Diritto e Fisco | Articoli

Nuove fatture 2013: i software gestionali come si adeguano alle novità?

9 Gennaio 2013
Nuove fatture 2013: i software gestionali come si adeguano alle novità?

È noto ormai che, dal 2013, le fatture dovranno contenere una numerazione differente rispetto al passato, che le identifichi in modo “univoco”: in attesa però del chiarimento ministeriale che specifichi cosa si debba intendere con la locuzione “in modo univoco”, le softwarehouse hanno deciso di muoversi in uno dei due modi suggeriti dagli ordini dei commercialisti.

I due criteri che potrebbero adottarsi all’alba delle nuove disposizioni legislative sono i seguenti:

 

numerazione progressiva all’infinito: all’inizio di ogni anno solare, il numero della fattura non si azzererà, ma proseguirà in modo progressivo, senza soluzione di continuità. Per es.: se l’ultima fattura del 2013 sarà la n. 104 del 31.12.2013, la prima fattura del 2014 sarà la n. 105 del 01.01.2014. E così via: l’inizio di un nuovo anno solare non determinerà l’azzeramento del numero delle fatture.

numerazione composta da un classico numero progressivo: insieme al numero progressivo, ciascuna fattura conterrà anche il riferimento dell’anno solare di emissione. Il numero della fattura, poi, si azzera all’inizio del nuovo anno solare. Per es.: l’ultima fattura del 2013 potrà essere la n. 104/13 del 31.12.2013 mentre la prima fattura del 2014 potrà essere la n. 01/14 del 01.01.2014.

Delle due soluzioni, le softwarehouse hanno deciso di adottare, per i loro programmi di gestione automatica delle fatture, la seconda (numerazione composta da un classico numero progressivo). Infatti la prima metodologia potrebbe portare, a lungo andare, a numeri particolarmente estesi per le società che emettono una gran mole di fatture.

Molti software si aggiorneranno automaticamente online. Sarà sempre bene chiedere al proprio rivenditore dettagli su come adeguare il programma alla nuova legge



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube