fumatore, viene proposto l’utilizzo iniziale di un liquido aromatizzato a 0, 9 o 18 mg che andrà poi a scalare nel tempo.

Ora però il Ministero della Salute ha sollevato alcune gravi perplessità su tali sigarette. L’unico vantaggio che essere procurerebbero – si legge nel memorandum del Ministero – sta nel fatto che eliminano il problema del fumo passivo, in quanto emettono solo vapore e non creano combustione.

L’allarme prosegue: le sigarette elettroniche con nicotina potrebbero addirittura creare l’effetto inverso a quello sperato, avvicinando al fumo convenzionale i non fumatori. Rischio notevole soprattutto per i giovani, per via della facilità di reperimento su Internet di tali prodotti.

Inoltre, le sigarette al vapore potrebbero riattivare l’abitudine al fumo in chi ha già smesso.

Infine, non vi sono prove scientifiche sufficienti a stabilire la sicurezza e l’efficacia di tali strumenti come metodo per la dissuefazione. Pertanto, suggerisce il Ministero, esse andrebbero regolamentate come dispositivi medici o farmaci veri e propri, e non come prodotti del tabacco.

È, del resto, ciò che già avviene in altri Paesi come Austria, Belgio, Germania, Portogallo e Svezia.

In altri Stati, invece, le sigarette elettroniche sono del tutto proibite: così in Australia, Canada, Norvegia le vietano del tutto. In Francia sono autorizzate solo a scopo terapeutico. Negli Usa si intende sottoporle alle stesse prove di valutazione dei farmaci.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

4 Commenti

  1. Il MInistero le sigarette al vapore potrebbero riattivare l’abitudine al fumo ma non dice nulla sul fatto che lo STATO ingrassa con la vendita del tabacco. Conflitto di interessi ?

  2. Premetto che io ho smesso di fumare senza l’ausilio della sigaretta elettronica ma con tanta volontà e con l’aiuto dello sport ma ho l’impressione che da parte dello Stato non vi siano affatto timori per la salute dei cittadini.
    Come mai questo atteggiamento iper-protettivo nei nostri confronti per le sigarette elettroniche e non per le sigarette normali?
    Caro Stato Italiano TU mi hai mantenuto in stato di tossicodipendenza da nicotina per 21 anni perchè alla fin fine ti facevo molto comodo così.
    Regolamentare le sigarette elettroniche ha senso ma, perdiana, regolamentatele in modo tale da proteggere i bambini dal contatto accidentale con i liquidi a base di nicotina e non dal contatto accidentale con i fumatori che vogliono smettere di fumare!!!

  3. inftt…. non vedo nessuna peoccupazione per i cittadini da parte dello stato italiano….vedo solo conflitto di interesse…mahhh…per le loro tasche farebbero di tutto…vuoi vedere che fra un pò tassano anche le sigarette elettroniche????

  4. Se allo stato fosse interessato realmente qualcosa riguardo la nostra salute avrebbe proibito la vendita delle sigarette , dei superalcolici e di tante altre schifezze che si trovano in commercio . Sono 6 mesi che non tocco una sigaretta tradizionale grazie a quella elettronica , ho smesso di tossire ed ho risparmiato finora oltre 1000 euro e ne sono strafelice , avanti caro governo metti le mani anche qua , tanto è tempo che si dice ” Tra un pò ci tasseranno l’aria che respiriamo ” VERGOGNA !!!! CI VOLETE SENZA SOLDI , SENZA SALUTE E PREFERIBILMENTE MORTI COSI AVETE RISOLTO ANCHE IL PROBLEMA DELLE PENSIONI !!! CHE SCHIFO

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI