Business | Articoli

Ethereum: la moneta virtuale rivale dei Bitcoin

3 Giugno 2017 | Autore:
Ethereum: la moneta virtuale rivale dei Bitcoin

Come funziona Ethereum: moneta virtuale e piattaforma per creare contratti come fossero software.

Dopo i Bitcoin una moneta virtuale che sta suscitando interesse tra gli investitori è Ethereum. Vediamo in dettaglio come funziona.

Cos’è Ethereum

Come abbiamo detto si tratta di una valuta virtuale, un sistema di pagamento simile a Visa o Mastercard ma con la peculiarità di non avere nessuna autorità che ne gestisce il controllo, abbandonato nelle mani di chi la utilizza.

Il suo attuale valore di mercato ha superato i 16 miliardi di dollari e oggi un Ethereum vale 158 euro l’uno.

Oltre a questo, Ethereum è anche una piattaforma per il calcolo e la creazione di software online.

I vantaggi di Ethereum

Il sistema su cui poggia questa moneta virtuale non consente a nessuna delle parti che stipulano un contratto di modificarlo. E’ questa forma di garanzia il principale vantaggio offerto dal sistema.

Molti si chiederanno perchè stipulare un contratto di questo tipo anziché tramite vie tradizionali, pur sempre garantite dalla legge. La risposta è in realtà molteplice.

In primo luogo si ha la possibilità di stipulare accordi che esulano dalle competenze delle legislazioni dei paesi. Ciò ha contribuito alla diffusione di scambi e commerci illegali così come con i bitcoin.

Un’altra opportunità è quella di ampliare le scommesse online di ogni genere, anche finanziario.
Sebbene non esiste nessuna normativa che possa offrire alcuna protezione, sarà il contratto intelligente stipulato sul cloud a rappresentare la garanzia sufficiente ad entrambe le parti.

Questo rappresenta la caratteristica principale che la distingue dai bitcoin. La piattaforma consente di stipulare contratti vincolanti e di lungo termine senza correre pericoli, denominati smart contract o contratti intelligenti.


note

Autore immagine: Google Immagini


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube