Diritto e Fisco | Editoriale

Posso chiamare mio figlio Junior?

19 Luglio 2018 | Autore:
Posso chiamare mio figlio Junior?

Il nome è un elemento molto importante per l’identità di una persona in quanto la rende conoscibile tra gli altri ma ve ne sono alcuni vietati dalla legge italiana.

La nascita di una nuova vita è sempre una gioia e quando il bambino è ancora nella pancia della mamma i genitori predispongono tutto l’occorrente per il suo arrivo, preparano la borsa da portare in ospedale, arredano la cameretta, comprano il corredino e cercano il nome. La ricerca del nome, in particolare, assume un’importanza specifica perché si tratta di una parola che identifica la persona e la distingue in mezzo alla collettività, per questa ragione, i futuri genitori, per individuare quello più idoneo, lo cercano per tutto il periodo della gravidanza. Esistono milioni di nomi e in materia vi è davvero l’imbarazzo della scelta, ecco perché molti si domandano: Posso chiamare mio figlio Junior?

Come scegliere il nome

Non esiste un criterio generale per scegliere il nome di un bambino, alcuni, ad esempio, amano portare avanti la tradizione della propria famiglia, adottando il nome del nonno o del bisnonno per creare così una continuità anche con il cognome. Questa tradizione rappresenta una forma di rispetto per il patriarca o la matriarca, le persone più anziane e autorevoli della famiglia, e capita di trovare quindi molti cugini omonimi. Sempre seguendo questa linea e rendere omaggio ai nonni, molti genitori chiamano i loro bambini con nomi composti, e spesso lunghissimi. Ad esempio, se nasce una bambina e le nonne si chiamano Maria e Teresa in loro onore viene registrata con il nome di Maria Teresa. Oltre ai nomi di famiglia molti attribuiscono ai propri figli i nomi preferiti, tratti anche dalla letteratura, dal cinema o dal mondo dello sport. Emblematici in Italia i casi del nome Diego nel periodo di Diego Armando Maradona al Napoli o Sue Ellen durante la messa in onda del telefilm Dallas su Canale 5 nei primi anni Ottanta.

Altra categoria di nomi riguarda quelli tradotti in lingue straniere. Talvolta i nomi classici risultano un po’ ingombranti per dei bambini quindi si preferisce tradurli in altre lingue anche per ottenere un tocco di originalità, ad esempio Gregorio diventa Gregory, Rosa Maria si trasforma in Rose Mary e Michela in Michelle.

Il range di scelta del nome è davvero molto ampio, quindi viene automatico chiedersi: posso chiamare mio figlio Junior?

Come si registra il nome

Con la nascita del bambino è bene occuparsi delle pratiche burocratiche che portano alla sua registrazione, innanzitutto per quanto riguarda il nome. Occorre dunque dichiarare la nascita, inserendo nome, cognome, luogo di nascita, sesso e iscrivere il nome presso l’Anagrafe di riferimento.

L’Ufficiale di Stato civile se riscontra una discrepanza in fase di registrazione del nome ha obbligo, secondo la legge [1] di inoltrare una segnalazione al Procuratore della Repubblica del luogo che, per ottenere chiarimenti in merito, può convocare i genitori e richiedere anche la rettifica del nome.

Quando si intende attribuire un nome ad un bambino appena nato bisogna tenere a mente che ve ne sono alcuni vietati quindi da non utilizzare. A questo punto ci si chiede: posso chiamare mio figlio Junior?

Quali sono i nomi vietati

Per la legge italiana i nomi vietati sono:

  • I nomi ridicoli o lesivi della dignità del bambino – come ad esempio nomi che rimandano a parolacce, offese o che, in abbinamento con il cognome potrebbero arrecare umiliazioni.
  • I nomi di dittatori e personaggi storico-politici che si sono macchiati di gravi crimini, utilizzati per esteso, ad esempio Adolf Hitler, Mao Tse-tung o Augusto Pinochet.
  • I nomi femminili usati per bambini di sesso maschile e viceversa, come ad esempio una bimba chiamata Giuseppe o un bambino chiamato Antonella.

In tutti questi casi in cui l’Ufficiale di Stato civile riscontra una problematica, investe della questione la Procura della Repubblica.

Il nome Andrea, considerato maschile in Italia e femminile in altri Paesi, come in Germania o negli Stati Uniti, fa eccezione e può essere utilizzato indifferentemente per bambini o bambine.

Altra eccezione è rappresentata dal nome Maria che può essere dato ai bambini in aggiunta ad un nome maschile, come ad esempio Giuseppe Maria.

Il caso del nome Blu

Recentemente è balzato alle cronache un caso riguardante una coppia italiana che aveva chiamato la propria bambina Blu, ispirandosi al nome di un personaggio di un celebre cartone animato. L’Ufficiale di Stato civile riscontrando in fase di registrazione del nome la mancata corrispondenza tra il nome stesso e il sesso della bambina aveva allertato la Procura di Milano.

Il Procuratore era ricorso contro i genitori della bimba chiedendo la modifica o l’aggiunta di un nome palesemente femminile a Blu ma dopo averli ascoltati e avere avuto riscontro della diffusione di questo nome  ha rinunciato a ogni pretesa.

Posso chiamare mio figlio Junior?

Junior è un aggettivo comparativo che deriva dal latino, anche se viene utilizzato diffusamente in altre lingue come l’inglese, che significa il più giovane, usato anche in contrapposizione con senior, che significa il più anziano. Nel mondo anglosassone vi è l’usanza di chiamare i figli con il proprio nome aggiungendo appunto l’aggettivo junior per distinguere le due persone. Ad esempio Donald Trump Sr. (Senior) è l’attuale Presidente degli Stati Uniti d’America mentre Donald Trump Jr. (Junior) è suo figlio, nato dal primo matrimonio con Ivana Trump.

In Italia, contrariamente a quanto avviene all’estero, è vietato chiamare i figli con il nome dei genitori o dei fratelli proprio perché, non essendo concessa l’apposizione dell’aggettivo junior non è possibile effettuare una netta distinzione tra le persone.

Pertanto se un papà si chiama Paolo Rossi e desidera chiamare suo figlio Paolo Rossi Junior per la legge italiana non potrà farlo ma dovrà optare per un nome simile, ad esempio Paolo Luca Rossi o Paolo Maria Rossi.


note

[1] Art. 34 del DPR 296/2000.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube