Diritto e Fisco | Articoli

Cartelle esattoriali: come chiedere l’annullamento in modo automatico

8 gennaio 2013


Cartelle esattoriali: come chiedere l’annullamento in modo automatico

> Diritto e Fisco Pubblicato il 8 gennaio 2013



Cartelle esattoriali palesemente illegittime: da oggi, il contribuente potrà attivarsi da solo, anche senza avvocato o commercialista, per chiederne l’annullamento direttamente a Equitalia (o ad altro agente della riscossione).

La nuova disciplina, introdotta con l’ultima legge di stabilità, ricalca una procedura già adottata da Equitalia, ma rimasta solo a livello interno [1].

Ecco quindi i singoli passaggi che consentiranno al contribuente di attivare questa forma di auto tutela.

Invio della dichiarazione

Entro 90 giorni dal ricevimento della notifica della cartella esattoriale (o di qualsiasi altro atto della procedura esecutiva o cautelare), il contribuente dovrà presentare al concessionario della riscossione (per es.: Equitalia) una dichiarazione (anche per via telematica) in cui chiederà lo sgravio della cartella.

In tale richiesta, egli dovrà indicare e documentare i motivi per cui ritiene illegittima la pretesa esattoriale.

Vi forniamo un modello prestampato di ricorso da presentare ad Equitalia (clicca sul titolo qui sotto)

Istanza di sospensione immediata delle misure cautelari o esecutive da presentare ad Equitalia

I motivi

Ecco i principali motivi per cui chiedere lo sgravio della cartella:

– intervenuta prescrizione del diritto di credito;

– intervenuta decadenza del diritto di credito;

– un provvedimento di sgravio già ottenuto dall’ente titolare del credito (per es. Inps);

– un provvedimento amministrativo o del giudice che ha sospeso l’efficacia esecutiva della cartella esattoriale;

– una sentenza che ha già annullato, in tutto o in parte, la cartella esattoriale;

– intervenuto pagamento della cartella esattoriale.

L’elenco non è esaustivo. Vi potranno quindi rientrare anche altre cause di non esigibilità del credito.

La comunicazione all’ente creditore

Nei successivi 10 giorni dal ricevimento della richiesta, Equitalia invierà tutta la documentazione all’ente creditore della pretesa affinché confermi o meno l’istanza avazanta dal contribuente.

La risposta dell’ente creditore

Entro 60 giorni dal ricevimento del fascicolo da parte di Equitalia, l’ente creditore comunicherà al contribuente, con raccomandata a.r. o con PEC, se intende aderire alla richiesta di annullamento, condividendo o meno i motivi evidenziati nell’istanza.

In entrambi i casi, l’ente creditore informerà della propria decisione anche l’ente titolare del credito, inviandogli:

– il provvedimento di sospensione o sgravio, in caso di accoglimento della richiesta del contribuente;

– oppure invitandolo a riprendere l’attività esecutiva, in caso di rigetto.

Silenzio assenso

Se, tuttavia, l’ente creditore non risponde entro 220 giorni dalla presentazione dell’istanza, quest’ultima si intende accolta e la cartella si considera automaticamente annullata.

Quindi si ha il discarico automatico dei relativi ruoli a carico del debitore.

Vale quindi la regola del “silenzio assenso”.

Sanzioni

Per evitare abusi di tale procedura, è prevista una sanzione amministrativa che va dal 100 al 200 per cento delle somme dovute qualora il contribuente presenti una documentazione falsa, onde evitare strumentalizzazioni della suddetta procedura.

Limiti del nuovo sistema

Il nuovo meccanismo ha già ricevuto numerose critiche per via dei suoi effetti limitati: innanzitutto perché si applica alle cartelle emesse a seguito di iscrizione a ruolo da parte di enti locali, prefetture e simili.

Tuttavia, le nuove disposizioni non dovrebbero limitarsi solo alle cartelle di pagamento, ma estendersi anche alle somme affidate agli agenti della riscossione e rientrarvi, dunque, anche gli accertamenti esecutivi. La norma cita le somme “affidate”, pertanto, l’esclusione sarebbe immotivata.

Inoltre, la procedura non sospende i termini per impugnare la cartella o del ruolo. Il contribuente dovrà, per prudenza, avviare ugualmente il ricorso.

Se il contribuente rice una cartella esattoriale palesemente illegittima (per es.: ha già pagato o la cartella era stata già annullata da un giudice o il credito è prescritto) può presentare un’istanza a Equitalia, spiegando e provando i motivi di nullità della cartella. Equitalia, a sua volta, invia l’istanza all’amministrazione titolare del credito. Sarà poi quest’ultima a comunicare al cittadino se vi è stato lo sgravio o meno della cartella esattoriale. Ma se la risposta non arriva entro 220 giorni, l’istanza si considera accolta e la cartella annullata.

note

[1] Direttiva n. 10/2010.

L’immagine è tratta dal portale opinione.it

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI