Diritto e Fisco | Articoli

Assegno di divorzio: se “una tantum” non è tassato

9 Gennaio 2013
Assegno di divorzio: se “una tantum” non è tassato

Non sono imponibili gli assegni una tantum corrisposti dall’ex coniuge in sede di divorzio. 

L’assegno divorzile corrisposto una tantum ha natura patrimoniale e risarcitoria; pertanto, da un lato, non costituisce, per il coniuge che lo riceve, reddito imponibile; dall’altro lato non è una spesa deducibile per colui che lo eroga. A dirlo è la Commissione Tributaria del Lazio [1]

In verità, sulla questione vi è ancora qualche aula di tribunale che sostiene, al contrario, la imponibilità dell’assegno una tantum.

Cos’è l’assegno una tantum

L’assegno una tantum è un pagamento che, se ritenuto equo dal Tribunale, può avvenire in un’unica soluzione  e definisce completamente, una volta per tutte, i rapporti economici tra gli ex coniugi. Tali rapporti, in questo modo, non potranno più essere modificati in futuro, neanche con una richiesta di revisione delle condizioni di divorzio.

Il coniuge che riceve l’assegno perderà anche il diritto futuro ad una percentuale del TFR o al trattamento pensionistico di reversibilità.

La motivazione della sentenza

Secondo la Commissione Tributaria, l’assegno pagato in un’unica soluzione non può essere considerato reddito perché ha una natura risarcitoria: esso è occasionale. Esso, inoltre, al contrario dell’assegno periodico, non è soggetto a revisione (in base al variare delle condizioni economiche degli ex coniugi) e né può considerarsi una capitalizzazione degli assegni periodici futuri, essendo il suo ammontare rimesso alla libera valutazione delle parti.


note

[1] Commissione Tributaria del Lazio sent. n. 528/01/12 del 19.11.2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Ho ottenuto il divorzio. Nel 1993. A suo tempo ero dipendente amministrativio presso un impresa edile, che purtroppo circa 3 anni fa e’ fallita e sono rimasta senza lavoro. In sede di divorzio dal mio ex non ho ottenuto l’assegno divorzi le in quanto avevo un reddito medio alto. Chiedo cortesemente ad oggi cosa posso fare??

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube