Diritto e Fisco | Editoriale

Spedizione a spese del destinatario: come fare?

6 luglio 2018 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 6 luglio 2018



Come inviare un pacco o una lettera con il pagamento alla consegna. Come funziona il contrassegno o porto assegnato. Ecco a chi rivolgersi.

Devi inviare un pacco o un plico e vuoi che sia il destinatario a farsi carico della spesa ma non sai a chi rivolgerti? Sia Poste Italiane sia le diverse società di spedizioni (cioè il corriere espresso) operative in Italia e all’estero offrono questa possibilità, ovviamente a pagamento. È il cosiddetto «contrassegno», cioè un servizio che consente, appunto, di recapitare qualcosa a qualcuno e di fare in modo che sia questo qualcuno a pagare nel momento in cui riceve la lettera raccomandata, il plico o il pacco. In questo articolo ti spieghiamo come fare una spedizione a spese del destinatario e quanto costa questo servizio a seconda del tipo di spedizione.

Spedizione a spese del destinatario: come fare con Poste Italiane?

Partiamo dal principale operatore del settore, cioè da Poste Italiane, per capire come fare una spedizione a spese del destinatario. Le opzioni sono diverse, a seconda che si tratti di una raccomandata, di un pacco ordinario o di quello noto come Paccocelere 1 o 3, oppure che si tratti di una spedizione all’estero.

Come spedire una raccomandata a spese del destinatario?

Con Poste Italiane è possibile inviare una lettera raccomandata che non superi i 2 kg di peso tramite il servizio Raccomandata 1 a spese del destinatario. In pratica, si va nell’ufficio postale con la lettera e si compila il modulo di accettazione, sul quale è indicato l’importo anticipato dal mittente e che dovrà pagare il destinatario. La consegna avverrà solo quando la persona a cui è stata inviata la raccomandata avrà provveduto al pagamento di quella cifra. Il destinatario (o chi, per lui, ritira la raccomandata) firmerà una cartolina che verrà spedita al mittente. Il quale può riavere la somma pagata attraverso un conto corrente postale o un vaglia postale. In quest’ultimo caso, il costo del vaglia viene scalato dall’importo incassato. Quindi il mittente pagherà solo questo.

E se per qualsiasi motivo la raccomandata non viene consegnata? In questo caso, e dopo due tentativi, la lettera verrà restituita gratuitamente al mittente.

Come spedire un pacco ordinario a spese del destinatario?

Il pacco ordinario è quello che viene inviato in Italia con un peso non superiore ai 20 kg. Occorre compilare una lettera di vettura, cioè il documento che prova l’inoltro. È possibile una spedizione a spese del destinatario del pacco ordinario: chi lo riceve, provvederà al pagamento dell’importo riportato sul bollettino di invio, per un massimo di 1.032,91 euro.

Una volta avvenuto il pagamento, Poste Italiane verserà la cifra al mittente con la modalità che questi avrà scelto, cioè tramite conto corrente postale o assegno postale.

Se il pacco ordinario spedito a spese del destinatario viene consegnato presso un ufficio postale, il pagamento al mittente avverrà con un vaglia postale da costo di 6 euro. Mentre se è stato il destinatario a scegliere di ritirare il pacco ordinario presso l’ufficio postale, sarà lui a dover pagare una commissione di 1,50 euro al momento della consegna.

Come spedire un pacco celere a spese del destinatario?

Anche l’opzione pacco celere di Poste Italiane consente la spedizione a spese del destinatario. Ci sono, però, due possibilità note come Paccocelere 1 e Paccocelere 3. L’unica differenza (costi a parte, come vedremo dopo) è che la prima permette l’arrivo del pacco spedito il giorno dopo nella maggior parte delle città italiane ed in un massimo di 2 giorni in Calabria, Sicilia e Sardegna, mentre la seconda opzione prevede la consegna entro 4 giorni.

Per fare la spedizione a spese del destinatario, occorre preparare il pacco tenendo conto che non deve superare i 30 kg di peso. Devi poi andare nell’ufficio postale e compilare la lettera di vettura. È possibile anche fare la spedizione online attraverso il sito di Poste Italiane.

L’importo massimo che si può incassare tramite questa spedizione a spese del destinatario è di 999 euro. L’accredito al mittente può avvenire tramite:

  • conto corrente postale;
  • assegno postale vidimato (il pagamento è sicuro e può essere incassato in un ufficio postale in qualsiasi momento);
  • assegno postale o bancario non trasferibile intestato, ovviamente, al mittente.

Anche qui, se la consegna al destinatario avviene in un ufficio postale su richiesta del mittente, questi dovrà pagare 6 euro di vaglia postale, mentre se è stato il destinatario a richiederlo sarà lui a dover pagare al ritiro 1,82 euro di spese Iva inclusa.

Come spedire un pacco ordinario internazionale a spese del destinatario?

In questo caso, per la spedizione a spese del destinatario di un pacco ordinario internazionale, occorrerà segnare in lettere e cifre sulla lettera di vettura l’importo da pagare alla consegna ed indicare come si vuole essere rimborsati. Questo servizio di Poste Italiane è disponibile solo per questi Paesi:

  • Capo Verde;
  • Cipro;
  • Germania;
  • Portogallo;
  • Spagna;
  • Andorra;
  • Tunisia;
  • Turchia;
  • Ungheria;
  • Città del Vaticano.

Come spedire a spese del destinatario dall’e-commerce

Se, invece, hai un’azienda di e-commerce e devi fare una spedizione a spese del destinatario, Poste Italiane propone il servizio Crono Express, che garantisce la consegna in 1 o 2 giorni lavorativi al massimo di un pacco di peso non superiore ai 30 kg e di due misure diverse:

  • standard: lunghezza massima di 1 metro e somma dei tre lati non superiore ad 1,5 metri;
  • voluminoso: lunghezza massima di 1,5 metri e somma dei tre lati non superiore a 2 metri e 20 cm.

Devi stare attento: l’imballaggio è a carico del mittente ed è sua responsabilità l’integrità del contenuto.

Il prezzo cambia a seconda del peso del pacco. L’importo massimo del contrassegno è di 2.582,24 euro per ogni spedizione, importo che scende a 999 euro in caso di pagamento in contanti.

La consegna avviene presso il domicilio del destinatario (gratis) o presso l’ufficio postale su richiesta.

Quanto costa la spedizione a carico del destinatario?

Abbiamo già citato il costo del vaglia postale (6 euro) quando la spedizione a spese del destinatario viene inviata presso un ufficio postale per la sua consegna. Ci sono, però, altri costi da considerare a seconda del tipo di spedizione effettuata tramite i servizi di Poste Italiane. Nel dettaglio:

  • raccomandata 1 con contrassegno: da 12,45 a 23,55 euro a seconda del peso;
  • pacco ordinario: al costo dell’invio del pacco (da 9 euro in su a seconda delle dimensioni e del peso) bisogna aggiungere 2,27 euro se il rimborso avviene tramite conto corrente postale oppure 1,81 euro se avviene tramite assegno postale vidimato più 0,77 euro al momento della spedizione;
  • pacco celere 1: al costo dell’invio (dai 12,90 euro in su a seconda del peso e delle misure) occorre aggiungere 5 euro (Iva inclusa) e 1,81 euro se il rimborso avviene con assegno postale vidimato;
  • pacco celere 3: al costo dell’invio (da 9,90 euro in su a seconda delle misure e del peso) occorre aggiungere 5 euro (Iva inclusa) e 1,81 euro se il rimborso avviene con assegno postale vidimato;
  • pacco ordinario internazionale: se il pacco è destinato ad un Paese europeo, i costi variano da 4,50 a 15 euro a seconda del massimale consentito. Se, invece, viaggia in un Paese extracomunitario, il costo varia da 6 a 15 euro, sempre a seconda del massimale. Il pagamento avviene tramite Eurogiro.

Spedizione a spese del destinatario con altre società

Come abbiamo accennato, ci sono altre società, oltre a Poste Italiane, che consentono di fare spedizioni a spese del destinatario di lettere o pacchi. Ne citiamo alcune a titolo esemplificativo:

Spediscionline

Tramite il sito di spedireonline, è possibile fare una spedizione a spese del destinatario imballando il pacco in casa propria e aspettando il ritiro a domicilio da parte degli addetti al servizio. Non c’è bisogno di anticipare alcuna somma: sarà il destinatario a pagare in contanti al momento della consegna l’importo indicato sul documento di trasporto da consegnare successivamente al mittente. L’importo massimo in contanti è di 999 euro.

La consegna avviene nel luogo indicato dal destinatario oppure esclusivamente nel suo domicilio nel caso di un pacco inviato all’estero.

Brt

Anche questo corriere espresso accetta la spedizione a spese del destinatario. È possibile prenotare la spedizione in due modi:

  • via Internet attraverso il sito della Brt, nella sezione «servizi online». Questa modalità di richiesta di ritiro del pacco è gratuita;
  • via telefono, contattando la filiale Brt più vicina.

Bisogna specificare l’importo da incassare (in numero e in lettere) sul documento di trasporto e la modalità in cui si vuole avere i soldi una volta effettuata la consegna, cioè in contanti o tramite assegno circolare. Sul documento, inoltre, occorre applicare un’etichetta verde che riporta la dicitura «contrassegno».

Gls Italia

In questo caso, la spedizione a spese del destinatario si chiama CODService. Le modalità per usufruirne sono le stesse degli altri corrieri: prenotazione online (anche via e-mail) o via telefono, pagamento alla consegna e rimborso al mittente dell’importo specificato sul documento di viaggio tramite contanti o assegno bancario, circolare o postale.

Ups

Per fare una spedizione a spese del destinatario con Ups devono essere rispettate queste condizioni:

  • le somme incassate in contanti non possono essere di importo superiore ai 5.000 dollari in valuta locale per ogni destinatario e per ogni giorno;
  • le somme incassate tramite assegno non possono superare i 50.000 dollari in valuta locale per destinatario e per giorno;
  • è responsabilità del mittente la riscossione del pagamento e l’insufficienza di fondi o eventuale frode da parte del destinatario.

La società cerca di riscuotere l’importo alla consegna per tre volte. Al terzo tentativo a vuoto, il pacco viene rispedito al mittente.

Sda Express Courier

Questa società del gruppo Poste Italiane accetta la spedizione a spese del destinatario ma solo come servizio per abbonati. Anche in questo caso il pagamento avviene tramite assegno oppure in contanti.

Altri

Ci sono altri corrieri che offrono il servizio di spedizione a carico del destinatario, come Dhl o Tnt. Ad ogni modo, tariffe a parte, tutti operano pressappoco allo stesso modo: prenotazione online o via telefono, ritiro del pacco o della lettera a domicilio, riscossione dell’importo segnato sul documento di trasporto alla consegna e rimborso al mittente tramite assegno oppure in contanti. Conviene, dunque, scegliere l’interlocutore più vicino e più economico.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI