Business | Articoli

Come aprire una start up innovativa online

28 maggio 2017


Come aprire una start up innovativa online

> Business Pubblicato il 28 maggio 2017



Lo strumento messo a disposizione dal Mise per costituire una start up online permette anche di modificare lo statuto e l’atto costitutivo su Internet.

Nel luglio del 2016 il Ministero dello Sviluppo Economico ha lanciato una nuova modalità online per costituire una start up innovativa in formato S.r.l.

Per gli imprenditori creare una nuova società è molto più semplice e soprattutto gratuito: le imprese riescono a risparmiare fino a 2mila euro per l’apertura di una startup e molto tempo grazie a un unico modello standard da riempire e alla firma digitale. Infatti, grazie allo strumento Startup Act sempre più startup innovative vengono costituite online.

Da quando è attivo sono 444 le startup che lo hanno utilizzato e le richieste che arrivano al Ministero dello Sviluppo Economico aumentano di giorno in giorno. Inoltre, per facilitare il lavoro ai giovani imprenditori che investono in innovazione, il Mise, attraverso un decreto ministeriale, ha deciso che le start up innovative costituite online, possono modificare su Internet anche lo statuto e l’atto costitutivo utilizzando semplicemente la firma digitale.

Per sapere di più rispetto al processo che ha portato alla semplificazione della creazione delle start-up consulta anche i nostri approfondimenti Start-up innovative senza notaio: ecco i primi esempi.

Ma cos’è una start up

Per Start Up nel settore economico-imprenditoriale ci si riferisce a una nuova azienda configurata su un modello temporaneo o, comunque, come una società di capitali alla ricerca di un business model ripetibile e scalabile.

Era un termine inizialmente usato solo per le imprese nate e operanti nel settore Internet o per nelle tecnologie dell’informazione, al giorno d’oggi start up viene usato in diversi ambiti.

La scalabilità è la caratteristica fondamentale per questo tipo di azienda, per start up si intende l’avvio di un’attività legata a un nuovo tipo di business, in altre parole: avviare un’attività imprenditoriale nel settore della ristorazione, per esempio, non significa creare una start up ma una società di tipo tradizionale.

Start up innovativa online

Aprire una start up innovativa direttamente online è possibile dal 20 luglio 2016 attraverso la piattaforma di Unioncamere e Infocamere: dal sito startup.registroimprese.it, basta compilare il modello di costituzione da sottoscrivere con firma digitale.

Al termine della compilazione, vengono prodotti due file in formato Xml che costituiscono rispettivamente la sezione atto costitutivo e statuto del modello informatico standard definito nel decreto ministeriale del 17 febbraio 2016. I due file vanno registrati fiscalmente attraverso la funzione di Registrazione presente nella piattaforma. Ottenuta la ricevuta dall’Agenzia delle Entrate si provvede all’iscrizione della start up al Registro Imprese con pratica di Comunicazione Unica corredata da:

  • modulistica del Registro Imprese o altri eventuali enti;
  • i due file Xml firmati digitalmente dai contraenti;
  • ricevuta di registrazione fiscale rilasciata dall’Agenzia delle Entrate.

Il Registro Imprese effettua i controlli previsti, in caso di esito positivo procede entro 10 giorni all’iscrizione provvisoria nella sezione ordinaria del Registro Imprese, con la dicitura “start-up costituita a norma dell’art. 4, comma 10 bis, del decreto legge 24 gennaio 2015, n. 3, iscritta provvisoriamente in sezione ordinaria, in corso di iscrizione nella sezione speciale”.

L’ufficio provvederà ad eliminare questa dicitura nel momento in cui la start up viene iscritta nella sezione speciale del Registro Imprese. L’atto costitutivo informatico compilato online va firmato digitalmente e poi presentato al Registro Imprese entro 20 giorni (ufficio competente per territorio).

Quali aziende potranno utilizzare lo strumento

Introdotto con lo Startup Act italiano, la possibilità di costituire la propria azienda online attraverso la firma digitale non ha fatto i proseliti che il Governo sperava. In primis a causa della poca conoscenza dello strumento da parte di cittadini e di giovani imprenditori che vogliono creare una startup innovativa.

Nelle idee del governo, la possibilità di creare la propria azienda innovativa online permetteva alle start up di risparmiare fino a 2mila euro di imposte iniziali.

La possibilità di modificare lo statuto e l’atto costitutivo online utilizzando la firma digitale non sarà attivo fin da subito. Per permettere alle software house di aggiornare i programmi, il Ministero dello Sviluppo Economico ha deciso di posticipare l’entrata in vigore al 22 giugno 2017.

Ne potranno beneficiare innanzitutto le 444 imprese costituite online che, come rilevato dal più recente rapporto trimestrale dedicato a questa misura, al 31 marzo 2016 risultavano essere iscritte o in corso di iscrizione nella sezione speciale del Registro delle Imprese dedicata alle start up innovative, nonché le altre imprese che nel frattempo hanno beneficiato di questa semplificazione.

note

Autore immagine: Google Immagini


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI