Diritto e Fisco | Articoli

Maltrattamenti in famiglia per il marito che obbliga la moglie al saluto fascista

11 Gennaio 2013 | Autore:
Maltrattamenti in famiglia per il marito che obbliga la moglie al saluto fascista

Scatta la condanna per il reato di maltrattamenti in famiglia nei confronti del marito che opprime e mortifica la moglie, obbligandola al saluto fascista.

Se è vero che “se ne sentono di tutti i colori”, questa notizia è di “colore nero” sotto tutti i punti di vista. Si tratta di un singolare caso di violenza sulle donne, deciso di recente dalla Cassazione [1]: un uomo imponeva alla moglie il saluto fascista e pretendeva che lei si prostrasse ai suoi piedi. Inoltre, durante i rapporti sessuali, avvenuti contro il volere di lei, lui si vantava di essere un “maratoneta”.

L’uomo è stato condannato per reato di maltrattamenti in famiglia [2] in quanto, con il suo atteggiamento oppressivo e violento, aveva indotto nella moglie uno stato di prostrazione tale da indurla spesso a rannicchiarsi in un angolo per paura di essere percossa o posseduta contro la sua volontà.


Per la sussistenza del reato di maltrattamenti in famiglia, non occorrono necessariamente manifestazioni di violenza fisica; possono essere sufficienti anche condotte vessatorie, prevaricatrici o mortificanti della dignità.

note

[1] Cass. sent. n.35805/2012.

[2] Art. 572 cod. pen.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube