Diritto e Fisco | Articoli

Ricorsi Equitalia tutti nulli: difetto di procura

12 Gennaio 2013
Ricorsi Equitalia tutti nulli: difetto di procura

Numerosi ricorsi e appelli tributari, proposti da contribuenti e dalla stessa Equitalia rischiano di essere dichiarati nulli e inammissibili per “difetto di procura”.

Con una sentenza dagli effetti dirompenti, la Commissione Tributaria Regionale del Lazio, ha affermato che se la procura ad litem (quella cioè rilasciata dal cliente al proprio difensore) non è legata al corpo dell’atto con un timbro di congiunzione, la stessa deve ritenersi inadeguata al raggiungimento degli scopi preposti, con conseguente inammissibilità dell’atto: sia esso un giudizio di primo grado o di appello.

In alternativa al timbro di congiunzione, è possibile indicare, nella procura, gli elementi idonei a riconoscere la vertenza a cui la stessa si riferisce: in altre parole, sarà necessario indicare gli estremi del giudizio, le parti, l’atto impugnato, ecc..

A fare le spese di questa rigorosissima decisione è stata, questa volta, Equitalia, che si è vista dichiarare inammissibile un ricorso in appello proposto contro una decisione della Commissione Tributaria Provinciale di Roma che aveva dato ragione al contribuente.

Tuttavia, lo stesso principio potrà applicarsi anche al contribuente. Con tutte le conseguenze che ciò comporterà.


La procura rilasciata, in un foglio separato, al difensore, per i giudizi innanzi alle Commissioni Tributari deve essere “collegata” al resto dell’atto con un timbro di congiunzione o indicare gli estremi del giudizio. Altrimenti il ricorso è inammissibile

note

[1] Comm. Trib. Reg. Lazio, sent. n. 247/29/2012, del 6.12.2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube