Diritto e Fisco | Articoli

Inps e pensione di vecchiaia: quanti anni di contributi sono richiesti?

30 giugno 2018


Inps e pensione di vecchiaia: quanti anni di contributi sono richiesti?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 30 giugno 2018



Ho versato contributi Inps per 413 settimane, pari a 7,94 anni, dal 1976 al 1986 nella gestione lavoro dipendente. Dopo tale data non ho più versato contributi. Posso avere in futuro una pensione: a) usufruendo di eventuali opzioni (ad es. opzione computo gestione separata o simile) oppure b) versando contributi aggiuntivi? Sono nato il  10/08/1958.

Ad oggi, per la pensione di vecchiaia Inps, che si ottiene, dal 2019, con 67 anni di età, è richiesto un minimo di 20 anni di contributi; restano in piedi, però, alcune eccezioni che consentono di pensionarsi con soli 15 anni di contributi: si tratta delle cosiddette tre deroghe Amato e dell’opzione contributiva Dini (Legge 335/1995). 

Esiste solo un’ulteriore tipologia di pensione per la quale sono richiesti meno di 15 anni di contributi: si tratta della pensione di vecchiaia contributiva, che può essere ottenuta con soli 5 anni di contributi. L’età richiesta per il diritto al trattamento non è l’ordinaria età pensionabile, ma è pari, dal 2018, a 71 anni; non è prevista una soglia di assegno minimo per avere accesso alla pensione. 

Questa pensione, però, può essere richiesta soltanto dai lavoratori soggetti al calcolo integralmente contributivo della prestazione: si tratta di un sistema di calcolo, valido dal 1996, che si basa sui contributi versati e sull’età pensionabile. 

Il lettore, avendo versato i contributi dal 1976 al 1986, purtroppo non è soggetto al calcolo contributivo della pensione, dunque non potrebbe ottenere la pensione di vecchiaia con 5 anni di contributi. 

Potrebbe però usufruire del calcolo integralmente contributivo, quindi ottenere questa pensione di vecchiaia agevolata, avvalendosi dell’opzione contributiva Dini. 

Per aderire all’opzione contributiva, però, sono richiesti i seguenti requisiti: 

– meno di 18 anni di contributi versati o accreditati alla data del 31 dicembre 1995 (requisito che il lettore possiede); 

– almeno 5 anni di contributi versati o accreditati dal 1° gennaio 1996 (requisito che il lettore non possiede); – almeno 15 anni di contributi complessivi (requisito che il lettore non possiede). 

In base ai requisiti osservati, appare evidente che è, di fatto, impossibile ottenere la pensione di vecchiaia con 5 anni di contributi se non si è assoggettati di per sé, in quanto non si possiedono contributi versati o accreditati precedentemente al 1° gennaio 1996, al calcolo contributivo: l’opzione per il sistema contributivo, difatti, richiede il possesso di un minimo di 15 anni di contribuzione. 

In parole semplici, la pensione di vecchiaia con 5 anni di contributi può essere ottenuta soltanto da chi non ha contributi versati prima del 1° gennaio 1996: tutti coloro che possiedono contributi versati o accreditati prima di questa data, dovendo optare per il sistema contributivo, necessitano di un minimo di 15 anni di contributi complessivi. 

Le stesse regole valgono anche nel caso in cui si effettuino dei versamenti presso la gestione separata e si voglia optare per il computo presso questa gestione: i requisiti previsti per quest’opzione sono i medesimi, dunque è sempre necessario possedere almeno 15 anni di contributi complessivi. 

Per poter ottenere la pensione di vecchiaia contributiva il lettore dovrebbe, dunque, versare altri 7,06 anni di contributi: otterrà, con tutta probabilità, la pensione ad un’età più elevata di 71 anni, in quanto, in base agli adeguamenti alla speranza di vita previsti, i requisiti di età dovrebbero aumentare di 3 mesi ogni biennio. 

Articolo tratto dalla consulenza resa dalla dott.ssa Noemi Secci 

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

3 Commenti

  1. Mio marito e’ nato afebbraio 1953 e’collaboratore scolastico statale ha 38 anni di servizio non so se conta anche l hanni di militare quando va in penzione grazie

  2. E x chi non ha nessun contributo? Oggi c’è l assegno sociale che x le donne prima la. Osidetta casalinga,si poteva chiedere a 60 anni,domanda a io ho 59 anni a che eta potrò richiederla????cambierà in meglio x noi meno fortunati.??grazie.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI