Business | Articoli

Soppresse le visite mediche preventive per l’idoneità psicofisica

23 Luglio 2013 | Autore:
Soppresse le visite mediche preventive per l’idoneità psicofisica

Tra le novità del Decreto del Fare vi è l’abolizione delle visite mediche preventive necessarie prima dell’assunzione di minori, apprendisti e aspiranti al pubblico impiego.

 

Il Decreto del Fare ha abolito le visite mediche preventive volte all’attestazione dell’idoneità psicofisica per l’assunzione di minori [1], di apprendisti [2] e di aspiranti al pubblico impiego [3].

La precedente normativa è stata modificata allo scopo di semplificare le procedure relative alle autorizzazioni e alle certificazioni sanitarie.

La soppressione del giudizio di idoneità psicofisica riguarda, fra l’altro:

– i farmacisti,

– i maestri di sci,

– gli addetti alla vendita di generi di monopolio.

Per tali soggetti è stato soppresso, il 22 giugno scorso, l’obbligo di richiedere i certificati di idoneità fisica alle Asl e  da quella data non sono più applicabili le relative sanzioni a carico dei datori di lavoro.

Restano, invece, invariati gli obblighi di certificazione sanitaria del Medico Competente previsti dal T.U. sulla sicurezza [4] per i lavoratori soggetti a sorveglianza sanitaria e/o sottoposti a lavorazioni a rischio.

In sintesi, dal 22 giugno 2013, per quanto riguarda l’idoneità psicofisica dei lavoratori cui sopra, il Datore di lavoro non deve più presentare i seguenti certificati:

1) certificato di sana e robusta costituzione;

2) certificato di idoneità per l’assunzione (per le sole lavorazioni non a rischio);

3) per i farmacisti – certificato medico comprovante la sana costituzione fisica;

4) per l’assunzione nel pubblico impiego – certificato di idoneità fisica;

5) per il maestro di sci –  certificato di idoneità psico-fisica all’attività.


note

[1] Art. 8, L. 977/1967,

[2] Art.9, Dpr 1668/1956

[3] Dpr 3/1957

[4] Dlg.81/08 e s.m.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube