Business | Articoli

Pensioni ex dipendendi pubblici, 14esima in arrivo…

9 Giugno 2017
Pensioni ex dipendendi pubblici, 14esima in arrivo…

Saranno 1,2 milioni i pensionati che riceveranno dell’assegno dell’Inps con la 14esima. Ad annunciarlo è stato il presidente dell’Inps Tito Boeri.

Il bonus spettava a circa 2 milioni di pensionati con un reddito inferiore a 1,5 volte il minimo. Ma ora le cose stanno per cambiare. È in arrivo, a giugno, una nuova platea di pensionati che presto potrebbe ottenere un nuovo incentivo del 30%. Una svolta.

La 14esima – lo ha precisato il presidente dell’Inps Tito Boeri – «è destinata a essere più ampia rispetto a quella prevista inizialmente» dal bonus previsto dalla Legge di Bilancio [1].

 

A chi spetta il bonus sulla 14esima?

Agli ex dipendenti pubblici. «Attualmente sono circa 8mila, saliranno a 125mila, con un incremento del 1500%». In totale, ha aggiunto «la platea di quelli che la riceverà sarà più ampia di quella prevista inizialmente». Per sapere a chi spetta la 14ma a partire da luglio ti consigliamo di guardare il nostro approfondimento Quattordicesima per pensionati: importi e requisiti.

 

I nuovi voucher: un salario minimo

«Sono uno strumento sicuramente utile, molto diverso dai vecchi voucher» ha poi osservato il presidente. Rappresentano un contratto di lavoro che di fatto realizza una sorta di salario minimo. «Sono dei veri e propri contratti», ha spiegato, per i quali è prevista «la registrazione telematica che ci dà la possibilità di conoscere, prima che la prestazione lavorativa venga svolta, l’identità del lavoratore e quando la prestazione potrà essere svolta. E questo ci permette di controllare che effettivamente la prestazione venga svolta, allarga l’assicurazione permette di verificare che i contributi previdenziali vengano versati e, in questo quadro, di fatto, viene a porre in essere un salario minimo».


[1] L. n. 232 dell’11.12.2016.

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube