HOME Articoli

Lo sai che? Cane investito: cosa fare?

Lo sai che? Pubblicato il 3 giugno 2018

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 3 giugno 2018

Investimento di un animale randagio o di proprietà altrui: la responsabilità nei confronti del padrone e la possibilità di chiedere un risarcimento al Comune.

Che ci siano ancora molte persone che, nonostante la facciata, ritengono gli animali né più né meno di “cose” si capisce quando si verifica l’investimento di un cane o di un gatto a causa di un’automobile. Se si procede oltre come se nulla fosse e non ci si ferma a prestare soccorso come invece si farebbe nell’ipotesi in cui la vittima fosse una persona, non è tanto per il timore di subire qualche conseguenza di tipo legale, ma proprio per la scarsa importanza che si dà alla vita degli animali. Non sono pochi gli automobilisti che, in caso di scontro con un cane, pensano più che altro a come lucrare dall’episodio, facendo causa all’Asl per non aver provveduto al sistema di prevenzione del randagismo. Ed anche il nostro legislatore ci mette la sua: il reato di omicidio stradale o di lesioni colpose, così come quello di fuga e di omissione di soccorso, si configurano solo se la vittima è una persona e non un quadrupede. In questi termini cerchiamo allora di capire, nell’ipotesi di un cane investito, cosa fare e come comportarsi, quali sono i rischi, le conseguenze, i doveri e i diritti degli automobilisti.

Cane investito: è reato?

Investire un cane non è sempre reato. Anzi, a dirla tutta, lo è solo in rarissime occasioni. Il codice penale prevede due norme a tutela degli animali in caso di uccisione. Entrambe però pongono una serie di condizioni da renderne possibile l’applicazione in pochi casi.

La prima norma è quella di uccisione di un animale [1]. Essa stabilisce che chiunque per «crudeltà» o «senza necessità» cagiona la morte di un animale è punto con la reclusione da quattro mesi a due anni.

Come detto, il reato scatta solo se l’uccisione avviene con crudeltà o non necessità. Questo significa che ci deve essere malafede o, per dirla in termini giuridici, il “dolo”. Quindi, chi investe un cane perché non lo ha visto o non è riuscito a schivarlo, pur se circolava violando le più elementari regole di prudenza del codice della strada (ad esempio a causa di una andatura elevata e non commisurata al tipo di strada), non è punibile penalmente (al massimo subirà la multa per eccesso di velocità). La norma tutela l’intenzione di “schiacciare” l’animale, non invece la colpa. Nel concetto di crudeltà rientrano motivi abietti o futili, il compiacimento nel vederlo morire, una particolare insensibilità o l’infliggere tortura o violenza senza motivo.

La seconda norma è quella di uccisione o danneggiamento di animali altrui. Qui ad essere tutelato non è l’animale in sé ma il patrimonio del suo proprietario. Pertanto, il reato non scatta se il cane è randagio. Difatti, la norma del codice punisce chiunque uccide animali «che appartengono ad altri». Se il cane non appartiene a nessuno, l’uccisione – anche se effettuata con crudeltà – non può essere punita né a livello penale, né civile, né amministrativo. Non ci sarà certo una causa di risarcimento del danno intentata dagli eredi del cane, né tantomeno il Comune si costituirà in un giudizio per ottenere la pulizia del manto stradale sporcato dal sangue.

Anche in questo caso, poi, il reato scatta solo se c’è il dolo e non per la semplice colpa.

Cane investito altrui: devo risarcire i danni?

Abbiamo appena detto che uccidere il cane di un’altra persona, mentre attraversa la strada, non è reato se non c’è volontà di farlo. Tuttavia, ciò non toglie che si debba il risarcimento del danno al proprietario, risarcimento che coinvolge sia la sfera economica (la perdita per il valore dell’animale e il prezzo corrisposto per il suo acquisto), sia la sfera affettiva (il danno non patrimoniale per il dolore e la sofferenza conseguenti alla scomparsa di un essere ritenuto “senziente” e di compagnia).

Se, nel 2008, la Corte di Cassazione aveva ritenuto impossibile chiedere il risarcimento dei danni morali per la perdita di un cane [3], oggi invece si è raggiunta una maggiore sensibilizzazione [4]. Quindi oggi chi investe il cane di un altro, e non lo fa apposta, non subisce conseguenze penali ma deve risarcire al padrone sia il danno patrimoniale che quello non patrimoniale. Il nostro ordinamento ormai riconosce e tutela il vale affettivo della relazione uomo-animale.

È pur vero che gli animali, per il nostro codice civile, sono considerati ancora oggetti ma per quello penale sono “oggetti” con un valore superiore rispetto agli altri beni.

Cane investito: il padrone è responsabile?

Potrebbe però succedere che l’investimento del cane sia stato determinato da una condotta imprevedibile dell’animale che ha attraversato all’improvviso la strada o è sfuggito di mano al padrone. Potrebbe anche succedere che, in una occasione del genere, l’automobilista, per non investire il quadrupede, abbia fatto un incidente stradale. Chi lo risarcisce? Non certo l’assicurazione, non essendovi un responsabile alla guida di un altro veicolo. Dovrà essere allora il proprietario del cane. Quest’ultimo, addirittura, è tenuto a prestare soccorso e, se si allontana senza farlo, commette il reato di fuga. Sicché può essere incriminato [5].

Il titolare dell’animale è infatti responsabile – a prescindere da propria colpa – per tutti i danni da questo causati [6], salvo riesca a dimostrare di non aver potuto impedire il fatto. Sicuramente, il fatto che il cane sia fuggito dal cancello, abbia oltrepassato il recinto o abbia strattonato il padrone che lo portava al guinzaglio non sono valide ragioni per escludere la responsabilità e invocare il “caso fortuito”.

Cane randagio investito: il Comune è responsabile?

Veniamo ora al caso in cui un automobilista compia un incidente stradale a causa di un cane randagio che attraversa la strada all’improvviso, rendendo impossibile evitare lo schianto. La Cassazione ha ormai sposato un orientamento assai rigido a riguardo [7], escludendo la responsabilità della pubblica amministrazione per non aver predisposto il sistema di prevenzione del randagismo con gli accalappiacani. Solo se l’incidentato riesce a dimostrare – cosa davvero difficilissima da fare – che il Comune era stato avvisato della presenza di quello specifico cane randagio nel luogo ove si è verificato il sinistro si può sperare in un risarcimento. Leggi Incidente con cani randagi: Comune non più responsabile.

note

[1] Art. 544 cod. pen.

[2] Art. 638 cod. pen.

[3] Le famose sentenze “san Martino” avevano catalogato anche la perdita di un animale domestico come un danno bagatellare (ossia di poca importanza).

[4] Cass. sent. n. 47391 21.12.2011.

[5] Cass. sent. n. 6306/2008, n. 2153/2009.

[6] Art. 2052 cod. civ.

[7] Cass. ord. n. 11591/18 del 14.05.2018.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI