Diritto e Fisco | Articoli

Fermo amministrativo: da oggi va comunicato in anticipo

9 Gennaio 2013
Fermo amministrativo: da oggi va comunicato in anticipo

L’Agente della riscossione (per es.: Equitalia) non può più iscrivere un fermo amministrativo sull’auto o iniziare una procedura esecutiva, per crediti inferiori a mille euro, se prima non ha avvisato il contribuente.

Dal primo gennaio 2013, tutte le azioni cautelari (v. fermo amministrativo) o esecutive, per cartelle di importi inferiori a 1.000 euro devono essere anticipate da una comunicazione contenente il dettaglio delle iscrizioni a ruolo. Solo dopo 120 giorni, l’Agente della riscossione potrà avviare le sue procedure. Altrimenti queste ultime sono nulle.

La comunicazione preventiva non è più obbligatoria in un solo caso: qualora il contribuente abbia presentato ad Equitalia l’istanza di sospensione dell’efficacia della cartella esattoriale (vedi: cartelle esattoriali: come chiedere l’annullamento automatico) e l’ente creditore abbia, a sua volta, comunicato l’inidoneità della documentazione presentata dal contribuente stesso ai fini della sospensione.

Con l’introduzione di questo nuovo meccanismo, però, è venuto meno l’obbligo per Equitalia che imponeva, in caso di debiti fino a 2.000 euro, di far precedere le azioni cautelari e/o esecutive dall’invio di due solleciti di pagamento a distanza di almeno sei mesi l’uno dall’altro.


Se si è subìto il fermo amministrativo sul mezzo o un’azione esecutiva per debiti inferiori a 1000 euro, è bene verificare tra le carte se l’Agente della riscossione ha prima inviato un avviso di pagamento. Altrimenti la procedura è nulla.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube