Tech | Articoli

iPhone 6: quando la tecnologia si prende gioco dei consumatori

2 Gennaio 2013
iPhone 6: quando la tecnologia si prende gioco dei consumatori

Un iPhone all’anno: potrebbe sembrare uno spot promozionale, a vantaggio dell’immagine di un prodotto vario e sempre aggiornato… E invece non è così.

 

Stando ai rumors, sembra che Apple abbia già testato il nuovo iPhone 6 e iOS7, da lanciare sul mercato nel prossimo giugno: il tutto solo a nove mesi dall’uscita dell’iPhone 5. Insomma, per creare un nuovo smartphone alla Apple impiegano il tempo di una gestazione, consapevoli del fatto che – proprio al pari di una lieta attesa – i propri prodotti diventano veri e propri oggetti di culto mediatico. Le aspettative che si creano, con puntualità svizzera, intorno ad ogni nuova nascita della casa di Cupertino fa sì che le stesse azioni di quest’ultima ne risentano positivamente. Il tutto ai danni degli irriducibili fan, costretti – per quanti ancora se lo possono permettere – a cambiare cellulare ogni 365 giorni.

La notizia dell’iPhone 6 è riportata dal sito thenextweb.com, ma sarebbe anche trapelata da alcuni sviluppatori di app che avrebbero visto comparire nei log di utilizzo delle loro applicazioni, l’identificativo “iPhone6.1”.

Sembra che una delle novità di maggiore rilievo del nuovo melafonino siano le batterie wireless, sulla scia del Nokia Lumia 920, per caricare il dispositivo senza bisogno di fili.

Secondo un iter già collaudato, Apple potrebbe presentare il nuovo iOS durante la conferenza mondiale degli sviluppatori che si svolgerà a giugno a San Francisco, mentre il nuovo iPhone potrebbe essere lanciato a settembre-ottobre. A meno che Tim Cook non voglia giocare d’anticipo presentando il nuovo iPhone tra la primavera e l’estate.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube