Diritto e Fisco | Articoli

Auto usata: garanzia e risarcimento

23 giugno 2018


Auto usata: garanzia e risarcimento

> Diritto e Fisco Pubblicato il 23 giugno 2018



Ho stipulato un contratto di acquisto del veicolo usato come azienda e il venditore mi aveva garantito verbalmente la perfetta funzionalità del mezzo e mi aveva fatto firmare un foglio per attestare soltanto l’avvenuta consegna delle chiavi. A seguito della rottura di un pistone del furgone dopo solo due mesi dall’acquisto scopro dalla società che il foglio faceva parte di un “certificato di conformità”che non mi era stato fatto visionare e che riportava una serie di problemi al mezzo di cui venivo a conoscenza soltanto in aprile 2018. Pertanto la rottura non era coperta da garanzia. Se fossi stato informato delle reali condizioni del veicolo mai avrei acquistato all’importo peraltro antieconomico. Ho una registrazione audio in cui il venditore ammette che fanno firmare quel “foglio” di prassi per tutelarsi. La società dopo lettera del mio legale civilista ha risposto che non è tenuta a risolvere il danno nonostante la malafede del venditore. La registrazione audio e il valore del mezzo possono aiutarmi?

Premesso che sarebbe stato utile allo scrivente visionare il “foglio” sottoscritto dal lettore, in ogni caso gli elementi che questi ha fornito nel suo quesito consentono comunque di rispondere.

Al contratto con cui il lettore ha acquistato il veicolo per servirsene nella sua azienda è applicabile la tutela prevista dal codice civile in materia di garanzia per i vizi della cosa venduta (articoli 1490 e successivi del codice civile).

Queste norme stabiliscono (anche per i veicoli usati) che il venditore è obbligato per legge agarantire che la cosa venduta non abbia vizi che non la rendano idonea all’uso a cui è destinata o chene facciano diminuire il valore in modo apprezzabile.

Perciò se, dopo la vendita, la cosa venduta (il veicolo, nel caso di specie) dovesse mostrare dei vizi, ilcompratore (cioè il lettore) avrà diritto a chiedere, a sua scelta:

– la risoluzione del contratto (restituendo il veicolo e ottenendo la restituzione del prezzo,fatto salvo anche l’eventuale richiesta di risarcimento del danno sopportato),

– oppure la riduzione del prezzo

– ma a condizione cha abbia denunciato i vizi al venditore entro otto giorni da quando li hascoperti (la denuncia può avvenire in qualsiasi modo e non è necessaria nel caso in cui ilvenditore ha riconosciuto l’esistenza del vizio o l’ha nascosto).

Tuttavia le stesse norme stabiliscono che:

– venditore e acquirente possono accordarsi per escludere del tutto questa garanzia (ma questoaccordo non avrà valore se il venditore abbia nascosto in mala fede i vizi della cosa);

– la garanzia è comunque esclusa se al momento della firma del contratto il compratore conosceva i vizi, oppure se i vizi erano facilmente riconoscibili dal compratore (a meno che, in quest’ultimo caso, il venditore abbia dichiarato che la cosa venduta non aveva vizi).

Riassumendo:

il lettore, come compratore, a causa della manifestazione del vizio del veicolo, ha diritto di chiedere la risoluzione del contratto (restituendo il veicolo e ottenendo indietro il prezzo pagato) oppure una riduzione del prezzo pagato.

Ma è possibile:

a) che nel foglio che il lettore ha sottoscritto sia stata inserita una clausola per escludere la garanzia prevista dalla legge ed in questo caso non gli spetterebbe nessuna garanzia (cioè non potrebbe ottenere né la risoluzione de contratto, né la riduzione del prezzo, a meno che il venditore abbia nascosto in mala fede i vizi);

b) che nel foglio che il lettore ha firmato sia stato scritto in modo dettagliato che questi era a conoscenza dei vizi che il veicolo aveva al momento della vendita ed in questo caso la garanzia non gli spetterebbe (cioè non potrebbe ottenere né la risoluzione de contratto, né la riduzione del prezzo);

c) oppure che nel foglio sottoscritto dal lettore è stato indicato che lo stesso ha preso visione del Certificato di conformità nel quale erano indicati i vizi che il veicolo aveva ma senza che questi,in realtà, abbia effettivamente preso visione del Certificato nel momento in cui ha firmato il foglio di consegna.

Anche nel caso c) non spetterebbe nessuna garanzia al lettore, ma potrebbe agire in giudizio (davanti cioè ad un giudice) per chiedere l’annullamento del contratto di vendita del veicolo (articoli 1439 e seguenti del codice civile), ma solo se riuscisse a dimostrare:

– di essere stato raggirato (cioè ingannato) dal venditore,

– che senza questo raggiro non avrebbe sottoscritto il contratto di acquisto del veicolo

– e che i raggiri siano stati così gravi da essere in grado di sorprendere una persona di normale diligenza.

Se la causa per l’annullamento del contratto avesse per il lettore esito positivo, l’effetto sarebbe quello che questi dovrà restituire il veicolo a chi gliel’ha venduto e il venditore dovrà restituirgli il prezzo da lui pagato.

Si precisa, infine, che la registrazione audio può essere utilizzata anche davanti ad un giudice, ma il suo avversario può neutralizzare l’efficacia della registrazione attraverso il cosiddetto disconoscimento,cioè contestando e negando in giudizio, in modo esplicito e dettagliato, che i fatti descritti nella registrazione siano realmente accaduti con le modalità che risultano dalla registrazione stessa e fornendo prove esplicite che dimostrino, appunto, che il contenuto della registrazione non corrisponda al vero: in questo senso si è espressa la Corte di Cassazione con sentenza n. 2117 del 2011.

Infine, il prezzo pagato dal lettore considerato da solo non dimostra nulla.

Infatti, se risulta dagli atti firmati dal lettore che egli conosceva i vizi del veicolo, è chiaro che il prezzo da lui pagato sarà considerato un elemento di un regolare accordo (nel quale gli era stato chiaramente detto che il veicolo presentava vizi); se, invece, il lettore dimostrerà di essere stato in qualche modo raggirato, è chiaro che il prezzo da lui pagato non sarà considerato frutto di un accordo trasparente.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv.Angelo Forte


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI