Diritto e Fisco | Editoriale

Quali cartelle esattoriali non si pagano più?

8 luglio 2018


Quali cartelle esattoriali non si pagano più?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 8 luglio 2018



Cartelle di pagamento fuori termine: ecco cosa devi togliere dal calcolo finale che devi versare al fisco.

Ti è arrivato un sollecito di pagamento da parte dell’Agenzia delle Entrate Riscossione e non sai come orientarti? Nel foglio con il dettaglio delle somme sono indicate diverse cartelle di pagamento insolute e alcune di queste risalgono a diversi anni fa, tanto da averne perso ormai memoria? È molto probabile che tu ti stia chiedendo ora quali cartelle esattoriali non si pagano più. Un dubbio più che legittimo: non è raro – anzi è la regola – che l’Esattore invii ai contribuenti, con un’unica intimazione di pagamento, la sintesi di tutte le imposte da questi dovute, anche quelle ormai cadute in prescrizione ma che nessun giudice ha mai cancellato. Un comportamento deprecabile: e questo perché non ci dovrebbe essere bisogno di un tribunale per eliminare dal totale ciò che non è dovuto. Tanto più se si tiene conto che l’ente della riscossione dovrebbe sapere quali cartelle sono fuori termine e non sono esigibili. Del resto, non si tratta di conti difficili: nella peggiore delle ipotesi, la prescrizione può arrivare a massimo dieci anni, proprio quanti le dita delle due mani. Mani che evidentemente il fisco sa usare quando deve prendere ma non quando è deve contare la prescrizione.

Capita così che gli italiani si trovino sul groppone debiti riferiti a molti anni fa e che nessun ufficio si è mai preso la briga di cancellare senza un ordine di un tribunale. E magari capita anche che qualcuno, per ignoranza o distrazione, paghi ciò che non è dovuto. Ecco perché in questo articolo ti vogliamo indicare quali cartelle non si pagano più. Vediamo dunque come fare questa semplice verifica.

Controlla l’estratto della cartella

Ogni cartella o intimazione di pagamento deve essere “motivata”, deve cioè contenere un dettaglio in cui sono indicati gli estremi delle imposte non versate (o che si assumono non essere state versate). Lì troverai alcuni dati utili ai fini che ci interessano in questa sede:

  • il tipo di tassa (Imu, Irpef, Iva, bollo, ecc.) e il relativo codice;,
  • l’anno a cui il tributo non versato si riferisce ed in cui andava pagato;
  • l’importo del tributo iscritto a ruolo;
  • gli oneri di riscossione e gli interessi
  • il numero di ruolo e la data in cui il ruolo è stato reso esecutivo;
  • il nome dell’ente impositore (Agenzia Entrate, Comune, Regione, Inps, ecc.);
  • il responsabile del procedimento di iscrizione a ruolo a cui rivolgerti.

Se invece hai ricevuto una intimazione di pagamento (quella con cui ti viene sollecitato un pagamento che avresti dovuto già fare entro 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale e che evidentemente non hai eseguito) troverai anche:

  • il numero della o delle cartella/e di pagamento non versate;
  • la data di notifica della stessa.

Se non riesci a trovare questi dati o hai perso la cartella puoi sempre chiedere un estratto di ruolo online o allo sportello in cui troverai tutti i dettagli che ti servono.

Ciò che ti interessa di più per stabilire quali cartelle non si pagano più è la data di riferimento dell’imposta o, nel caso di intimazione di pagamento, la data di notifica dell’ultima cartella.

Se questa data supera i termini che a breve vedremo, vuol dire che si è formata la prescrizione e che quindi non devi pagare nulla. Il tutto però a condizione che nel frattempo tu non abbia mai ricevuto una raccomandata con un sollecito, la quale avrebbe l’effetto di interrompere i termini e farli decorrere da capo.

Irpef

Se la cartella di pagamento indica che non hai pagato l’Irpef, non sono da pagare le somme che si riferiscono a più di 10 anni da quando hai ricevuto la cartella stessa. Se invece si tratta di una intimazione di pagamento, devono essere decorsi 10 anni dalla notifica della cartella.

Ci sono però molte recenti sentenze secondo cui il termine di prescrizione dell’Irpef è di 5 anni. Al momento la Cassazione non ha sposato questa tesi più favorevole al contribuente ma è verosimile che prima o poi si esprimerà sul punto.

Iva

Se la cartella dice che non hai pagato l’Iva e questa si riferisce ad arretrati di più di 10 anni fa non devi pagare. Stesso discorso per l’intimazione di pagamento che si riferisce a cartelle spedite più di 10 anni fa.

Imposta di bollo e di registro

Anche l’imposta di bollo e di registro si prescrivono in 10 anni. Pertanto, non sono da pagare tutte le cartelle che chiedono il pagamento per arretrati di almeno 11 anni fa.

Imu, Tasi e Tari

Le tre imposte collegate alla casa, ossia l’Imu, la Tasi e la Tari (l’imposta sui rifiuti) sono di competenza comunale e come tutte le imposte locali cadono in prescrizione dopo cinque anni. Pertanto, se ti è arrivata una cartella con l’Imu di sei anni fa o una intimazione di pagamento per una cartella a titolo di Tari che ti è stata notificata oltre cinque anni fa non sei tenuto a pagare.

Contributi previdenziali

Stesso discorso per i contributi previdenziali, quelli cioè dovuti a Inps e Inail. Anche qui la prescrizione è di cinque anni.

Multe stradali e sanzioni amministrative

Le multe stradali, come tutte le sanzioni amministrative, hanno un termine di prescrizione di cinque anni. Non vanno quindi pagate le cartelle notificate oltre questo termine.

Bollo auto

Chiude in bellezza la tassa automobilista. “In bellezza” perché è quella che si prescrive prima: solo tre anni a decorrere dal 1° gennaio dell’anno successivo alla scadenza del tributo. Questo significa che del bollo non versato nel 2017 ti liberi solo il 31 dicembre 2020.

Cosa fare se la cartella non deve essere pagata

Se ti arriva una cartella per una tassa ormai prescritta o una intimazione di pagamento per cartelle notificate prima dei suddetti termini puoi rivolgerti al giudice competente e impugnarla per prescrizione. Verifica bene prima di non aver ricevuto, in precedenza, dei solleciti di pagamento che potrebbero aver interrotto la prescrizione.

In realtà se si tratta di una cartella di pagamento puoi chiederne la sospensione all’Agente della riscossione seguendo il meccanismo che ti abbiamo spiegato in Sospensione della cartella di pagamento. In questo caso, se non ricevi riposta entro 220 giorni la cartella si considera annullata.

Invece se hai nel cassetto da molti anni delle cartelle e, in questo periodo, alcune di queste si sono prescritte non puoi ricorrere al giudice perché il termine per farlo è di 60 giorni dalla loro notifica. Allora dovrai attendere un eventuale e successivo sollecito di pagamento e impugnare quest’ultimo. Se non ricevi nulla, tanto meglio per te.

note

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI