Diritto e Fisco | Articoli

Bollino blu per automobili: novità

3 Gennaio 2013
Bollino blu per automobili: novità

Nuove regole per il bollino blu: obbligatorio per tutti.

Cambiano le regole [1] per il cosiddetto “bollino blu”, ossia quella attestazione che certifica il superamento, da parte di un veicolo a motore, del test di controllo dei gas di scarico, in ottemperanza ai limiti previsti dalle normative sulle immissioni inquinanti [2].

Fino a ieri, il controllo andava fatto annualmente nei soli Comuni che ne avevano decretato l’obbligo: esso consisteva in un tagliando adesivo che riportava la data di verifica, da attaccare in modo visibile sul parabrezza del veicolo, e da un certificato in cui erano riportati i valori delle emissioni registrate, da conservare a bordo della vettura ed esibire in caso di controllo.

Ma, dal 10.02.102, il controllo obbligatorio dei dispositivi di combustione e scarico degli autoveicoli è effettuato esclusivamente al momento della revisione obbligatoria periodica del mezzo: quindi ogni due anni (quattro per le auto nuove). Inoltre, il tagliando adesivo e il certificato non vengono più rilasciati.

Chi deve avere il bollino blu

Le auto a benzina, gasolio, metano e Gpl e i motoveicoli, indipendentemente dal luogo di residenza del proprietario (a differenza di quanto previsto dalla disciplina precedente, in base alla quale era obbligatorio solo per i proprietari residenti nei centri abitati o sui territori dei Comuni che avevano adottato un’ordinanza per il controllo obbligatorio dei gas scarico).

Chi rilascia il bollino blu

Gli uffici della Motorizzazione Civile e le imprese e i consorzi di imprese nell’ambito di attività di revisione dei veicoli.

Costo

Il costo del bollino blu è ora ricompreso nel costo della revisione.


note

[1] D.L. n. 5/2012.

[2] Dirett. UE 92/55, DM 28.02.1994; DM 5.02.1996.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube