HOME Articoli

Lo sai che? Commercialista: come evitare un’azione di responsabilità professionale

Lo sai che? Pubblicato il 14 luglio 2018

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 14 luglio 2018

Sono un consulente commerciale e fiscale non iscritto all’albo dei commercialisti. Ho tenuto le scritture contabili e gli adempimenti fiscali per gli anni d’imposta 2015 e 2016 di una srl operante nella ristorazione. C’è un forte rischio di contenzioso in quanto il legale rappresentante non mi ha fatto pervenire una serie di documenti (prima nota cassa ed altri) necessari alla mia prestazione. Si evincono inoltre delle palesi irregolarità nella gestione soprattutto bancaria per assegni post datati e ricavi a nero. Ci sono poi delle situazioni debitorie importanti che potrebbero portare a procedure concorsuali. Nella prossima restituzione dei documenti vorrei inserire nel verbale alcune diciture come liberatoria per il mio operato. Mi occorrono pertanto e per quanto possibile tali scritture da inserire.

L’esigenza del lettore è quella di sottrarsi a una eventuale azione per responsabilità professionale con riferimento all’attività di assistenza fiscale da questi svolta.

In proposito, va segnalata una recente sentenza della Corte di cassazione (precisamente la n. 12463/2016), la quale mette a fuoco alcuni aspetti rilevanti ai fini specifici. In particolare, tale pronuncia statuisce che l’incarico assunto dal commercialista, concernente la rappresentazione contabile dei fatti aziendali del contribuente, implica lo svolgimento di prestazioni professionali sulla base dei dati forniti dal cliente. Ciò perché il rapporto tra commercialista e cliente si configura come un contratto, con il quale il primo si obbliga dietro corrispettivo a fornire la sua prestazione e il secondo deve fornire dati attinenti alla propria situazione finanziaria per permettergli di eseguire l’incarico.

Dunque, il commercialista redige le scritture contabili sulla base dei dati forniti dal cliente, non essendo esigibile un’autonoma attivazione da parte del professionista al fine di reperire voci di spesa da annotare nelle stesse scritture.

La sentenza in commento stabilisce inoltre che il commercialista non ha il compito di sovraintendere all’amministrazione della ditta, ragione per la quale, irregolarità come – a titolo di esempio – l’errata predisposizione dell’inventario o la non regolare tenuta del mastrino di cassa non sarebbero imputabili materialmente e direttamente al professionista.

Pertanto, riguardo alla documentazione che non sarebbe stata consegnata al lettore dalla cliente, risulta opportuna la precisazione, nel verbale di consegna, che i documenti restituiti sono gli unici a suo tempo ricevuti dalla srl, con riferimento agli anni d’imposta 2015 e 2016.

In ordine alle irregolarità da lei rilevate, potrebbe adottarsi una dicitura che escluda qualsiasi responsabilità da parte del lettore.

Si ritiene a parere dello scrivente dunque che il verbale di consegna potrebbe essere impostato nel modo seguente:

ll sottoscritto ………………………………………………. per conto di …………………………………………………… riceve dall’intestato Studio i seguenti documenti – che esauriscono la documentazione relativa agli anni d’imposta 2015 e 2016, consegnata dal medesimo sottoscritto a esso Studio – dopo averne verificato l’integrità e la rispondenza:

1……

2……

3……

Con il ritiro della predescritta documentazione, si esonera codesto Studio da qualsiasi responsabilità in merito sia alla conservazione della medesima e sia alla gestione ordinaria e straordinaria della società, la cui responsabilità ricade esclusivamente sugli amministratori o sugli altri soci della stessa, secondo quanto previsto dall’ordinamento giuridico.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Massimo Coppin


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI