Diritto e Fisco | Articoli

La morte di Rita Levi Montalcini: la redazione la vuole ricordare così

30 dicembre 2012


La morte di Rita Levi Montalcini: la redazione la vuole ricordare così

> Diritto e Fisco Pubblicato il 30 dicembre 2012



Poche ore fa si è spenta, nella sua casa di Roma, Rita Levi Montalcini, premio Nobel per la medicina e senatrice della Repubblica. Aveva 103 anni.

La Montalcini è stata un esempio per tutti gli italiani e, in particolare, per le donne.

Negli anni cinquanta le sue ricerche la portarono alla scoperta e all’identificazione del fattore di accrescimento della fibra nervosa o NGF, scoperta che le è valso, nel 1986, il Nobel per la medicina.

Rita è stata la prima donna a essere ammessa alla Pontificia Accademia delle Scienze.

Levi-Montalcini ha sempre affermato di sentirsi una donna libera. Cresciuta in «un mondo vittoriano, nel quale dominava la figura maschile e la donna aveva poche possibilità», ha dichiarato d’averne «risentito, poiché sapevo che le nostre capacità mentali – uomo e donna – son le stesse: abbiamo uguali possibilità e differente approccio».

Attiva in campagne di interesse politico e sociale, come quelle contro le mine anti-uomo, o per la responsabilità degli scienziati nei confronti della società, nel 1992 istituì in memoria del padre, la Fondazione Rita Levi-Montalcini, rivolta alla formazione dei giovani e al conferimento di borse di studio universitarie a giovani studentesse africane  (progetto “Un convitto per le ragazze Tuareg”), con l’obiettivo di creare una classe di giovani donne che svolgessero un ruolo da leader nella vita scientifica e sociale del proprio paese.

Il 1º agosto 2001 è stata nominata senatrice a vita “per aver illustrato la Patria con altissimi meriti nel campo scientifico e sociale“.

Famosa per le sue idee di eguaglianza tra uomini e donne (“L’umanità è fatta di uomini e donne e deve essere rappresentata da entrambi i sessi”, diceva), nel 2009, compiuti i cento anni, ha raggiunto vari record: è stata la prima tra le vincitrici e i vincitori del premio Nobel a superare il secolo di vita ed è stata la più anziana tra i senatori e senatrici a vita della storia repubblicana italiana [1].

In occasione del suo centesimo compleanno dichiarò: “Il corpo faccia quello che vuole. Io non sono il corpo: io sono la mente”.

Ci piace ricordarla con un altro suo famoso aforisma: “Ho un’intelligenza mediocre. Il mio merito è l’impegno“.

Foto: Ansa

note

[1] Più anziano di lei fu solo il Senatore del Regno Giovanni Battista Borea d’Olmo.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI