Diritto e Fisco | Articoli

Cartelle di pagamento in pdf nulle

9 luglio 2018


Cartelle di pagamento in pdf nulle

> Diritto e Fisco Pubblicato il 9 luglio 2018



Notifica a mezzo di pec, posta elettronica certificata: i giudici confermano che il formato pdf non garantisce l’autenticità dell’atto.

Come tanti altri contribuenti in questi ultimi tempi, anche tu hai ricevuto una cartella di pagamento con la Pec, la posta elettronica certificata di cui ti sei dotato ormai da alcuni anni. Nell’aprire il file, però, ti sei accordo che l’allegato – contenente una copia della cartella medesima, con il dettaglio delle somme dovute, l’indicazione dei tributi, i codici, gli importi e l’indicazione del responsabile del procedimento – è in formato pdf. Non c’è, da nessuna parte, la firma dell’incaricato o del direttore o di chiunque altro possa farti assicurarti che l’allegato è corretto ed autentico. Hai sentito dire che le cartelle di pagamento in pdf sono nulle; perciò valuti la possibilità di fare ricorso. Qual è l’orientamento attuale della giurisprudenza sul punto? Se dovessi rivolgerti al giudice per chiedere l’annullamento della pretesa di pagamento avresti chance di vittoria? La questione è stata di recente analizzata dalla Commissione Tributaria Provinciale di Vicenza [1]. Ecco cosa è stato detto in questa occasione: l’ennesima in cui i giudici si sono confrontati con il problema della validità delle notifiche delle cartelle a mezzo pec, prive però di firma digitale.

Premesso che sul punto non si è ancora pronunciata la Cassazione e che solo questa, probabilmente, potrà definire qual è la corretta interpretazione (fermo restando che, anche in tal caso, ogni tribunale avrà comunque l’autonomia di decidere in modo differente e secondo il proprio orientamento), sono numerose ad oggi le sentenze secondo cui le cartelle di pagamento in pdf sono nulle. E questo perché tale formato non garantisce l’originalità dell’allegato se manca la firma digitale. Cerchiamo di fare un esempio.

Se, aprendo la tradizionale busta cartacea inviata con raccomandata a/r da Agenzia Entrate Riscossione trovassi la cartella di pagamento in semplice fotocopia e non in originale non avresti dubbi a impugnarla perché non autentica. In tale ipotesi, molto probabilmente, il giudice ti darebbe ragione e annullerebbe l’atto. Lo stesso ragionamento viene esteso alla posta elettronica certificata: il pdf sta all’email come la fotocopia sta alla carta tradizionale.  

Secondo la Ctp di Vicenza, quindi, la notifica tramite posta elettronica certificata della cartella di pagamento richiede, a pena di nullità, che quest’ultima sia stata firmata digitalmente. Il che, in termini pratici, significa che l’allegato non deve essere in formato pdf ma p7m, l’estensione che caratterizza i documenti muniti di firma digitale. 

L’agente della riscossione, sino ad oggi, si è difeso in giudizio sostenendo che la notifica tramite posta elettronica certificata, al pari di quella tradizionale cartacea, non richiede la sottoscrizione digitale dei documenti allegati. Nessuna sentenza infatti ha sino ad oggi affermato che le cartelle di pagamento debbano essere firmate a penna, essendo sufficiente solo che, dall’intestazione dell’atto, si possa desumere la sua provenienza e che, nel suo contenuto, sia indicato il soggetto responsabile del procedimento a cui rivolgersi. 

Inoltre, l’Esattore evidenzia che, nel momento in cui il contribuente impugna la cartella notificata a mezzo Pec, sta dimostrando di averne avuto conoscenza: il che significa che la notifica ha raggiunto il suo scopo e che il contribuente non può più contestarla. Il che è un principio ormai stabile in tema di notifica: quando il destinatario dimostra di aver ricevuto l’atto non può più contestarlo a meno che non si tratti di un vizio particolarmente grave che esclude proprio la sua esistenza (si pensi a una email semplice e non alla Pec). Queste difese sono state considerate convincenti da alcuni tribunali. Non però per la sentenza in commento, la quale si è peraltro messa nella scia di numerosi altri giudici [2]. Per cui, nella battaglia sulla questione delle validità della notifica della cartella di pagamento con pdf è ancora incerta l’interpretazione corretta. 

Sicuramente, con la Pec si può procedere a notificare il documento informatico della cartella di pagamento al posto di quella cartacea. Bisognerà che la Cassazione stabilisca se la tipologia di file scelto per la notifica, nella fattispecie il .pdf, garantisce la conformità del documento informatico all’originale e se la firma apposta sia valida.

I giudici vicentini concludono che la cartella di pagamento allegata a un messaggio di posta elettronica certificata deve, a pena di nullità, essere firmata digitalmente e avere, perciò, l’estensione .p7m. L’estensione .p7m garantisce l’integrità e la “non modificabilità” del documento informatico e, in relazione alla firma digitale, consente a chi riceve la notifica di identificarne l’autore e, quindi, la paternità o riferibilità della sottoscrizione medesima.

note

[1] Ctp Vicenza sent. n. 821/2017.

[2] Ctp Treviso sent. n. 93/1/2018.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Leggo sempre con piacere le vostre pubblicazioni, ma oggi mi permetto di far notare che integrità ed immodificabilità sono garantiti anche dalla PEC (e da altre soluzioni), purché si conservi ed analizzi sempre il file eml nel suo complesso e non il solo PDF
    Detto questo, quando prevista la firma (digitale), dove lo scopo invece è ad indicare l’originalità del documento ovvero la sottoscrizione della richiesta manifesta (nel caso di pagamento) da parte dell’interessato/responsabile, è possibile procedere con la firma digitale qualificata e questa può comportare la generazione (imbustamento del file originale in ) un file P7M o in un nuovo file PDF sottoscritto che mantiene l’estensione PDF
    Nel procedimento informatico, probabilmente per svista, si era riportata nella norma la componente tecnologia (formato/estensione) da utilizzare, ma questo è stato un errore ed oggi è corretto utilizzare la “firma PDF” pades in ogni ambito dove sia già richiesta la firma cases (P7M). La pades non solo garantisce la validazione della firma e del documento, ma consente di rendere intellegibili le informazioni sia di firma che del contenuto del documento con il diffuso lettore PDF e senza l’istallazione di altri software di visualizzazione e questo di estende ad ogni tipologia di firma elettronica, inclusa la xades (xml) dove in tal modo si agevoli l’operatività e soprattutto la reperibilità bel lungo periodo delle informazioni racchiuse nel documento informatico
    Non sono un legale e quindi lascio a voi la verifica della norma, circolare o sentenza a riprova di quanto ho condiviso e di cui sono sufficientemente certo
    Da ultimo approfitto per condividere un mio desiderio sul tema: l’abolizione della possibilità di indicare “firma apposta meccanicamente/a mezzo stampa …”, perché i documenti digitali possono essere sottoscritti in digitale anche massivamente ed automaticamente, decadendo così la necessità di rinunciare ad una firma verificabile a vantaggio della quotidiana gestione delle pratiche
    Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI