Diritto e Fisco | Articoli

Il libro più odiato dell’anno: roba da ricchi

4 Gennaio 2013
Il libro più odiato dell’anno: roba da ricchi

Rischia di battere tutti i record il saggio di Edward Conard: “Unintended consequences” (“Conseguente non intenzionali”): il saggio è un’appassionata difesa di quell’1% della popolazione americana rappresentata da “ricchi sfondati” alla Bill Gates.

Conard, difensore del darwinismo economico, sostiene che il crescente divario tra ricchi e poveri è un segno di buona salute dell’economia del pianeta. La disuguaglianza e il potere economico dei più ricchi si rivelerebbe addirittura una garanzia per i più poveri che solo così possono giovarsi della facoltà dei ricchi di investire il proprio denaro e favorire l’occupazione, il progresso e lo sviluppo. Un dollaro investito con successo da un imprenditore coraggioso ne produce venti per la comunità.

Il libro, naturalmente, ha sollevato un vespaio di proteste e critiche in tutti gli USA, candidandosi così ad essere la lettura più detestata dell’anno.

di MARIA VALENTINA MITTIGA



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube