Diritto e Fisco | Articoli

TIA 1: al via rimborsi per l’IVA versata dai cittadini e non dovuta

8 Gennaio 2013
TIA 1: al via rimborsi per l’IVA versata dai cittadini e non dovuta

Partono i rimborsi per l’IVA illegittimamente richiesta ai cittadini e da questi versata al gestore per la raccolta dei rifiuti con la TIA 1, l’imposta sui rifiuti: l’affidataria del servizio ora dovrà restituire ai contribuenti gli esborsi per un’imposta che non era dovuta.

Per molti anni, sulla TIA (imposta sull’igiene ambientale o anche detta imposta sui rifiuti) è stata applicata l’IVA al 10%. Tuttavia, la Corte Costituzionale ha poi stabilito [1] che è illegittimo applicare un’imposta su un’altra imposta; i giudici, pertanto, hanno riconosciuto il diritto dei cittadini al rimborso dell’IVA in precedenza versata.

Così, su ricorso di Federconsumatori, il Giudice di pace di Trento [2] ha da poco riconosciuto un rimborso di ben 900 euro agli utenti che hanno fatto ricorso per ottenere i rimborsi degli ultimi 10 anni di versamenti (ossia dal 2002: termine oltre il quale la richiesta sarebbe stata altrimenti prescritta).

Il giudice di pace ha sposato integralmente l’orientamento della Corte Costituzionale: pure la tariffa di igiene ambientale costituisce, infatti, un tributo e non si può dunque applicarle il 10% a titolo di IVA, come hanno sempre fatto i gestori del servizio di raccolta della spazzatura. E ciò a prescindere dal fatto che l’azienda condannata alla restituzione operi come società commerciale affidataria del servizio e non nella veste di azienda comunale o partecipata dall’ente locale. Infatti, la natura pubblica o privata dell’affidataria del servizio non fa venire meno la natura di “pubblici servizi” all’attività da essa prestata e quindi la natura di tributo alla TIA.


Controllando gli importi versati per la TIA 1, qualora sia stata applicata anche l’IVA, ogni cittadino può chiedere il rimborso delle somme pagate a titolo di IVA per gli ultimi dieci anni.

note

[1] C. Cost. sent. n. 638/12.

[2] GdP Andreina Deretta Zanfei, sent. n. 638/12 pubblicata il 22.12.2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Me la TARSU (tassa sui rifiuti che pago da anni) è la stessa cosa della TIA? e l’addizionale ECA che in bolletta è una maggiorazione del 10% sarebbe l’iva? in più sulle bollette c’è un’altra addizionale al 5 %

Rispondi a antonio Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube