Business | Articoli

Studi di settore: come accedere al regime premiale

31 Maggio 2017 | Autore:
Studi di settore: come accedere al regime premiale

Quali sono gli studi di settore ammessi al regime premiale per l’anno d’imposta 2016? Vediamo di cosa si tratta e quali sono i benefici.

I contribuenti che dichiarano, anche per effetto dell’adeguamento, ricavi o compensi pari o superiori a quelli risultanti dell’applicazione degli studi di settore godono di alcuni benefici.

Congrui e coerenti agli studi di settore: regime premiale

Il regime premiale per quei contribuenti che risultano congrui e coerenti agli studi di settore comporta la semplificazione dei controlli da parte del Fisco.

In particolare, per questi soggetti:

  • sono preclusi gli accertamenti basati sulle presunzioni semplici;
  • sono ridotti di un anno i termini di decadenza per l’attività di accertamento;
  • la determinazione sintetica del reddito complessivo è ammessa a condizione che il reddito complessivo accertabile ecceda di almeno un terzo quello dichiarato.

Condizioni di accesso al regime premiale

L’Agenzia delle Entrate [1] ha stabilito i criteri di accesso per l’anno 2016, simili a quelli già adottati per gli anni 2014 e 2015. La platea dei contribuenti interessati investe 155 studi su 193, pari all’80%, ma non riguarda i professionisti, che continuano a rimanere fuori, esclusi i dentisti e gli amministratori di condominio.

Le condizioni di accesso al regime sono:

  • la coerenza sussiste per tutti gli indicatori di coerenza e di normalità previsti dallo studio applicabile;
  • nell’ipotesi in cui conseguono redditi d’impresa e di lavoro autonomo, l’assoggettabilità al regime di accertamento basato sulle risultanze degli studi di settore sussiste per entrambe le categorie reddituali;
  • la congruità e la coerenza sussiste per tutti gli studi di settore applicabili;
  • hanno regolarmente assolto gli obblighi di comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione degli studi di settore, indicando fedelmente tutti i dati previsti.

I nuovi indicatori di compliance

Il nuovo processo metodologico, in corso di approvazione, volto a determinare l’indice di affidabilità del contribuente porta a una riduzione del numero delle variabili per modello, all’abolizione degli studi di settore e dei cluster e all’introduzione di nuovi indicatori di compliance.

L’indice di affidabilità/compliance rappresenta il posizionamento del contribuente rispetto a una serie di indicatori significativi, su una scala da 1 a 10.

Leggi anche il nostro approfondimento per sapere Cosa sono gli indicatori di compliance.


note

[1] Agenzia delle Entrate provvedimento 23 maggio 2017

Autore immagine: Google Immagini


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube