Diritto e Fisco | Articoli

Numerazione delle fatture dal 2013: i software di fatturazione automatica hanno deciso

10 Gennaio 2013
Numerazione delle fatture dal 2013: i software di fatturazione automatica hanno deciso

Nell’attesa della circolare ministeriale che stabilirà i nuovi criteri, a partire dal 2013, per la numerazione progressiva delle fatture, così come stabilito dalla recente riforma, si pone intanto il problema di quale strada percorreranno le software house che producono e gestiscono software di fatturazione automatica per aziende e professionisti: quale sarà la scelta adottata dai programmi per la contabilità? 

Per rispettare il requisito dell’identificazione univoca in materia di fatturazione, previsto dalla legge di stabilità che recepisce la direttiva Ue 45/2010, le softwarehouse procederanno all’identificazione delle fatture con l’anno solare di emissione. Ogni fattura, dunque,  riporterà, oltre al numero progressivo, anche il numero dell’anno di riferimento e, al termine di ogni esercizio, il numero progressivo del documento si azzererà.

Per avere più chiarezza sui metodi di fatturazione, vi invitiamo a leggere questo articolo

Novità per le fatture: dal 2013 si devono numerare così

Questo dovrebbe essere peraltro l’orientamento che sarà contenuto in una risoluzione dell’Agenzia delle Entrate di prossima emanazione.

È quanto ieri ha ribadito Assosoftware in una nota contenente indicazioni operative alle aziende produttrici di software gestionali e fiscali chiamate ad adeguare le proprie procedure.

Resta ferma la possibilità di numerare le fatture all’infinito, ma la data di partenza della prima fatturazione dovrà iniziare dal primo gennaio 2013. Ciò potrebbe però portare delle criticità nella gestione contabile delle imprese.

Servizio offerto da METAPING

Articolo di Valerio Stoppa, Italia Oggi del 10.01.2013, pag. 22



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube