Business | Articoli

Pensione: cosa succede se non si lavora per un periodo?

24 Maggio 2017 | Autore:
Pensione: cosa succede se non si lavora per un periodo?

Vengono corrisposti i cosiddetti “contributi figurativi”. Ma come funzionano in dettaglio?

Può capitare, durante la carriera lavorativa, di avere dei buchi contributivi perché non si lavora. E cosa accade, in questo casi, al calcolo della pensione? Scopriamolo insieme.

Cosa sono i contributi figurativi

Si tratta di contributi fittizi che vengono corrisposti quando il lavoratore non lavora e, di conseguenza, non acquisisce nessun reale versamento all’Inps, né da parte del lavoratore né da parte del datore di lavoro. Per approfondire, vi consigliamo di leggere la nostra guida sui contributi figurativi.

Quando è possibile usufruire dei contributi figurativi?

I casi più ricorrenti di scoperti contributivi sono i seguenti:

  • malattia
  • maternità
  • disoccupazione
  • cassa integrazione
  • invalidità
  • servizio di leva

Occorre però fare attenzione perché non sempre i contributi figurativi servono nel calcolo degli anni contributi utili alla pensione. Questi vanno bene per raggiungere la pensione di vecchiaia, invalidità, inabilità, reversibilità, ma non per la pensione anticipata. In questo ultimo caso, infatti, ci sono dei limiti.

Bisogna evidenziare anche il fatto che ogni cassa previdenziale diversa dall’Inps ha un proprio regolamento e quindi regole differenti per il riconoscimento dei periodi coperti da contribuzione figurativa. Ad esempio, ai commercianti e gli artigiani i contributi figurativi non sono riconosciuti per i periodi di disoccupazione.

Il problema dei buchi, in assenza di contributi figurativi, si può risolvere ricorrendo alla contribuzione volontaria.

Altre info su cosa sono i contributi volontari nel nostro approfondimento.


note

Autore immagine: Google Immagini


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube