Business | Articoli

Film pirata in streaming: nuovo virus nei sottotitoli

30 Mag 2017


Film pirata in streaming: nuovo virus nei sottotitoli

> Business Pubblicato il 30 Mag 2017



I file dannosi come finti sottotitoli, che gli utenti scaricano perché considerati fonti affidabili: nel mirino milioni di utenti di Vlc, Stremio…

Colpire dove gli utenti meno se lo aspettano, mentre pensano di rilassarsi davanti a un bel film o l’ultima puntata della propria serie tv preferita. Lì hanno deciso di attaccare gli hacker, con un nuovo exploit che gli permette di controllare i desktop dei computer colpiti.

Scaricare film da canali non ufficiali, oltre ad essere perseguibile penalmente, dunque può essere pericoloso. Dopo WannaCry adesso il virus arriva nei sottotitoli dei film piratati. Si, perché i file di testo che scorrono placidamente per raccontarci la storia quando i film sono in lingua originale, in realtà potrebbero essere cavalli di Troia, capaci di infettare i nostri computer.

L’allarme lanciato da CheckPoint

È quello che emerge dal rapporto della società di sicurezza CheckPoint che in un post — dall’azzeccato titolo “Hacked in Translation” — spiega come funziona l’attacco: chi lo promuove crea file di sottotitoli dannosi, che poi vengono scaricati dagli utenti che pensano siano innocui, come d’abitudine. Sfruttando le vulnerabilità delle piattaforme riescono a prendere il controllo dei dispositivi, qualsiasi essi siano: computer, smart tv, dispositivi mobili. consentirebbero agli hacker di assumere il controllo del nostro pc, ma anche di altri dispositivi come smart tv, smartphone e tablet.

I ricercatori di CheckPoint sostengono che l’attacco potrebbe rappresentare una minaccia per milioni di utenti in tutto il mondo. Creando file di sottotitoli dannosi, che vengono poi scaricati dal media player della vittima, gli hacker possono prendere il controllo del dispositivo utilizzando le vulnerabilità riscontrate in molte piattaforme di streaming popolari, tra cui Vlc, Kodi, Popcorn-time e Stremio. Il rapporto parla di circa 200milioni di utenti a rischio.

Sottotitoli virus

I sottotitoli sono disponibili in forme diverse — oltre 25, secondo il rapporto — e sono presenti su siti web specializzati. Il modo in cui i file multimediali vengono utilizzati sono spesso insicuri: si scaricano online pensando si tratti di un’operazione sicura. Considerati file innocui, vengono ignorati da chi li scarica, dagli antivirus o dalle altre soluzioni di sicurezza e non si valuta la loro reale natura, lasciando così milioni di utenti esposti al rischio. Utilizzando canali ufficiali, come Netflix, si evitano questi problemi e dove i sottotitoli oltretutto sono compresi nei Film o Video proposti.


note

Autore immagine: Google immagini


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI