HOME Articoli

Miscellanea Major del porno fanno causa: no obbligo del preservativo

Miscellanea Pubblicato il 13 gennaio 2013

Articolo di

> Miscellanea Pubblicato il 13 gennaio 2013

I big dell’industria cinematografica americana del porno hanno intentato una causa contro la Contea di Los Angeles per l’approvazione di una norma che obbliga all’uso del preservativo nelle scene di sesso.

La misura restrittiva, passata con il nome di “Measure B”, è stata votata con un pubblico referendum. Così le società Vivid Entertainment, Califa Productions e dagli attori hard Kayden Kross e Logan Pierce hanno presentato una citazione in giudizio dinanzi la Corte federale.

Sullo stesso tema, qualche mese fa, era sceso in campo l’attore e produttore Rocco Siffredi il  quale si era dichiarato contrario all’uso del condom nei film porno: “Noi siamo come i militari che vanno in guerra e sanno di rischiare la vita. So che faccio un lavoro per cui si può morire”.

Poi, spezzando una lancia in favore dei propri colleghi, aveva rivelato: “Senza preservativo è già difficile per gli attori eccitarsi figuriamoci con il condom. Tanti colleghi sono abituati da anni e non ce la farebbero, nonostante pillole, punturine e doping”.

Lo scopo della Contea californiana è stato, ovviamente, quello di dare il buon esempio nel caso di rapporti protetti dal profilattico.

A riguardo, però, lo stesso Siffredi aveva apostrofato: “Gli spettatori non vogliono vedere il preservativo, cambiano canale o tolgono il film”.

Intanto Larry Flynt ha già pronto il trasferimento delle sue produzioni in altri Stati più permissivi: Arizona, Hawaii e l’immancabile Mexico.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI