Diritto e Fisco | Articoli

TIA 1: al via rimborsi per l’IVA versata dai cittadini e non dovuta

8 gennaio 2013


TIA 1: al via rimborsi per l’IVA versata dai cittadini e non dovuta

> Diritto e Fisco Pubblicato il 8 gennaio 2013



Partono i rimborsi per l’IVA illegittimamente richiesta ai cittadini e da questi versata al gestore per la raccolta dei rifiuti con la TIA 1, l’imposta sui rifiuti: l’affidataria del servizio ora dovrà restituire ai contribuenti gli esborsi per un’imposta che non era dovuta.

Per molti anni, sulla TIA (imposta sull’igiene ambientale o anche detta imposta sui rifiuti) è stata applicata l’IVA al 10%. Tuttavia, la Corte Costituzionale ha poi stabilito [1] che è illegittimo applicare un’imposta su un’altra imposta; i giudici, pertanto, hanno riconosciuto il diritto dei cittadini al rimborso dell’IVA in precedenza versata.

Così, su ricorso di Federconsumatori, il Giudice di pace di Trento [2] ha da poco riconosciuto un rimborso di ben 900 euro agli utenti che hanno fatto ricorso per ottenere i rimborsi degli ultimi 10 anni di versamenti (ossia dal 2002: termine oltre il quale la richiesta sarebbe stata altrimenti prescritta).

Il giudice di pace ha sposato integralmente l’orientamento della Corte Costituzionale: pure la tariffa di igiene ambientale costituisce, infatti, un tributo e non si può dunque applicarle il 10% a titolo di IVA, come hanno sempre fatto i gestori del servizio di raccolta della spazzatura. E ciò a prescindere dal fatto che l’azienda condannata alla restituzione operi come società commerciale affidataria del servizio e non nella veste di azienda comunale o partecipata dall’ente locale. Infatti, la natura pubblica o privata dell’affidataria del servizio non fa venire meno la natura di “pubblici servizi” all’attività da essa prestata e quindi la natura di tributo alla TIA.

Controllando gli importi versati per la TIA 1, qualora sia stata applicata anche l’IVA, ogni cittadino può chiedere il rimborso delle somme pagate a titolo di IVA per gli ultimi dieci anni.

note

[1] C. Cost. sent. n. 638/12.

[2] GdP Andreina Deretta Zanfei, sent. n. 638/12 pubblicata il 22.12.2012.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Me la TARSU (tassa sui rifiuti che pago da anni) è la stessa cosa della TIA? e l’addizionale ECA che in bolletta è una maggiorazione del 10% sarebbe l’iva? in più sulle bollette c’è un’altra addizionale al 5 %

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI